Impianto idroelettrico di Corenno (LC) - Intervento di abbassamento della diga Pagnona con classificazione tra le opere di competenza Regionale

di Francesco Mariani


Nella fase preliminare del progetto sono state analizzate le diverse possibilità che rispondevano a questi obiettivi e che andavano dall’incremento di volume della diga,
mantenendo l’attuale livello di massima regolazione, alla riduzione del livello di invaso,
mantenendo in questo caso la geometria della diga (o almeno parte di essa).
Le valutazioni economiche effettuate, tenendo conto dei costi di costruzione ma anche dei minori ricavi per la perdita di volume utile invasato, hanno portato alla scelta di ridurre il livello di invaso, abbassando la quota di sfioro e mantenendo la parte nferiore della diga nelle condizioni attuali.
L’abbassamento proposto in progetto, con la modifica alla geometria che questo omporta, è superiore a quanto strettamente necessario per adeguare la diga ai parametri di stabilità prescritti dalla normativa attuale.
E’ stato però scelto di limitare comunque l’altezza massima della diga a 15 m, in modo di declassarla dalla attuale condizione di opera iscritta al R.I.D. e far rientrare l’opera tra gli sbarramenti minori di competenza regionale, secondo la casistica prevista dalla L. 584/1994.
I lavori in progetto non determinano modifiche allo stato dell’alveo e delle sponde del bacino.
L’intervento descritto di seguito è quindi finalizzato al raggiungimento degli scopi sopra
enunciati. Il progetto è stato redatto secondo le indicazioni della Legge Regionale n. 8/1998
e del D.M. LLPP del 24 marzo 1982.

- Autori: ENEL S.p.A. Divisione Generazione ed Energy Management
Unità di Business di Sondrio
- Titolo: DIGA DI PAGNONA COMUNE DI PREMANA (LC) Progetto di abbassamento della diga con classificazione tra le opere di competenza regionale


titre documents joints

(pubblicato il 12 giugno)