Home > Gli autori > Gioele Grandicelli

Gioele Grandicelli




Uno dei giovani redattori di ProgettoDighe, è attivo dal 2009.

Condivide la sua passione con Enrico Moreni, alleanza alla quale hanno dato il nome di "Tripla Emme". Insieme lavorano fianco a fianco nella ricerca, nello studio, e nella visita, degli impianti idroelettrici del Centro-Nord Italia.

Attivo principalmente nell’Asta ENEL Fiume Serchio, nell’Asta ENEL Torrente Lima, nell’Impianto HydroVersilia di Cardoso e nell’Impianto ENEL Green Power di Lombrici, ed inoltre nell’Asta ENEL Fiume Piave.

Gli ultimi articoli pubblicati:

  • Giaredo

    La diga di Giaredo fa parte dell’asta del Magra, insieme a quella di Rocchetta, va ad alimentare la centrale di Teglia. Si trova sul torrente Gordana nei pressi dell’abitato di Giaredo rientrante nel Comune di Zeri (MS).
    La storia La Società Acciaierie e Ferriere Lombarde Falck, subentrò, nel 1930, alla Società Forze Idrauliche Alto Magra, nel progetto, risalente al 1921, di costruzione di un gruppo d’impianti idroelettrici e di serbatoi per utilizzare il fiume Magra ed i suoi affluenti in (...)

    (continua)
  • Rocchetta

    L’impianto idroelettrico di Rocchetta utilizza i rii Teglia, Mangiola e Dorbola. L’opera di sbarramento principale è la diga di Rocchetta, che sbarra la valle del torrente Teglia, affluente di destra del fiume Magra. Lo sbarramento sottende un bacino imbrifero diretto di 29.6 km2 ed uno allacciato di 14.1 km2, per un totale di 43.7 Km 2. La diga, alta 76 m e con uno sviluppo al coronamento di 136 m circa, crea l’omonimo serbatoio di regolazione stagionale, con volume d’invaso di 5.000.000 m3 (...)

    (continua)
  • Ova Spin

    La diga di Ova Spin è stata costruita per creare un serbatoio polmone tra due impianti. Il manufatto si trova presso una profonda gola di erosione fluviale a pochi km a valle della località Ova Spin, sul fiume Spöl.
    La diga di Ova Spin va ad alimentare la centrale di Pradella. L’invaso raccoglie le acque di scarico della centrale di Ova Spin, ricavata direttamente all’interno della struttura di accompagnamento delle acque di sfioro della diga stessa, e funge da serbatoio polmone tra l’impianto (...)

    (continua)