Bolzano Maxicentrale idroelettrica Talvera a impatto zero

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali del Triveneto. Le discussioni sul Vajont vanno invece sulla sezione dedicata a quest'impianto.

Bolzano Maxicentrale idroelettrica Talvera a impatto zero

Messaggioda Funivie.org » dom dic 16, 2018 12:43 pm

https://www.ilgazzettino.it/nordest/pri ... _bxyud2bjo

BOLZANO - Una centrale idroelettrica con una produzione annua di 270 Gwh, ovvero il fabbisogno di una città come Catania, completamente nascosta in una montagna: è l'innovativo progetto, che la società privata Eisackwerk sta realizzando a Bolzano e che entrerà in funzione nel mese di marzo 2019.

La nuova centrale di Sant'Antonio, alimentata dal fiume Talvera sostituirà quella vecchia, risalente al 1951 e che aveva una produzione molto inferiore. L'accesso all'impianto è unico nel suo genere in Europa perché interamente realizzato in galleria. Nel cuore di Monte Tondo sta nascendo un'infrastruttura all'avanguardia realizzata da due imprenditori bolzanini, Helmuth Frasnelli e Karl Pichler, e non da un cosiddetto big player. La concessione per la centrale di Sant'Antonio è stata assegnata alla Eisackwerk, che gestisce già un altro impianto a Rio Pusteria, solo dopo un lungo braccio di ferro giudiziario. Sono stata scavate complessivamente 1,8 km di gallerie, di cui oltre 500 metri in "caduta libera". Attualmente vengono saldati enormi tubi d'acciaio con un diametro di 2,2 metri. L'acqua arriva così da una diga in val Sarentino con 18 mq/s alle tre turbine che avranno una potenza complessiva di 90 Mw.

«Un bel salto in avanti, se pensiamo che il vecchio impianto non superava i 73 Mw», racconta soddisfatto Frasnelli. La vera novità riguarda però il riflusso nel Talvera. Il fiume, uno dei tre che attraversano il capoluogo altoatesino, alimentava già la vecchia centrale, ma le sue improvvise piene dell'hydropeaking possono però diventare molto pericolose. Sono infatti 21 le persone annegate negli ultimi 70 anni nelle acque del Talvera. In futuro un enorme bacino di demodulazione di 95 mila metri cubi, una gigantesca cisterna alta 12 metri e interamente scavata in caverna, eviterà i pericolosi picchi di piena e garantirà un livello costante del torrente. Il flusso costante d'acqua è anche importante per la fauna ittica. L'investimento totale per l'impianto da 90 Mw ammonta a 55 milioni di euro. «L'avventura è iniziata 14 anni fa. Oggi siamo un esempio in Europa per la produzione di energia elettrica sostenibile e nel rispetto dell'ambiente», sottolinea soddisfatto l'imprenditore bolzanino.
Avatar utente
Funivie.org
Montanaro
 
Messaggi: 250
Iscritto il: sab feb 11, 2006 11:43 pm

Re: Bolzano Maxicentrale idroelettrica Talvera a impatto zer

Messaggioda valentino_furlan » dom dic 16, 2018 12:46 pm

Impianto unico in Europa perché realizzato in caverna? Mah...

Inviato dal mio moto g(6) plus utilizzando Tapatalk
valentino_furlan
Comunista
 
Messaggi: 4
Iscritto il: gio lug 27, 2017 6:54 pm

Re: Bolzano Maxicentrale idroelettrica Talvera a impatto zer

Messaggioda Funivie.org » dom dic 16, 2018 2:11 pm

Penso si riferiscano al bacino di demodulazione, come quello che vorrebbero fare a Lana
Avatar utente
Funivie.org
Montanaro
 
Messaggi: 250
Iscritto il: sab feb 11, 2006 11:43 pm

Re: Bolzano Maxicentrale idroelettrica Talvera a impatto zer

Messaggioda brigaboom » lun dic 17, 2018 1:17 am

Presa singolarmente nessuna delle soluzioni tecniche utilizzate in quest'impianto è una novità assoluta, ma il fatto di averne tante tutte assieme è notevole.

- Una galleria a sezione allargata da usare come bacino è un'idea utilizzata fin dagli anni 40, ma qui la novità è il fatto di usarlo sul canale di scarico, e non come camera di carico. All'uscita verso il Talvera, inoltre, ci saranno alcune kaplan per sfruttare il salto residuo.
- Lo scavo di una galleria verticale con TBM, come qui, è standard nell'industria mineraria, nell'idroelettrico solo ora si inizia ad usarlo (ed è già la seconda realizzazione di questo tipo da parte del gruppo Eisackwerk).
- Un conoscente che ha visitato il cantiere mi ha inoltre riferito che anche le opere civili all'interno della galleria sono innovative rispetto alle classiche centrali in caverna (volta sorretta da elementi autoportanti in cemento precompresso, appoggiata su micropali infilati in diagonale nelle pareti; non chiedetemi dettagli perché non ne so abbastanza).

Non saprei dire se l'impianto sia effettivamente unico, ma sicuramente non si può dire che abbiano seguito l'ammuffita filosofia del "abbiamo sempre fatto così".
brigaboom
Montanaro
 
Messaggi: 260
Iscritto il: sab ott 26, 2013 8:27 pm


Re: Bolzano Maxicentrale idroelettrica Talvera a impatto zer

Messaggioda Funivie.org » gio gen 17, 2019 10:48 pm

Se organizzeranno visite non mancherò di documentare per tutti
Avatar utente
Funivie.org
Montanaro
 
Messaggi: 250
Iscritto il: sab feb 11, 2006 11:43 pm


Torna a Nord-est: Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti