Impianti idroelettrici in Valle d'Aosta

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali del Piemonte, Valle d'Aosta e Liguria

Impianti idroelettrici in Valle d'Aosta

Messaggioda francis » gio mag 13, 2010 9:17 pm

Ho voluto aprire questa discussione per portarvi a conoscere una zona che mi pare non sia battuta dagli utenti abituali, ma che dal punto di vista idroelettrico offre innumerevoli spunti :wink: .

Le centrali valdostane, una volta Enel, sono da un po' di anni esercite dalla Compagnia Valdostana delle Acque (CVA), il cui sito internet è veramente ottimo, avendo una sezione "impianti" in cui ogni centrale e ogni diga sono descritte in modo approfondito e corredate da foto.

La società ha 29 centrali e 5 dighe, le potete scoprire tutte sul sito di cui parlavo prima. Di seguito vi riporto alcune "istantanee" che ho scattato in tempi diversi, tanto per mettere un po' di carne al fuoco :-D .

Le centrali le ho visitate in occasione della Giornata Nazionale dell'Energia Elettrica, che si svolge (lo saprete sicuramente...) a inizio ottobre: in occasione dell'evento, la CVA apre 4 centrali diverse ogni anno!

Partiamo dalla diga ammiraglia della Valle: Place Moulin, in alta Valpelline. Una delle maggiori d'Italia, ad arco-gravità, alta 155 m e capace di 105 milioni di metri cubi d'acqua :shock: .

Immagine

Immagine

La stessa alimenta la centrale di Valpelline, la più potente della valle: 130 MW.

Immagine

La Valle, però, ospita altre specialità, molte delle quali nascoste ai più:

La diga di Goillet, a oltre 2500 m di quota, visibile dagli impianti di Cervinia (per chi c'è stato, il lago è costeggiato dalla pista Ventina).

Immagine

La candida centrale di Covalou del 1926, lungo la strada di Cervinia, con l'antistante vasca di demodulazione che funge da carico per il salto successivo.

Immagine

...e tante altre meraviglie!
Ultima modifica di francis il gio set 22, 2011 9:10 pm, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
francis
Geometra
 
Messaggi: 633
Iscritto il: lun mag 10, 2010 7:12 pm

Messaggioda Il guardiano della diga » gio mag 13, 2010 9:30 pm

Ho apprezzato molto la descrizione e le foto degli impianti di una terra che non ho mai visitato, ne dighisticamente ne per altri scopi.
Ma sinceramente ti faccio i miei complimenti perchè dai pochi post che hai scritto sino ad ora ho visto che hai girato parecchio per questa tua passione ed ti sei goduto tanti meravigliosi impianti! :-)
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda Joey » gio mag 13, 2010 10:35 pm

Ne approfitto di questo topic per postare questo pidieffe sulla BELLISSIMA diga di Place Moulin:
Immagine
Buona lettura! :-D :wink:
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda Il guardiano della diga » ven mag 14, 2010 7:43 am

Interessante questo documento che mi sono scaricato per leggere con calma. :-D
Ieri sera gli davo appunto un'occhiata ed è davvero molto curioso capire le fasi di sondaggio, analisi e consolidamente quando una diga, o le sue fondazioni, presentano problemi.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda phante » ven mag 14, 2010 8:39 am

In Val d'Aosta ho avuto occasione di passare una sola volta durante il ritorno dalla gita alla Grande Dixienxe e devo dire che i suoi paesaggi sono veramente stupendi. Purtroppo all'epoca non ho potuto spingermi sull'aspetto "dighico" della regione :-( quindi guarderò a questo topic con estremo interesse. Ottimo lavoro e continua cosi! ;-)
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5035
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Suomi » ven mag 14, 2010 10:41 am

:-D Jo' si è subito illuminato ed ha avuto un sussulto quando ha visto questo nuovo topic sugli impianti valdostani ed, in particolare, Place Moulin...

Ahhhhh...finalmente una boccata d'aria nuova ed, indubbiamente, fresca! Ottimo lavoro francis!!! :wink:
Suomi
 

Messaggioda cestò » ven mag 14, 2010 6:00 pm

Scusate se ho solo questa :oops: ma...meglio di niente :wink:

Immagine
Si tratta del bacino della diga di Goillet, l'ho scattata dalla vetta della Testa Grigia, nei pressi del Plateau Rosa. Ci si arriva per mezzo della funivia che parte da Cervinia e dalla quale si può ammirare anche la diga, in questo modo: http://www.skiinfo.it/lounge/index.jsp? ... edId=34787
...e questi sono i dati dell' impianto:
http://www.idroelettrica-ao.it/DesktopM ... ?ItemID=32

Con la funivia ci sono passato a fianco ma, rimasto a fissarla talmente era bella, non ho pensato di scattare una foto :roll: :oops:


Ovviamente, per arrivare a Cervinia, lungo la strada ho ammirato questo gioiello:
francis ha scritto:La candida centrale di Covalou del 1926, lungo la strada di Cervinia, con l'antistante vasca di demodulazione che funge da carico per il salto successivo.

Immagine

Bellissimo topic Francis!!! :-D
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda Joey » ven mag 14, 2010 7:25 pm

Sentite qua:
Ieri sera, approfittando di questo topo, volevo scrivere un reportage sulle dighe valdostane.......
Quindi, ho voluto fare una approfondita ricerca sull'argomento; naturalmente sono andato in ordine di altezza, quindi ho cominciato con Beauregard...
Immagine
Come voi tutti (credo) sapete, l'invaso di Beauregard, è stato limitato per via di un movimento franoso che interessa la sponda Sx idrografica che ha fessurato in modo impressionante la diga.......
:shock:
Per questo l'invaso è stato ridotto fino al massimo svaso......
Ho voluto approfondire l'argomento e quindi mi sono imbattuto in questo testo del tipo "Horror" :shock: :shock: :shock: :shock: :shock:
Tenetevi forte prima di leggerlo, perchè io stavo per svenire quando l'ho letto! :shock:


Taglio di cinquanta metri alla diga di Beauregard
La diga di Beauregard, in Valgrisenche, verrà abbassata di cinquanta metri. La decisione di eseguire i lavori di messa in sicurezza, da anni sollecitati dall'Amministrazione regionale, è stata approvata giovedì 25 febbraio dall'Assemblea della quarta sezione del "Consiglio superiore dei lavori pubblici": la proposta è arrivata direttamente dal commissario straordinario Mario Toti.
L'intervento, del costo stimato di oltre venti milioni di euro a carico della "Compagnia valdostana delle acque - Cva", verrà realizzato nell'arco di cinque anni: oltre all'abbassamento della diga di circa cinquanta metri, verrà anche eseguito un taglio verticale per diminuire la tensione delle spinte laterali, oltre alla realizzazione di numerose opere accessorie. «Questo investimento garantirà la sicurezza della diga - commenta il presidente della Regione Valle d'Aosta, Augusto Rollandin, presente alla riunione per l'esame del progetto insieme al sindaco di Valgrisenche, Piergiorgio Barrel - ed anche la sua funzione di laminazione delle piene e consentirà, nel contempo, la continuità produttiva dell’impianto».
La diga, entrata in funzione nel 1959, avrebbe dovuto invasare 72 milioni di metri cubi di acqua alla quota massima di 1.770 metri di quota ma alcune lesioni nella struttura muraria hanno fatto abbassare l'invaso, in via precauzionale, a 1.710 metri: «dalle indagini sul drenaggio dell'acqua non sono emersi problemi - aggiunge Rollandin - gli studi effettuati hanno evidenziato che la diga, con i limiti di esercizio imposti in sede di collaudo, non ha problemi di stabilità e c'è quindi la possibilità di mantenimento dell'invaso, che è uno dei più importanti nella nostra regione per la produzione di energia elettrica. In accordo con il Comune di Valgrisenche, si procederà inoltre ad una riqualificazione e ad un recupero della zona e dei villaggi di Beauregard e Fornet, a monte della diga».
Il progetto verrà adeguato dal commissario straordinario Toti, in accordo con la "Direzione generale dighe": è previsto anche un intervento per l'installazione di un impianto di ripompaggio alla diga di Cignana, a Valtournenche, che da qualche anno non è più utilizzabile al massimo della sua portata, a causa della riduzione dei ghiacciai.





AAAAAAAAAAAAAAAARRRRRRRRRRRRRRGHHHHHHHH!!! :shock: :shock: :shock: :shock:
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Stazione di pompaggio Promeron-Cignana

Messaggioda francis » ven mag 14, 2010 7:56 pm

Joey ha scritto:è previsto anche un intervento per l'installazione di un impianto di ripompaggio alla diga di Cignana, a Valtournenche, che da qualche anno non è più utilizzabile al massimo della sua portata, a causa della riduzione dei ghiacciai.


La stazione di pompaggio di Promeron, che si vede (un po' lontana :-? ) nella foto sotto,

Immagine

consentiva di inviare alla diga di Cignana (che si trova sopra la stazione di pompaggio) le acque prelevate dal piccolo sbarramento di Perrères:

Immagine

che riceve le acque dell'omonima centrale, alimentata dalla diga di Goillet (vedi il post n°1):

Immagine

Mi spiegavano i tecnici CVA che la stazione di pompaggio consentiva di riempire il lago di Cignana con l'acqua della conca di Cervinia per poterla usare in inverno, ma successivamente è stata dismessa. A quanto pare ci sono idee per la sua riattivazione...

Per terminare, la diga di Cignana alimenta la centrale di Maen, della quale vi sottopongo una visione notturna :wink: .

Immagine

Se date un occhio al sito CVA, tutto il sistema vi apparirà sicuramente più chiaro!
Avatar utente
francis
Geometra
 
Messaggi: 633
Iscritto il: lun mag 10, 2010 7:12 pm

Messaggioda Darlazz » ven mag 14, 2010 9:34 pm

Che bei reportage!! Complimenti e benvenuto Francis :-D :-D

Un altro appassionato che contribuisce ... e anche ben preparato vedo, complimenti! :wink:

Gente io adoro questo sito!!! 8-)
Avatar utente
Darlazz
Geometra
 
Messaggi: 713
Iscritto il: mar ago 11, 2009 9:23 pm
Località: Vicenza - Veneto

Messaggioda francis » lun set 06, 2010 7:44 pm

Risveglio questo post che sonnecchiava da un po' (ahi ahi ahi... troppi veneti :-D ) per annunziare vobis gaudium magnum.

Habemus GNEE!

Per la Giornata Nazionale dell'Energia Elettrica la società CVA apre come di consueto 4 delle proprie centrali.

Il 2 e il 3 ottobre, dalle 10 alle 17, saranno visitabili:
- Valpelline (l'ammiraglia della Valle, 130 MW)
Immagine
- Perrères (la più alta, 1845 m slm)
Immagine
- Champdepraz
- Gressoney
Avatar utente
francis
Geometra
 
Messaggi: 633
Iscritto il: lun mag 10, 2010 7:12 pm

Messaggioda phante » lun set 06, 2010 8:59 pm

Cavolo se sarebbe approffitare dell'occasione ... però vorrebbe dire farmi letteralmente tutta l'italia del nord ;-)
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5035
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Il guardiano della diga » lun set 06, 2010 9:10 pm

phante ha scritto:Cavolo se sarebbe approffitare dell'occasione ... però vorrebbe dire farmi letteralmente tutta l'italia del nord ;-)


Idem :roll: . E non è proprio periodo per me...
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda francis » dom mag 15, 2011 6:13 pm

Vi invito, se avete qualche minuto da perdere, a visitare il canale "gruppocva" su youtube, dove sono presenti tanti video di presentazioni delle loro centrali con alcune riprese davvero spettacolari.
Non son qui a far pubblicità... ma volevo farvi apprezzare questa ottima iniziativa di promozione della cultura idroelettrica. :wink:
Avatar utente
francis
Geometra
 
Messaggi: 633
Iscritto il: lun mag 10, 2010 7:12 pm

Messaggioda pelton1989 » dom mag 15, 2011 8:44 pm

francis ha scritto:Vi invito, se avete qualche minuto da perdere, a visitare il canale "gruppocva" su youtube, dove sono presenti tanti video di presentazioni delle loro centrali con alcune riprese davvero spettacolari.
Non son qui a far pubblicità... ma volevo farvi apprezzare questa ottima iniziativa di promozione della cultura idroelettrica. :wink:


Davvero eccellente!!! dei veri documentari idroelettrici! :wink:


http://www.youtube.com/watch?v=Wmme5onkfMs
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1351
Iscritto il: dom nov 01, 2009 10:12 pm

Messaggioda francis » ven ago 26, 2011 8:32 pm

Siccome la discussione sulla Valle d'Aosta sta facendo le ragnatele (nonostante 2 dighisti quest'estate ci siano stati in ferie :-D) ... vedrò di darle una spolverata :wink: mostrandovi qualche centrale.

NB: Se i 2 dighisti di cui sopra avessero nel frattempo raccolto altro materiale, lo pubblichino pure in questa sezione. Io non starei ad aprire altri topic sulla VDA (a parte Place Moulin+Valpelline che brilla di luce propria).

dalla Valle di Gressoney

Immagine
Centrale di Zuino, 3° salto della valle dopo Gressoney e Sendren.
Anno 1958, h=376 m, 23 MW, 80 GWh.

Immagine
Centrale di Issime, 4° salto.
Anno 1939, h=67 m, 3 MW, 12 GWh.

Immagine
Sbarramento di Issime sul torrente Lys, poco a valle della centrale precedente, alimenta la derivazione della centrale di Pont Saint Martin.

Immagine

Immagine
Centrale di Pont Saint Martin, 5° salto.
Anno 1920, h=538 m, 45 MW, 197 GWh.
Si tratta della tipica centrale di inizio secolo, interamente in pietra con la lunga fila di finestre a sesto ribassato. Situata alla fine della stretta gola del Lys, in prossimità del ponte romano visibile nella prima foto.

Da qui l'acqua del Lys viene utilizzata da una centralina Sorgenia prima di sfociare nella Dora.

%
Ultima modifica di francis il ven ago 26, 2011 9:01 pm, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
francis
Geometra
 
Messaggi: 633
Iscritto il: lun mag 10, 2010 7:12 pm

Messaggioda bennygreco » ven ago 26, 2011 8:56 pm

francis ha scritto:Siccome la discussione sulla Valle d'Aosta sta facendo le ragnatele (nonostante 2 dighisti quest'estate ci siano stati in ferie :-D) ...



Beh, di materiale ce ne sarebbe, ma qui in albergo manca il tempo di organizzarlo quindi, per ora, posto un po' a vanvera di là..... pubblicherò di qui quando avrò selezionato sul serio le foto :-D


Intanto, BECCATEVI IL VIDEO DEL CANALE DI SFIORO DI AYMAVILLES

.... fresco fresco di oggi, montato un po' alla caxxo ma..... va bene così....


8-) 8-) 8-) 8-)
Avatar utente
bennygreco
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1674
Iscritto il: mar dic 30, 2008 10:40 pm
Località: Novara

Messaggioda francis » ven ago 26, 2011 10:19 pm

Oh la peppa! :shock:
Quindi centrale ferma?

Lo guardavo 2 anni fa mentre fotografavo la centrale...

Immagine

... e mi chiedevo come sarebbe bello vederlo pieno. Qualcuno c'ha pensato e mi ha accontentato :-D .

Già che ci sono aggiungo i consueti dati:
Anno 1921, h=38 m, 8,6 MW, 56 GWh...
...e aggiungo: portata 20 mc/s (e nel canale c'erano tutti!).

Ricordiamo che è una centrale ad acqua fluente situata sulla Dora.
Avatar utente
francis
Geometra
 
Messaggi: 633
Iscritto il: lun mag 10, 2010 7:12 pm

Messaggioda bennygreco » ven ago 26, 2011 10:26 pm

francis ha scritto:

...e aggiungo: portata 20 mc/s (e nel canale c'erano tutti!)




Sì, un CVA gentile con cui ho scambiato quattro parole me l'ha confermato.... mi ha detto che in quel momento ne uscivano "circa" 18 dal canale di sfioro -

Più o meno alla fine della "simpatica cascatella" c'era un ponticello su cui letteralmente ERA ARDUO ARRIVARE, per via dello spostamento d'aria "freschina" provocato da un tale volume d'acqua........ e, soprattutto, bastava fare un passo indietro, soltanto meno di un metro, e si annullava il tutto, ricominciando a sentire quel delizioso teporino (!!) che oggi non nascondeva i 27 gradi di temperatura di Aosta -

E' la prima volta che mi capita, facendo un metro, di passare dal caldo ad un enorme frigorifero.... 8-)
Avatar utente
bennygreco
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1674
Iscritto il: mar dic 30, 2008 10:40 pm
Località: Novara

Messaggioda francis » lun ago 29, 2011 10:17 pm

Un paio di impianti ancora, in attesa che il novarese ci delizi con le sue inquadrature ricercate tipo "il balcone sulle condotte"... :-D

Siamo lungo la Dora, laddove sorgono 8 centrali CVA (più qualche centralina che utilizza al più 2 m di salto) che viaggiano sempre e fanno servizio di base.

Abbiamo visto prima Aymavilles (con sfioro), che è il 3° salto, e alla prima pagina Saint Clair (la sala macchine) che è il 5°.
Qui vi servo Montjovet (6° salto), la 3^ centrale della valle come potenza installata:
Immagine
Anno 1966, h=53 m, 50 MW, 221 GWh.
Vogliate notare la ferrovia, che dopo aver percorso uno splendido ponte in ferro a via superiore, si infila sotto le condotte...

... e Bard (8° e ultimo salto CVA in Valle d'Aosta):
Immagine
Anno 1941, h=9 m, 3 MW, 25 GWh.
Se fate un calcolo veloce, vedete che Bard ha un numero di ore di esercizio di oltre 8300 su 8760 annue... praticamente è sempre accesa a manetta :wink: .
E' inoltre una delle poche centrali italiane dove è possibile guardare dentro dalle finestre, poichè dà direttamente sulla statale e da quel lato non c'è recinzione.
Avatar utente
francis
Geometra
 
Messaggi: 633
Iscritto il: lun mag 10, 2010 7:12 pm

Prossimo

Torna a Nord-ovest: Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite