Diga di Gramolazzo, Vagli & Isola Santa.......

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali della Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise

Diga di Gramolazzo, Vagli & Isola Santa.......

Messaggioda Joey » lun apr 05, 2010 12:48 pm

Pasqua all'insegna, oltre che con le classiche celebrazioni religiose e gastronomiche, anche (e ovviamente) all'insegna delle dighe! :-D
E come, in una giornata di festa, non rinnovare una visita nell'Impianto del Serchio? :wink:
Intanto sottolineo subito che, dopo un piacevole dialogo con il gentile guardiano della diga di Vagli, il Sig. Pucci Rossano (che mi ha dato gentilmente il permesso di di pubblicare il suo nome), è emerso che il bacino di Vagli, di cui ne avevamo già parlato qui:
http://www.progettodighe.it/forum/viewtopic.php?t=777
non era, l'altra estate, in corso di svaso, (inoltre, mi ha tristemente annunciato che, il bacino, non lo svasano più ad intervalli di 10 anni, ma bensì di 20 anni :cry: :cry: !!!!) ma stava "donando" le sue acque agli altri piccoli bacini dell'Impianto del Serchio (che erano quasi in secca)........ :roll: :roll: e quindi avevano aperto gli scarichi di immissione (Vagli ne ha ben 3) di essi provenienti da Vagli, che copre il 60 % delle acque invasabili nei bacini dell'impianto...... :roll:

........Ma andiamo per ordine:
Prima di arrivare a Vagli, ho fatto una breve visita alla diga di Gramolazzo, che, purtroppo, non è accessibile al coronamento, e, solamente dalla strada sono riuscito a fotografare (dopo essere sceso in una fittta boscaglia) frontalmente la diga e alcuni suoi particolari...... :wink:

Cartolina della diga e del lago (del 1967):
Immagine

Riprendo alcune foto da me precedentemente scattate:

Il lago (come precedentemente detto, in quel periodo, i laghi dell'Impianto erano in secca): vista lunare
Immagine

La diga vista da monte:
Immagine

Lo scarico di immissione della diga, proveniente da Vagli:
Immagine

Il lago, però, quando è al livello normale, si presenta così:
Immagine

Immagine

Quando è al massimo invaso, ovvero quando è a q.601,00 m.s.l.m. il lago ha un volume complessivo di 3,800 milioni di mc.

La diga di Gramolazzo, è del tipo a gravità ordinaria in calcesruzzo, e va a sbarrare il T. Acqua Bianca, ed è, naturalmente, di proprietà della Enel S.p.A..
Immagine
Alimenta, insieme alla diga di Vagli, la centrale omonima.
Essa, ha un' altezza complessiva di 34,00 m (è la 5° più alta dell'impianto del Serchio, dopo:

- Vagli: 95 m
- Isola Santa: 38 m
- Villacollemandina: 37 m
- Turrite Cava: 35,38 m) ed ha una lunghezza del coronamento di 96,00, ha un volume complessivo di 25 000 mc.
La diga possiede uno scarico di esaurimento, posto 5 m al sopra il piede della diga, ed uno scarico di fondo, in roccia, più precisamente in sponda DX idrografica.
Lo sbarramento, possiede, a q. 601,00 m.s.l.m., uno sfioratore a 3 luci con paratoie mobili.

Scarico di esaurimento:
Immagine

Scarico di fondo:
Immagine

Sfioratore con paratoie:
Immagine

Per ridurre il potere erosivo dell'acqua sfiorante, vicino al piede della diga, a c.a. una decina di metri da esso, è stata costruita una controdiga a gravità, avente un'altezza massima di 5 m ed una lunghezza del ciglio di 42,94 m.

Immagine

Lo sbarramento, è stato costruito nel periodo che va dall'Aprile del 1952 al Gennaio del 1953.
La diga è stata progettata dal Conte Ingegnere Ignazio Prinetti Castelletti, lo stesso progettista della diga di Vagli, del resto. :wink:

Spero che vi sia piaciuto! :wink:

To Be Continued (con la diga di Vagli! :wink: )
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda Il guardiano della diga » mar apr 06, 2010 8:31 am

Bello e completissimo questo reportage Joey!
Complimentoni :-)
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda phante » mar apr 06, 2010 8:48 am

Ben fatto ... però argggg ... sulle foto mi hai messo a fuoco gli alberi ma non l'impianto ;-) ... peccato :cry:

Una cosa mi pare strano, qui parli di immissione

Immagine

però mi sembra strano che uno scarico in immissione si porti dietro tutta quella struttura che pare più che altro necessaria per gestire una griglia ...
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5027
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Joey » mar apr 06, 2010 10:39 am

Scusa phante.......ho controllato e ho scoperto che la funzione che svolge è corretta, ma, devo precisare: infatti, di tratta di uno scarico di immissione, ma non per Gramolazzo, bensì per Vagli......infatti, lo azionano quando bisogna re-invasare il lago di Vagli, per via del suo grande volume, per accelerare i tempi di solito necessari per questa operazione :wink:

Quando, appunto, a Vagli, aprono la suddetta opera, ho scoperto in alcune foto, che si crea una magnifica cascata che "investe" il paese sommerso....... :-o
Immagine
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda Joey » mar apr 06, 2010 2:34 pm

Eccoci finalmente giunti al top of the tops, la mitica, inimitabile, magnifica.........diga di Vagli!!!!!!!!!!!!
Immagine
Iniziamo intanto con l'itinerario:

La diga, è facilmente raggiungibile per la comoda Strada Statale n.445 Lucca-Aulla.
Giunti nel piccolo villaggio di Poggio, comune di Camporgiano, posto c.a. a 9 Km da Castelnuovo Garfagnana e a c.a. Km 2 da Camporgino, si abbandona la SS per risalire la valle dell'Edron, importante affluente del Serchio.
Prima di dirigerci verso le Alpi Apuane, data la vicinanza della piccola chiesa romanica di San Biagio è consigliabile una visita alla suggestiva località "La Villa" dove sorgie il vetusto edificio religioso.
Da Villa del Poggio la Strada di inoltra nella valle dell'Edron, e, dopo un tratto di strada serpeggiante, si raggiunge la diga.
A breve distanza dallo sbarramento, la rotabile ci fa approdare a Vagli di Sotto e Vagli di Sopra.

Vi mostro un suggestivo sorcio fotografato da Suomi:
http://www.flickr.com/photos/perlasuomi/4492880282/

Per conoscere la storia della diga di Vagli, bisogna prima però, conoscere la storia del noto paese di "Fabbriche di Careggine", più conosciuto come "il paese sommerso" o "Fantasma", che l'ha resa famosa:

Il paese:Il paese fantasma fu fondato da fabbri di origine brasciana (da qui il cognome -Bresciani-, assai diffuso nella zona) e fui un reggiano ad impiantarvi una grande ferriera.
In questa ferriera, lavoravano giovani esentati dal sevizio militare.
Da poco era stata ultimata la Via Vandelli; un'opera di ingegneria stradale voluta dagli Estensi, che collegava la Pianura Padana al Tirreno.
E proprio a Fabbriche, la Vandelli, su un ponte prima in legno, poi in muratuta, attraversa l'Edron.
Ben presto,però, sia la Via Vandelli, che la ferriera, caddero in rovina, e Fabbriche, fu interessata dalla nascente industria marmifera.
Nel 1906-7, fu costruita, peroprio per alimentare i bacini marmiferi della zona, una piccola centrale idroelettrica.


La diga: nel 1941, la SISV, cioè la Società Idroelttrica Selt-Valdarno, comincia la costruzione della diga di Vagli, destinata a contenere fino a 36 Mmc.
Nel 1946, era già ultimata la prima diga, e, nel successivo 1947 i Fabbrichini furono costretti ad abbandonare il loro paese che venne subito sommerso dalle acque del nascente lago di Vagli.
La popolazione complessiva di Fabbriche, al momento della sommersione, ammontava a 146 ab.; le case erano 32 e la chiesa dedicata a S.Teodoro, risaliva al 1590.

Questi, sono solamente cenni storici, ma ora veniamo alla più corposa descrizione degli sbarramenti.


1° diga:
Immagine
La prima diga, innanzitutto, era del tipo a gravità ordinaria in calcestruzzo, e aveva un'altezza complessiva di 65.50 m ed una lunghezza del coronamento di 119,03 m.
Il lago creato da questa diga, aveva un volume complessivo di 12 390 000 mc.
La dosatura di cemento era di 200 Kg/mc.
Il rivestimento sul paramento di monte è in gunite.
Lo sbarramento, era dotato da uno sfioratore a 3 luci con paratoie mobili.
La diga, è stata costruita, come precedentemente detto, nel 1941.

2° diga:
Immagine

La 2° diga, fu progettata dal Conte Ingegner Ignazio Prinetti Castelletti, e fu costruita in 3 anni, dal '43 al '46 al di sopra della 1° diga, come si può ben capire dalle sezioni trasversali:

Immagine

Essa, è del tipo a gravità massiccia ad andamento planimetrico arcuato.
Immagine
La diga, è attraversata orizzontlmente da 5 cunicoli orizzontali e 13 verticali, disposti 5 livelli.
La finalità è quella di regolare l'energia producibile nel sistema degli impianti del basso Serchio.
L'area interessata dal bacino si trova fra la successione morfologica (costituita da calcari metamorfici grigi di aspetto saccoide, da scisti reracitici verdastri grigiastri e rossastri molto spiegazzati e presentati in piani di scistosità, da arenarie quarzoso-feldspatiche-micacee con rare intercazioni argillose grigie) e non quella metamorfica (costituita da calcari dolomitici brecciati e cavernosi e da orizzonti di calcari marnosi stratificati).
Il livello di ritenuta normale, e a q.560 m.s.l.m., quello di massimo invaso, e alla stessa quota (che è dopotutto quella del coronamento).
L'invaso, ha un volume complessivo di 34 Mmc., mentre quello utile è pari a 31,70 milioni.
La superficie del bacino direttamente sotteso, è di 37 Kmq, mentre quello allacciato, è di 178 Kmq.
Le portate degli scarichi, sono pari a:
Scarico di superfiie: 202 mc/s.
" intermedio: 80 mc/s.
" di fondo principale: 112 mc/s.
" di esaurimento: 12 mc.

Il rivestimento esterno della diga, è in gunite, la dosatura è di 150 Kg/mc, ha un volume di 180 000 mc., un'altezza sull'alveo di 88,00 m, e sul punto più depresso delle fondazioni, 95.
La lunghezza del coronamento è di 150,00 m.
Immagine

To Be Continued...... :arrow: :arrow: :arrow: :arrow:
Ultima modifica di Joey il mer apr 07, 2010 1:23 pm, modificato 3 volte in totale.
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda Il guardiano della diga » mar apr 06, 2010 3:01 pm

Gunite...non guinite.
Interessante questa cosa della costruzione della diga "sopra" un'altra esistente :shock:
Non hai un'immagine più grande o più definita delle sezioni? Non si legge quasi niente. :-(
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda Joey » mar apr 06, 2010 5:50 pm

Ne avrei un'altra..........ma meno dettagliata... :-(
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda cestò » mar apr 06, 2010 9:50 pm

Che servizio Joey 8-) !!! Troppo bello davvero!!! Complimeti !!!!!!!!!!!
Corredato sempre delle tue ottime spiegazioni, addirittura la quantità di cemento/mc... :shock:
Però che brutta notizia sullo svaso di Vagli... :cry: :cry: :cry: ...non sai quando ci sarà il prossimo?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6271
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda Joey » mar apr 06, 2010 10:25 pm

Il prossimo svaso? :wink:

Il guardiano di Vagli mi ha riferito, (anche se non ne era completamente sicuro) che il prossimo svaso, avverrà nel 2024...... :cry:

Però, questa triste notizia, mi fa sorgere un dubbio: per via dell'ivecchiamento di uno sbarramento, i tempi fra una manutenzione e l'altra, dovrebbero diminuire; invece, "nel caso Vagli", aumentano!!!!!! :shock: :shock: :-?


Qua, urge una ricerca sull'argomento! :-| :!: :!: :!: :!:
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda cestò » mar apr 06, 2010 10:47 pm

Joey ha scritto:Il prossimo svaso? :wink:

Il guardiano di Vagli mi ha riferito, (anche se non ne era completamente sicuro) che il prossimo svaso, avverrà nel 2024...... :cry:

Però, questa triste notizia, mi fa sorgere un dubbio: per via dell'ivecchiamento di uno sbarramento, i tempi fra una manutenzione e l'altra, dovrebbero diminuire; invece, "nel caso Vagli", aumentano!!!!!! :shock: :shock: :-?


Qua, urge una ricerca sull'argomento! :-| :!: :!: :!: :!:

Infatti, se non sbaglio, l'ultimo svaso c'è stato nel 2004.

Una volta mi sembra di aver letto che gli svasi per la manutenzione vengono effettuati con minor cadenza, perchè sono state approntate delle nuove tecniche che permettono di manutenerlo anche senza svasare. Mi sembra di averlo letto proprio su questo forum però non ricordo chi l'ha scritto :roll:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6271
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda vicio74 » gio apr 08, 2010 11:59 pm

Complimenti davvero Joy....ottimo reportage, e ben documentato...peccato per le prime foto degli scarichi, un po nascoste dalla vegetazione....ma rimane comunque sempre un'ottimo servizio!! Bravo!! :wink:
Su quella parete ancora nascosta,la frana e' ormai una massa inerte in movimento....da ore e' iniziata la fine.
(M. Passi)
Avatar utente
vicio74
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1244
Iscritto il: lun set 24, 2007 11:14 pm
Località: Longiano (FC)

Messaggioda matteo51 » ven apr 09, 2010 7:51 pm

io ci capito spesso da queste parti, visto che vado in Apuane sia per trekking che x arrampicare, ma intorno alla diga di vagli, ho visto che ci sono dei bussolotti con dentro una specie di telecamere un pò più grossa. ma che cos'è e a che cosa serve ? è per vedere se "la montagna si muove" ??
Avatar utente
matteo51
Contadino
 
Messaggi: 65
Iscritto il: gio feb 25, 2010 7:55 pm
Località: Pistoia

Messaggioda Joey » ven apr 09, 2010 8:15 pm

Intendi questi? :wink:
Immagine

Credo, che, forse, siano strumenti per la misurazione del livello dell'invaso :wink: .......forse..... :-?
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda Joey » ven apr 09, 2010 8:16 pm

vicio74 ha scritto:Complimenti davvero Joy....ottimo reportage, e ben documentato...peccato per le prime foto degli scarichi, un po nascoste dalla vegetazione....ma rimane comunque sempre un'ottimo servizio!! Bravo!! :wink:

Grazie dei complimenti, Vicio! :wink:

Ma non ti credere che sia finita qui...... :wink: :wink:
Ho ancora molte cose da spiegare! :wink: :-D
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda matteo51 » ven apr 09, 2010 8:16 pm

si, bravissimo quelli! x l'invaso credi ?...x controllare i fianchi della montagna non è possibile ????
Avatar utente
matteo51
Contadino
 
Messaggi: 65
Iscritto il: gio feb 25, 2010 7:55 pm
Località: Pistoia

Messaggioda Joey » ven apr 09, 2010 9:26 pm

In effetti, è probabile.............dopotutto, per misurare l'invaso, c'è già il livellometro istallato a metà diga...... :wink:
Immagine
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda Il guardiano della diga » ven apr 09, 2010 9:32 pm

Joey ha scritto:Intendi questi? :wink:
Immagine

Credo, che, forse, siano strumenti per la misurazione del livello dell'invaso :wink: .......forse..... :-?


Sono caposaldi di misurazione. Probabilmente lo strumento è laser data la presenza del catadiotro; servono per monitorare gli spostamenti di vari punti da controllare rispetto un punto fisso.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda cestò » ven apr 09, 2010 11:25 pm

Joey ha scritto:Immagine

Secondo me la foto è ruotata di 90° in senso orario :roll:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6271
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda phante » sab apr 10, 2010 6:08 am

cestò ha scritto:
Joey ha scritto:Immagine

Secondo me la foto è ruotata di 90° in senso orario :roll:


Sai che hai ragione ... avevo visto di sfuggita la foto ma non me ne ero accorto.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5027
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Joey » sab apr 10, 2010 7:12 am

Non sono riuscito a ruotarla e pensavo che lo avreste dato per scontato.... :roll: :lol: :wink:
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Prossimo

Torna a Centro: Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron