Ma è pratica normale?

Dove parlare di tecnica associata alle dighe e alle centrali
Rispondi
Avatar utente
Lukediver
Razziatore di informazioni
Messaggi: 82
Iscritto il: 10 nov 2008, 12:48

Ma è pratica normale?

Messaggio da Lukediver »

Carissimi tutti, mi sono imbattuto su YouTube in questi due video che mostrano l'apertura degli scarichi di due dighe (in Iran)...addirittura della prima viene dichiarato che non veniva aperto da oltre 30 anni.
La domanda che mi sorge è: ma qual'è il senso di tale apertura? svuotare completamente il serbatoio? se cosi', è corretta per i nostri standard tale procedura? certo che la fauna e la flora vengono praticamente distrutte da ciò che si riversa nel fiume sottostante.

Oppure è un modo semplice e poco costoso per mantenere "le tubazioni" pulite? anche perche credo che per aprire tali valvole...non sia un lavoretto da poco....
Grazie per le risposte e scusate come al solito la banalità delle domande :lol:
https://www.youtube.com/watch?v=jGw1ZPgyEaE
https://www.youtube.com/watch?v=Nak5NBJou9Q&t=0s
lupo ululà castello ululi'
Aca_Kaiserschmarren
Osservatore di condotte forzate
Messaggi: 386
Iscritto il: 22 ott 2008, 18:24

Re: Ma è pratica normale?

Messaggio da Aca_Kaiserschmarren »

Direi che è pratica normale per dilavare il sedimento fangoso a monte dello sbarramento.
Ci sarebbero dei parametri da rispettare.
Ovviamente, non sempre quelli che sono a valle son contenti del risultato:
https://www.youtube.com/watch?v=rZ25FyRKVSs
Avatar utente
steveh86
Osservatore di condotte forzate
Messaggi: 691
Iscritto il: 12 lug 2009, 16:22

Re: Ma è pratica normale?

Messaggio da steveh86 »

Evacuare idraulicamente è il metodo più immediato di tenere pulita la zona appena a monte delle paratoie di scarico, per evitare che abbiano problemi a chiudersi dopo una apertura totale per laminare una piena. Tuttavia gli enti regolatori oggigiorno, in Italia e nei Paesi più civilizzati, devono essere avvisati per dare un "feedback" continuo durante queste operazioni. Se le caratteristiche del corso d'acqua a valle non consentono un'apertura così indotta (pregio naturalistico o archeologico) non ci sono santi: draga, camion ed escavatori... e si va a togliere la fanga con il cucchiaino!
Cedegolo, San Fiorano, Campellio, Salarno, Baitone; Pantano, Edolo; Dossi, Gavazzo, Aviasco, Gromo; Sardegnana, Carona, Bordogna, Lenna; Vobarno, Gargnano. Campo Moro, Lanzada, Sondrio, Pedesina, Trona, Gerola, Monastero, Talamona; Creva, Roncovalgrande.
Rispondi