Pubblicazione: La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani

Un forum specifico, al di là della suddivisione regionale, dedicato esclusivamente alle discussioni, ai reportage e alle informazioni sulla diga, storia e tutto quello che riguarda direttamente il Vajont.
Rispondi
Avatar utente
BianConiglio
Osservatore di condotte forzate
Messaggi: 145
Iscritto il: 05 set 2013, 18:39

Re: Pubblicazione: La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani

Messaggio da BianConiglio »

Penso che quello che ti ha suggerito Phante sia rimasto lettera morta.

(cit: "Per favore, oltre a mettere i link, mettete anche un paio di righe di descrizione di quello che una persona si aspetta di andare a vedere, altrimenti il contenuto non è indicizzabile ne ricercabile e poco accessibile.")
Augurati il sole, ma costruisci dighe
(Mao Tse-tung)
aero93
Razziatore di informazioni
Messaggi: 84
Iscritto il: 28 mag 2017, 22:03

Re: Pubblicazione: La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani

Messaggio da aero93 »

e' un lavoro molto interessante , di elevata qualita' adesso il tempo e' tiranno e non sono riuscito a leggerlo tutto ma solo a salti, un ottimo lavoro niente da dire gira molto forte poi e' logico si arriva alle solite conclusioni , tra tutti anche il migliore come capacita' espositiva, un gran bel lavoro
Avatar utente
colomber
Osservatore di condotte forzate
Messaggi: 153
Iscritto il: 01 set 2018, 09:35

Re: Pubblicazione: La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani

Messaggio da colomber »

L'enigmatico link conduce a questo testo:

ALMA MATER STUDIORUM
UNIVERSITA' DI BOLOGNA

Dipartimento di Lettere e Beni Culturali
Corso di laurea magistrale in Semiotica

IL CASO VAJONT:
La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani.

Teorie e modelli dello spazio
Prof. Emanuele Frixa
Silvia Anese
A.A. 2018/2019


La storia del Vajont, narrata sinteticamente e senza apportare alcun elemento di novità, è funzionale all'esposizione di alcuni concetti politico-sociologici:

2. Il territorio come tecnologia politica
2.2 Il processo come schieramento politico per l’affermazione dell’identità nazionale
3. Il progetto Vajont come riaffermazione del potere all’interno di pratiche spaziali
3.1 La diga come muro
4. Un’analisi geografico-economica per una memoria storiografica difficile
4.1 La ricostruzione come tempo: futuro e progettualità
4.2 Il diritto alla città assente

Un passaggio estrapolato dal paragrafo 3.1 a titolo di esempio:
Il capitalismo ha un’effetto corrosivo sullo stato di diritto, modella le attività dell’individuo e lo indirizza verso criteri imprenditoriali che dislocano la supremazia della legge e di ogni altra autorità morale. Come sostenuto da S. Sassen, infatti, la globalizzazione ha portato con sé una parziale denazionalizzazione del territorio nazionale, « una parziale dislocazione di
alcune componenti della sovranità statuale presso altre istituzioni, dalle entità sovranazionali fino al mercato globale dei capitali» (S. Sassen 1998 ). Ecco che la Sade venne dipinta nel processo come il grande burattinaio dell’intera vicenda, desiderosa di difendere il proprio investimento. L’accusa generale è fatta però allo Stato, presente ovunque ma disarticolato fino a divenire
assente, concedente autorizzazioni ad attori privati che costituirono un mosaico di poteri interno a quello della nazione.
Cosa ne pensate...

Una breve trattazione "dotta", interessante modello di come la visione, il pensiero e il linguaggio di un particolare ambiente accademico possano interpretare una vicenda nota.

________________________________________________________________________________________________

Memento fudos:
"Non in link solo vivet homo, sed in omni descriptionem quod procedit de ore Dei."
Vangelo (Phante 4, 4)
Amen
Avatar utente
phante
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 4131
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29

Re: Pubblicazione: La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani

Messaggio da phante »

BianConiglio ha scritto: 17 giu 2022, 10:39 Penso che quello che ti ha suggerito Phante sia rimasto lettera morta.

(cit: "Per favore, oltre a mettere i link, mettete anche un paio di righe di descrizione di quello che una persona si aspetta di andare a vedere, altrimenti il contenuto non è indicizzabile ne ricercabile e poco accessibile.")
Grazie!
Telegram phante
Matrix @phante:matrix.org
Mastodon @phante@mastodon.uno

Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
Ddm79
Razziatore di informazioni
Messaggi: 54
Iscritto il: 27 set 2021, 18:33

Re: Pubblicazione: La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani

Messaggio da Ddm79 »

fudos ha scritto: 17 giu 2022, 10:20 Cosa ne pensate¡

https://www.academia.edu/38230187/Il_ca ... card=title
Personalmente, col massimo rispetto per l'autore, lo percepisco come un pippone sociologico dal lessico retorico trito e ritrito, stile Fusaro per capirci.
Avatar utente
phante
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 4131
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29

Re: Pubblicazione: La diga come processo di modernizzazione distruttiva che trasforma paesaggi "naturali" e urbani

Messaggio da phante »

fudos ha scritto: 17 giu 2022, 10:20 Cosa ne pensate¡

https://www.academia.edu/38230187/Il_ca ... card=title
Ma soprattutto, tu cosa ne pensi? Non c'è lo hai detto (e avresti dovuto e potuto farlo direttamente sul primo post :-) )
Telegram phante
Matrix @phante:matrix.org
Mastodon @phante@mastodon.uno

Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Rispondi