Foto dighe degli utenti

Dove discutere sulla figura del dighista e le informazioni generali utili a quest'ultimo

Messaggioda BETA-7 » dom lug 04, 2010 10:23 am

Hehè, ognuno ha i suoi pensieri! :-)
Ultima modifica di BETA-7 il dom mag 15, 2011 8:40 pm, modificato 1 volta in totale.
BETA-7
Contadino
 
Messaggi: 59
Iscritto il: dom mag 30, 2010 9:02 pm

Messaggioda phante » dom lug 04, 2010 12:01 pm

:-) questo è certo, se c'è qualcosa che mi ha insegnato per bene la fotografia è appunto che ognuno di noi percepisce il mondo in un modo suo unico personale ;-)
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5034
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Joey » dom lug 04, 2010 3:33 pm

phante ha scritto:ricordati per quante ricerche tu possa fare, per quante gallery tu possa visitare, per quanto video tu possa guardare e per quanti mp3 tu possa ascoltare nulla, e ripeto nulla, potrà mai sostituire l'aspetto emotivo di fare visitare, vedere, ascoltare e guardare ... certo la diga l'hai già vista in foto, ma l'aria fresca e frizzante della montagna, il rumore del ghiaccio che si rompe sul lago di Barcis in inverno, le gallerie claustrofobiche di Ca Zul, la fatica della camminata per raggiungere Alba o il Gleno ... quelle sono cose che su internet non puoi trovare ... insomma, il vanto di dire IO C'ERO, quella è una soddisfazione che solo tu da solo puoi toglierti e che in ogni caso dovrai sudartela e li non c'è sorpresa o internet che tenga.

Verissimo! :wink:
Mi fai tornare in mente il Tudaio......quanta fatica per raggiungere la Signora del '31!
Immagine
Ma quanta gioia ho provato quando ho scorto fa quella natura brulla e ostile che possiede la Gola del Piave!
Immagine
Gioia che non avrei provato di certo vedendo una foto della diga su Internet!
:roll:
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda Darlazz » lun ott 04, 2010 7:35 pm

BETA-7 ha scritto:Comunque proprio questi giorni pensavo che se non ci fosse ProgettoDighe, se non ci fosse il web, come sarebbe la nostra vita?
Sarebbe più complicata, ma ciò che è difficile da più soddisfazione:
Con internet, in una giornata impari migliaia di cose, le quali senza web richiederebbero moolto tempo, ma apparte la comodità..è troppo semplice!


Ti porto il mio esempio: sempre stato appassionato di dighe e impianti idraulici, prima che esistesse ProgettoDighe
avevo un sacco di domande in testa senza risposta ... non conoscevo tantissime cose che ora mi hanno insegnato gli utenti. Il fatto é che non tutti possono fare certe escursioni o hanno occasione di fare certe visite approfondite in dighe e centrali.
Ora ogni volta che qualcuno posta un reportage, una spiegazione, un'esperienza vissuta imparo qualcosa che non avrei mai potuto imparare altrimenti dato che non ho accesso a testi o non ho tempo per fare escursioni. Concetto di comunità: condividere. Da questo punto di vista Internet é grande dato che nessun documentario o enciclopedia ti offrirebbe le stesse possibilità, non ti puoi fidare di tutti i siti però.

Personalmente non penso che una volta sul campo mi farebbe diminuire l'emozione conoscere già un po' un impianto, anzi penso che mi metterebbe ancor più curiosità di osservare quello che in parte conosco nella teoria. Mancherebbe senz'altro l'emozione della scoperta ... penso sia quello a darti più fastidio. Un giorno vado a Barcis e poi ti saprò dire. :wink:
Avatar utente
Darlazz
Geometra
 
Messaggi: 713
Iscritto il: mar ago 11, 2009 9:23 pm
Località: Vicenza - Veneto

Messaggioda Il guardiano della diga » lun ott 04, 2010 9:35 pm

Darlazz ha scritto:
BETA-7 ha scritto:Comunque proprio questi giorni pensavo che se non ci fosse ProgettoDighe, se non ci fosse il web, come sarebbe la nostra vita?
Sarebbe più complicata, ma ciò che è difficile da più soddisfazione:
Con internet, in una giornata impari migliaia di cose, le quali senza web richiederebbero moolto tempo, ma apparte la comodità..è troppo semplice!


Ti porto il mio esempio: sempre stato appassionato di dighe e impianti idraulici, prima che esistesse ProgettoDighe
avevo un sacco di domande in testa senza risposta ... non conoscevo tantissime cose che ora mi hanno insegnato gli utenti. Il fatto é che non tutti possono fare certe escursioni o hanno occasione di fare certe visite approfondite in dighe e centrali.
Ora ogni volta che qualcuno posta un reportage, una spiegazione, un'esperienza vissuta imparo qualcosa che non avrei mai potuto imparare altrimenti dato che non ho accesso a testi o non ho tempo per fare escursioni. Concetto di comunità: condividere. Da questo punto di vista Internet é grande dato che nessun documentario o enciclopedia ti offrirebbe le stesse possibilità, non ti puoi fidare di tutti i siti però.

Personalmente non penso che una volta sul campo mi farebbe diminuire l'emozione conoscere già un po' un impianto, anzi penso che mi metterebbe ancor più curiosità di osservare quello che in parte conosco nella teoria. Mancherebbe senz'altro l'emozione della scoperta ... penso sia quello a darti più fastidio. Un giorno vado a Barcis e poi ti saprò dire. :wink:

Sagge parole Darlazz, sagge parole!
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Scatti ( dighici ) d'Autunno

Messaggioda Il guardiano della diga » mar ott 26, 2010 7:54 am

Lo sposto qui pelton, altrimenti avremo un'ulteriore topic fotografico. :wink:

pelton1989 ha scritto:L'altro giorno facendo un giretto intorno al bacino ho colto l'occasione per immortalare gli splendidi paesaggi d'autunno, una stagione con dei colori magnifici... e aspetto anche le vostre foto, eh!
Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Uploaded with ImageShack.us
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda Joey » gio ott 28, 2010 4:51 pm

:-o Bellissime foto Enrico!!! Con la predominanza del colore oro che tinge gli alberi di Ligonchio, la centrale e la diga sono ancora più incantevoli!:-D

Mi fai venire voglia di tornare al più presto sull'Appennino!!!!!!!!!!!! :wink:
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda sander » gio ott 28, 2010 7:02 pm

Belle immagini e splendido impianto.
Complimentoni pelton :-D :-D
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1704
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Messaggioda pelton1989 » ven ott 29, 2010 2:28 pm

Grazie! :-D
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1351
Iscritto il: dom nov 01, 2009 10:12 pm

Messaggioda cestò » ven ott 29, 2010 5:57 pm

Bellissime foto di un luogo incantevole, reso ancora più suggestivo dai colori tipici dell'autunno. Complimenti Pelton! :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6271
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda pelton1989 » mer feb 02, 2011 9:13 pm

Carrellata di Dighe provenienti da tutto il mondo :wink:

Immagine
Anderson Ranch Dam, Idaho di slgwv, su Flickr

Immagine
Sengari Dam di kayakaya, su Flickr

Immagine
Blackpool Bridge to Digley (212) di rs1979, su Flickr

Immagine
Blackpool Bridge to Digley (188) di rs1979, su Flickr

Immagine
Chilhowee dam di rexp2, su Flickr

Immagine
Castle Hill Reservoir di Yokels, su Flickr
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1351
Iscritto il: dom nov 01, 2009 10:12 pm

Messaggioda pelton1989 » mar apr 05, 2011 9:07 pm

Immagine

Approfitto di questa foto della centrale dell'altanon per chiedervi se qualcuno di voi sa qualcosa su questa c.le, essa si trova nei pressi del serbatoio di sottocastello e ci scarica dentro, è nuova, datata appena 2004
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1351
Iscritto il: dom nov 01, 2009 10:12 pm

Messaggioda passo d'uomo » mar apr 05, 2011 9:29 pm

Mi pare sia nel feltrino, non in Cadore. :wink:

PS. Infatti: Santa Giustina (BL).

PPS.
http://maps.google.it/maps?f=q&source=s ... 6&t=h&z=18
passo d'uomo
Contadino
 
Messaggi: 88
Iscritto il: gio mar 13, 2008 11:07 pm

Messaggioda Joey » mar apr 05, 2011 10:36 pm

Cercherò di riassumere le pochissime info disponibili On-line...

La Centrale di Altanon, in provincia di Belluno, è inserita in un'ambiente di grande valore naturalistico in prossimità del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi ed è alimentata dalle acque del torrente Veses (captato con una traversa di medie dimensioni) e altri 14 rii (che vengono derivati con prese secondarie raso alveo e a trappola) che hano sorgente nel bosco.
La piccola centrale, che è stata costruita nel 1905 dalla S.A. (Società Altanon) di Feltre, nel 1963 è passata sotto l'amministrazione dell'E.N.E.L..
Fu dismessa nel '67 rimanendo abbandonata per trenta e più anni; grazie all'impegno dell'E.N.E.L. e al Comune di Santa Giustina si è potuto procedere alla ristutturazione e al recupero dell'Impianto di Altanon.
Il progetto di ristrutturazione si è attuato a partire dal 2000 con l'acquisto della Centrale da parte del Comune di Santa Giustina e l'impegno di E.N.E.L. a ristrutturarla.
Il 31 Maggio 2003, in occasione della "Giornata Nazionale Centrale aperta" fu inaugurata.

Oggi la Centrale di Altanon, del tipo ad acqua fluente, ha una potenza istallata di 300 kW e produce 1 700 000 kW/h annui.
Il salto sotto la quale funziona è precisamente di 81,00 m.
Nella sala macchine viene ospitato un gruppo Francis verticale/alternatore, mentre la portata nominale raggiunge i 0,6 mc/sec..
La Centrale lavora senza presidio di presonale e funziona mediante un sistema automatico di controllo remoto, mentre una volta volta era monitorata tramite la presenza sul luogo di personalia.
Essa veniva ospitata in una casa con piano terra e tre piani rialzati in prossimità della Centrale (che riprende lo stile di essa), che oggi è stata convertita in ostello.

Immagine

Detto ostello viene gestito dalla cooperativa sociale "Altre Vette", la cui finalità principale è l'inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e in particolare delle persone con sindrome di Down.
All'interno dell'ostello sono in servizio alcuni giovani con sindrome di Down che, coadiuvati dal personale dell'ostello e da una fitta rete di volontariato, si occupano di tutte le incombenze gestionali, quali la segreteria, il servizio in cucina e ai piani, la manutenzione e la cura degli spazi comuni interni ed esterni. Gli ospiti dell'ostello hanno quindi la possibilità di contribuire, con la loro permanenza, all'inserimento lavorativo e al riconoscimento del ruolo sociale delle persone con disabilità, venendo nello stesso tempo gratificati da relazioni umane semplici e spontanee e da un'ospitalità di carattere familiare

La Centrale costituisce anche un piccolo gioiello dal punto di vista didattico perchè consente una facile comprensione da parte degli inesperti di come viene prodotta l'energia idroelettrica, vista la sua essenzialità.
Per questo l'E.N.E.L. ha creato un percorso che racconta la produzione dell'energia dalle sorgenti alla Centrale: una Via dell'acqua dal momento in cui essa sgorga da oltre 15 sorgenti, fino alla vasca di carico della Centrale.
L'itinerario ha inizio alle sorgenti del torrente Veses, affluente del Piave, ove è stata costruita la traversa principale dell'impianto, come suddetto.

Immagine
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Joey
Geometra
 
Messaggi: 893
Iscritto il: ven ott 02, 2009 9:11 am
Località: Carrara

Messaggioda pelton1989 » ven apr 29, 2011 7:43 pm

Proprio tu Joey, ho trovato questa foto di una delle "tue" dighe, quella di borgo a mozzano, tre Aln 663 gli fanno da contorno

Immagine
591 - 663_1154+663_1115 BORGO A MOZZANO 19-12-2009 TIT 591 di Frank Andiver TRAIN IN TUSCANY, su Flickr
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1351
Iscritto il: dom nov 01, 2009 10:12 pm

Messaggioda fabio.b » gio mag 12, 2011 11:58 pm

bellissimo anche se avrei preferito una D445+3 tipo 59 rosso fegato :-D :wink:
fabio.b
Comunista
 
Messaggi: 8
Iscritto il: sab dic 18, 2010 3:02 pm

Re: Foto dighe degli utenti

Messaggioda joston1964 » mar ott 02, 2012 7:28 pm

E' il lago di Resia, al passo Resia in Val Venosta....ciao
joston1964
 

Re:

Messaggioda cestò » ven feb 15, 2013 11:33 am

Il guardiano della diga ha scritto:...Non capisco l'anno di costruzione...quel LVX mi mette qualche dubbio, non avendo studiato latino...chi mi illumina?

Immagine...


Rispolvero un'attimino questo topic visto che l'hai tirato in ballo anche se per un'altro scopo.
In quel caso, la scritta LVX non sta ad indicare un anno ma è una vera e propria parola che significa LUCE.
Questa centrale potrebbe risalire all'epoca fascista (non so se è così non conoscendola), in quel periodo infatti si utilizzavano molto le scritte in latino. Un esempio: DVX MEA LVX (Duce mia Luce).
La traduzione completa del testo non saprei darla, a parte alcune parole che si intuiscono, mi sembra di capire: "La forza dell'acqua che precipita per l'ingegno umano diventa luce", o una cosa del genere... dovrei chiedere a mia moglie che lei il latino l'ha studiato... :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6271
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Foto dighe degli utenti

Messaggioda cestò » ven feb 15, 2013 11:51 am

Mia moglie ha fatto la sua traduzione:
"La forza di caduta dell'acqua trasformata dall'umano ingegno ha prodotto la luce"
...che poi non si discosta di molto da quella che ho fatto io... 8-) :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6271
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Foto dighe degli utenti

Messaggioda Ricky » gio feb 21, 2013 12:10 am

cestò ha scritto:Mia moglie ha fatto la sua traduzione:
"La forza di caduta dell'acqua trasformata dall'umano ingegno ha prodotto la luce"
...che poi non si discosta di molto da quella che ho fatto io... 8-) :wink:



Appoggio in pieno la traduzione della Sig.ra Cestò
Avatar utente
Ricky
Perito
 
Messaggi: 383
Iscritto il: mer lug 20, 2011 10:43 pm
Località: Robbio

PrecedenteProssimo

Torna a Il dighista

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron