Come vi siete appassionati alle dighe?

Dove discutere sulla figura del dighista e le informazioni generali utili a quest'ultimo

Come vi siete appassionati alle dighe?

Messaggioda Zampa » ven ago 04, 2006 11:02 am

Bonjour a tout le mond!!
Volevo togliermi una curiosità :-D : quale è stato per voi il fatto "scatenante" che vi ha fatto appassionare così tanto alle dighe :?:

Attendo trepidante le Vs. risposte!
Avatar utente
Zampa
Perito
 
Messaggi: 382
Iscritto il: mer lug 19, 2006 1:53 pm
Località: Musangeles (TV)

io dico alcune delle mie ma non sono esperto...

Messaggioda virgilio » sab ago 05, 2006 1:55 pm

Alcuni aspetti interessanti delle dighe per me sono:
- tecniche di costruzione (aspetto interessantissimo anche quello di vedere come si costruivano le dighe di decenni fa, e il mastro trivellatore ne sa...)
- progetti (per quel che ne capisco)
- foto (e qui ve ne sono molte di belle!)
- ecc.

e per i veri dighisti (tipo gli autori) sul campo che dedicano alle dighe il fine settimana sono pure occasione di ritrovo e di 'esplorazione' :-)
virgilio
Contadino
 
Messaggi: 63
Iscritto il: mar lug 05, 2005 12:22 pm
Località: Triveneto

Messaggioda Andr3A » sab ago 05, 2006 2:04 pm

possibilità di controllare una forza enorme: l'acqua :-D
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 442
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Messaggioda destroyer » sab ago 05, 2006 5:17 pm

oltre alle cose dette sopra, è anche un pretesto per fermarsi un attimo a osservare le nostre valli.
destroyer
Montanaro
 
Messaggi: 202
Iscritto il: sab lug 02, 2005 9:37 am

Messaggioda Il guardiano della diga » sab ago 05, 2006 6:32 pm

Io sono rimasto colpito dalla diga del Vajont quando avevo 12 anni, durante una gita domenicale con i miei; poi sono tornato in quel posto decine di volte e quindi hanno iniziato ad interessarmi tutte le dighe, soprattutto per la loro maestosità e per la tecnica ad esse relazionata.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10221
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda phante » sab ago 05, 2006 8:51 pm

Più che le dighe, fin da piccolo sono stato colpito dalle centrali in caverna, di quelle che hanno il frontone a filo della montagna, come ad esempio la centrale di Barcis nei pressi della vecchia diga e altre cho ho avuto modo di vedere andando su per il cadore ... mi affascinava il mistero di queste cose e dove portavano, da li alle dighe poi il passo è breve.
Poi in tempi più recenti, con una maggiore compresione del mondo è cominciato l'interesse tecnico, prima del vajont e per estensione a tutte le altre.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5034
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda UtopoMonste » gio ago 10, 2006 2:45 pm

Una passione dovuta ad una sorta di timore dinnanzi ad opere così mastodontiche...
Poi in genereale tutto ciò che ha di "tecnico" mi attira...
UtopoMonste
Comunista
 
Messaggi: 19
Iscritto il: lun ago 07, 2006 2:50 pm

Messaggioda ienax_ridens » gio ago 10, 2006 3:22 pm

Perchè per un (futuro) ingegnere ambientale le dighe sono tra le strutture biù belle e difficili da progettare...seconde solo alle gallerie!
Soltanto che probabilmente danno più soddisfazioni ad opera ultimata perchè sono sotto gli occhi di tutti!

Una riflessione...ma ci pensate che con tutta la sua immensità una diga (a scopo idroelettrico) viene costruita per morire soltanto al max 100 anni più tardi? Poi è anti economica... E' una cosa affascinante!
-Ienax Ridens-
Avatar utente
ienax_ridens
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1416
Iscritto il: ven giu 09, 2006 1:55 pm
Località: Torino (TO)

Messaggioda Jakoz » ven ago 11, 2006 11:18 am

Buon Giorno a tutti da un nuovo iscritto che scrive da mooolto lontano (provincia di Varese)

La mia passione per le dighe c'e sempre stata fin da piccolo, cresciuta dopo la visione del Film "Vajont" tanto che il 02 luglio in occassione del Metting di un club automobilistico mi sono recato sul posto.Da li amore fu... e DOmenica inizia la caccia alle 8 dighe che ci sono in provincia di Varese. :-)
Jakoz
Comunista
 
Messaggi: 9
Iscritto il: gio ago 10, 2006 9:16 pm

Messaggioda Paoletto » ven ago 11, 2006 11:50 am

ienax_ridens ha scritto: una diga (a scopo idroelettrico) viene costruita per morire soltanto al max 100 anni più tardi? Poi è anti economica...


Anti-economica... non direi!!!! Non ho dati precisi, ma sono sicuro che la maggior parte degli impianti idroelettrici (se non tutti) costruiti negli anni 50 sono stati già ampiamente ammortizzati! Con quello che vale l'energia nelle ore di punta!!! :wink:
Forse il discorso è un po' diverso per quelle a scopo solamente irriguo o potabile. Ma in questo casi ci sono finanziamenti statali a fondo perduto per l'agricoltura e sovvenzioni varie....
Paoletto
Montanaro
 
Messaggi: 334
Iscritto il: dom mar 12, 2006 6:24 pm
Località: Milano

Messaggioda Cisky79 » sab ago 12, 2006 2:29 pm

Bè ragazzi il perchè bene non lo so.
Uno dei miei motivi penso sia l'invidia nei confronti di chi è riuscito a progettare opere simili, e poi quanti di voi da piccoli andando in montagna hanno visto valli, cime, funivie ma di fronte a una diga hanno chiesto" papà ma quella cos'è?"
Dai ammettiamolo molte volte è stato più bello vederle da lontano......poi ci arrivi vicino e ti accorgi che è un muro con delle finestre e qualche tubo.
e incominci a non capire come mai una cosa così semplice ti incuriosisca così tanto. Personalmente non è la diga in se ma tutta l'idea di impianto che mi manda in estasi, fare uno scarico la, una paratoia azionabile in quella maniera di la, prevedere che se piove troppo l'acqua devo farla uscire ma come e dove....Ecco è così che ho incominciato ad appassionarmi alle dighe.
In fin dei conti tutti noi al mare abbiamo fatto castelli di sabbia sulla riva e costruivamo fossati e mura per fare in modo che l'acqua non lo distruggesse, e quale migliore iniziazione all'argomento secondo voi??
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
 
Messaggi: 2332
Iscritto il: ven gen 27, 2006 8:14 pm
Località: Brianza

Messaggioda ienax_ridens » lun ago 21, 2006 8:13 pm

Paoletto ha scritto:
ienax_ridens ha scritto: una diga (a scopo idroelettrico) viene costruita per morire soltanto al max 100 anni più tardi? Poi è anti economica...


Anti-economica... non direi!!!! Non ho dati precisi, ma sono sicuro che la maggior parte degli impianti idroelettrici (se non tutti) costruiti negli anni 50 sono stati già ampiamente ammortizzati! Con quello che vale l'energia nelle ore di punta!!! :wink:
Forse il discorso è un po' diverso per quelle a scopo solamente irriguo o potabile. Ma in questo casi ci sono finanziamenti statali a fondo perduto per l'agricoltura e sovvenzioni varie....


non ntendevo l'antieconomia sul piano dell'ammortamento, ma sull'economia a sfruttarne la produzione idroelettrica oltre la vita di progetto...mi son spiegato male... :wink:
-Ienax Ridens-
Avatar utente
ienax_ridens
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1416
Iscritto il: ven giu 09, 2006 1:55 pm
Località: Torino (TO)

Messaggioda Tony651 » sab set 30, 2006 3:09 am

[quote="UtopoMonste"]Una passione dovuta ad una sorta di timore dinnanzi ad opere così mastodontiche...
Poi in genereale tutto ciò che ha di "tecnico" mi attira...[/quote]


Concordo!!!! Se avessi tempo e spazio la mia passione sarebbe costruirne una in scala (però bella grande... tanto da farci il bagno d'estate)... con relativi calcoletti in cemento armato, impiantistica, etc... etc... Magari facendoci funzionare un trenino elettrico...

Saluti!

:lol:
Avatar utente
Tony651
Comunista
 
Messaggi: 33
Iscritto il: sab set 30, 2006 1:21 am

Messaggioda vecciomeo » mar mar 13, 2007 12:24 pm

io mi soo innamorato subito del vajont da quella volta che mio papà mi ha portato quando ero piccolo a vedere la mitica diga
Avatar utente
vecciomeo
Muratore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: mer dic 06, 2006 8:05 pm
Località: Scorzè

Messaggioda Ponzio » mar mar 13, 2007 3:09 pm

A volte mi son chiesto perchè mi son sempre piaciute le dighe e le centrali elettriche sarà che da piccolo andavo con la nonna a camminare lungo in Brenta dalla Centrale di Ca' Barzizza costeggiando il canale di derivazione che la alimenta.
Al mare mi appassionava costruire dighe argini ecc in miniatura alla fontanella dietro il capanno del bagnino; in montagna avevamo vicino di casa un ingegnere di MI che lavora al cantiere della grande diga di Inga in Congo e coi suoi figli abbiamo costruito una diga in miniatura nello sbocco dello scarico delle acque pluviali della via
Anche a me le dighe han sempre spaventato ed affascinato e da piccolo il ricordo della tragedia del Vajont mi ha sempre inquietato
Avatar utente
Ponzio
Perito
 
Messaggi: 373
Iscritto il: ven nov 10, 2006 3:48 pm
Località: Valmarana


Torna a Il dighista

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron