E se tornassimo a parlare di nucleare?

Dove si può parlare di tutto senza freni, l'osteria di progettodighe!
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
Messaggi: 4925
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29
Località: Treviso (TV)
Contatta:

Messaggio da phante »

cestò ha scritto:Piccola parentesi eolica:
Poco fa, in un servizio di Striscia la notizia, hanno parlato di una centrale eolica in Sardegna, entrata parzialmente in servizio nel "99. Quando l'impianto ha cominciato a guastarsi, non è stato possibile reperire i ricambi in quanto la ditta danese che ha costruito gli immensi generatori ha fallito!!! :shock: :shock: :shock: ....

Io mi chiedo :-x ...MA E' QUESTO IL MODO CON CUI SI DOVREBBE SOSTITUIRE IL NUCLEARE ????? :shock: :shock: :shock: :evil: :evil: :evil:

...
Lo scandalo è che si siano accorti che non avevano più pezzi di ricambio solo quando ormai era troppo tardi. Questo vuol dire che una volta messo in piedi l'impianto è stato abbandonato a se stesso ... se sulle nostre care dighe non ci fosse un servizio di monitoraggio continuo la situazione non sarebbe molto diversa, e lo stesso capirebbe in qualsiasi manufatto umano, anche banalmente parlando a casa nostra o sulla nostra auto.

Qui il problema non è la tecnologia dell'eolico, ma è un tipico caso all'italiana, il parco eolico non è stato tirato su perché ci si credeva ma perché c'erano finanziamenti per farlo, quasi sicuramente l'hanno fatto anche in pompa magna con vagonate di autorità in auto blu, discorsono amorevoli e preoccupati per l'ambiente e poi, una volta andati via tutti, presi i soldi e lasciato li a marcire ... però se questo succede su un parco eolico, l'unico rischio che si corre è quello che una pala cada in testa ad un'escursionista ... se succede una cosa del genere in una centrale nucleare abbiamo un'altro 26 aprile 1986 ...
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6206
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Messaggio da cestò »

phante ha scritto: Qui il problema non è la tecnologia dell'eolico, ma è un tipico caso all'italiana, il parco eolico non è stato tirato su perché ci si credeva ma perché c'erano finanziamenti per farlo, quasi sicuramente l'hanno fatto anche in pompa magna con vagonate di autorità in auto blu, discorsono amorevoli e preoccupati per l'ambiente e poi, una volta andati via tutti, presi i soldi e lasciato li a marcire ... però se questo succede su un parco eolico, l'unico rischio che si corre è quello che una pala cada in testa ad un'escursionista ... se succede una cosa del genere in una centrale nucleare abbiamo un'altro 26 aprile 1986 ...
Anch'io la penso così, infatti non ci credo che quando viene realizzata un'opera per produrre energia, questo lo si faccia per il progresso.
In gioco ci sono moltissimi soldi e quando si ha la possibilità di gestirli...

Per tirar su delle centrali nucleari ce ne vogliono ancora di più, molti di più, credo che sia il tipo di centrale più costosa, ecco perchè si stà incentivando il loro ritorno, non certo per il progresso.
Anche perchè il nucleare attuale mi pare che sia una tecnologia da rivedere...

Dimenticavo Phante... complimenti per il nuovo avatar, molto bello!
ADESSO E' NATALE !!! :-D :-D :-D
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
paolog
Dott. Ing.
Messaggi: 2791
Iscritto il: 13 mag 2007, 08:50
Località: udine

Messaggio da paolog »

Complimenti anche da me per l'avatar natalizio!!!!!

E come avete detto sopra il problema è proprio quello. Troppo spesso quando si fa qualcosa, non lo si fa perchè ci si crede veramente o perchè può essere una vera innovazione, ma quasi sempre per poterlo utilizzare come immagine o per far credere alla gente che serva veramente... E troppo spesso lo si fa solo perchè di mezzo ci sono dei contributi e poi li lascia marcire tutto, come gli eolici di cui sopra.... E quante volte si legge di realizzazioni di FV che vengono publicizzati come la soluzione a tutti i problemi energetici nei discorsi alle inaugurazioni..... Sempre sui FV, quanti sanno da dove vengono "pescati" i contributi che fanno in modo che l'energia che produci e poi cedi alla rete ti venga pagata circa il triplo di quello che tu la paghi quando la acquisti per il tuo consumo..... => Dalla Componente A3 che tutti pagano in bolletta..... Ci credo che poi è facile guadagnarci, per l'utente, per l'installatore, per chi ti fa il mutuo per poterlo realizzare.... Tutti danno un piccolo contributo che viene ripartito tra i pochi che installano... E se tutti decidessero di installare.... Non basterebbero i contributi.....
E sul nuclerare temo anch'io che essendoci tantissimi soldi in gioco si voglia sfruttare questa opportunità piuttosto che realizzarli per effettiva necessità visto che ora i consmi sono in calo e che nazioni come la germania ad esempio si stanno orientando al carbone, che si trova dappertutto, a poco prezzo e che esiste la tecnologia per renderlo pulito...
Senza dimenticare che il ciclo di vita di queste macchine è dell'ordine di circa 30 anni che dobbiamo utilizzare per lo sviluppo di nuove tecnologie, come ad esempio la fusione..... Ma forse è troppo difficile pensarci....
fudos
Contadino
Messaggi: 60
Iscritto il: 12 ott 2017, 08:31

Re: E se tornassimo a parlare di nucleare?

Messaggio da fudos »

io come argomento lo riterrei interessante, forse muoverebbe anche le acque del forum, non credete?
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
Messaggi: 4925
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29
Località: Treviso (TV)
Contatta:

Re: E se tornassimo a parlare di nucleare?

Messaggio da phante »

Sul tema c'era anche un'altro post di ben più lunga data che è fermo anche lui da un po'

viewtopic.php?f=2&t=1168

il tema mi interessa e quando ho tempo cerco di tenermi allineato alle nuove evoluzioni e proporre le news che trovo ma ho l'idea che nel mondo non ci sia questo gran fermento.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
virgilio
Contadino
Messaggi: 67
Iscritto il: 05 lug 2005, 12:22
Località: Triveneto

Re: E se tornassimo a parlare di nucleare?

Messaggio da virgilio »

fudos ha scritto: 29 ott 2018, 09:15 io come argomento lo riterrei interessante, forse muoverebbe anche le acque del forum, non credete?
https://youtu.be/7GFFfmBGb5U SAFIRE PROJECT

Segnalo per i curiosi.
IT c'è anche uno studio sulla fusione (partito in zona Padova?) reclamizzato sulla stampa all'inizio di quest'anno. Non so molto a proposito.
brigaboom
Montanaro
Messaggi: 292
Iscritto il: 26 ott 2013, 20:27

Re: E se tornassimo a parlare di nucleare?

Messaggio da brigaboom »

In zona Padova?
Me l'ero perso... Se trovi il link, mettilo sul forum.
Rispondi