Gallerie, condotte, prese, ponti-tubo...

Dove discutere sulla figura del dighista e le informazioni generali utili a quest'ultimo

Messaggioda Paoletto » ven gen 26, 2007 3:35 pm

velista ha scritto:... esistono formule di carico per le condotte, per definire il loro regime? :?:

Così a priori, no.

Prova a pensare ad un tubo, ovviamente in discesa :-), che sbocca all'aperto. In questo tubo all'inizio viene immessa una piccola portata: questa scorre a pelo libero. Se continuo ad aumentare la portata, il livello dell'acqua aumenta sempre di più fino a toccare il cielo del tubo e il moto diventa in pressione. C'è il modo matematico per determinare l'altezza dell'acqua nel tubo al variare della portata; se a qualcuno interessa posso postare le formule, non sono difficili.

Ora immagina che in fondo al tubo ci sia una valvola: il discorso cambia completamente e chiaramente posso far lavorare il tubo sempre in pressione, al limite anche per portate piccolissime.

Anche le condizioni di imbocco influiscono: se l'imbocco del tubo è rigurgitato e non metto un'aerazione, è facile che la corrente rimanga in pressione. A dire tutta la varità, in questo caso succederebbero casini ulteriori..... ;-)

Ho semplificato molto, ma spero di aver chiarito! Atrimenti, chiedi pure ;-)

velista ha scritto: gli idraulici formulizzano anche come far cuocere la pasta...! :twisted:

Mi hai dato un'idea per come passare il tempo mentre cuociono gli spaghetti :-D :-D :-D
Paoletto
Montanaro
 
Messaggi: 334
Iscritto il: dom mar 12, 2006 6:24 pm
Località: Milano

Messaggioda Il guardiano della diga » ven gen 26, 2007 3:35 pm

Qui da noi, visto che la casa editrice (la Tabacco appunto) è a Feletto (2 passi da casa mia), le vendono anche nelle edicole, come pure nelle località montane.

Comunque sono molto gentili (a parte una mia discussione anni fa con un operatore che non dovrebbe lavorare più per loro, quando telefonai per comunicare che una strada era differente dalla realtà) e se vuoi sapere dove è distribuita puoi telefonargli:

Casa editrice Tabacco tel. 0432/573822
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

PCN

Messaggioda paolino_dam83 » ven gen 26, 2007 4:51 pm

Dunque finalmente sono riuscito a collegarmi al PCN, che sarebbe il Portale Cartografico Nazionale, come sapete ci sono le foto aeree a colori di tutta Italia, del Friuli sono anche recenti (1998), e ho notato con piacere che è una buona alternativa a Google Earth per investigazioni dighistiche :lol: certo, le foto sono meno dettagliate e a 256 colori ma per i miei scopi bastano :wink:

Ho appena controllato la zona di Caprizi e a circa 1.4 km dallo sbarramento verso valle si vede un bel coso :lol: bianco che attraversa il Tagliamento, l'ormai famoso ponte-tubo Sauris-Caprizi-Ambiesta, dalla foto si vede anche la traccia in mezzo agli alberi della stradina che scende sul ponte dalla statale del passo Rest, non sembra troppo difficile. Anzi, la stradina termina in quello che sembra un piccolo piazzale proprio dove inizia il ponte-tubo :-D.
P.S. il ponte attraversa la valle in un tratto dove è abbastanza larga, è ad arcate multiple, e anche se soltanto la parte centrale attraversa il letto del torrente, in totale dalle misure in scala parrebbe lungo quasi 400 metri :shock: da una galleria all'altra...
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

veneto

Messaggioda paolino_dam83 » lun gen 29, 2007 3:29 pm

Finalmente sono riuscito ad aprire il portale cartografico nazionale con le foto aeree del Veneto :-D

Ho visto quel "laghetto" che c'è in Val Zoldana dove arriva la condotta da Dont e parte verso la centrale che scarica nel lago di Pontesei... parrebbe un laghetto artificiale perchè è quadrato :lol: non credo che i laghetti naturali/stagionali sono quadrati :wink: e nelle vicinanze di questo laghetto c'è un ponte-tubo che si dovrebbe vedere dalla stradina che sale al laghetto.
Guardando invece più indietro sulla condotta, in una valletta sperduta, ci sono due ponti-tubo ma appunto sono sperduti nel bosco.
Invece alla località Gavaz sulla statale che va al passo Duran, il ponte-tubo è abbastanza vicino alle case, credo che da qualche posizione anche vicino alla strada, si dovrebbe vedere :wink:

Seguiranno altre investigazioni sulle foto aeree :lol:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

:P

Messaggioda paolino_dam83 » lun gen 29, 2007 4:25 pm

Il vostro Paolino rabdomante dei ponti-tubo ne scova sempre di nuovi...
Ora tocca al Cadore: il ponte-tubo è quello della condotta che scende dal lago di Valle e che dopo aver ricevuto l'acqua del lago di Centro Cadore aka Pieve va verso il Vajont.

Per arrivarci: salendo da Longarone verso Pieve di Cadore, all'altezza di Macchietto, prendere la strada a sinistra per Perarolo di Cadore. Questa è la vecchia statale 51 che si percorreva prima che costruissero il tunnel di Col Caralte e il mega-ponte ad arcata singola sulla valle del Piave :wink: (mia mamma chiama questa vecchia strada "la cavallera" non chiedetemi perchè :lol:). Si passano i paesi di Peron e Fontanelle, una volta arrivati a Perarolo si attraversa il ponte sulla confluenza del torrente Boite nel Piave e si prosegue (la strada potrebbe avere il cartello "dismessa" o essere anche chiusa). Al primo tornante c'è una stradina che scende verso un gruppetto di case (potrebbe essere privata), attraversa un ponticello sul Piave e finisce dove credo ci sia un cunicolo di accesso alla confluenza delle gallerie Valle-Centro Cadore. Da lì il ponte-tubo dovrebbe essere visibile. Altrimenti si dovrebbe vedere qualcosa dalla ferrovia che ci passa vicino (vegetazione permettendo :wink:)
Ultima modifica di paolino_dam83 il lun gen 29, 2007 6:55 pm, modificato 1 volta in totale.
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Messaggioda velista » lun gen 29, 2007 6:54 pm

Ora non ho con me tutte le tabacco, quindi non posso andare a guardare le bellissime scoperte di Paolino, ma dico solo una cosa:

il tratto di Statale 51 veniva chiamato "cavallera" poichè nel passato, quando non c'erano i common rail e le turbine a spingere i nostri fondoschiena su per le montagne, questo lo facevano i cavalli; la pendenza abbastanza accentuata di questo tratto di strada obbligava i conduttori delle carrozze ad aumentare il numero dei cavalli per affrontare la salita! Ecco spiegato l'arcano... :lol: :lol: :lol:

Fra l'altro, per chi ama la linea Belluno Calalzo, è stato completato nel 2003 il traforo ferroviario di "monte Zucco" di oltre due chilometri, che evita proprio il famoso tratto "cavallera", fra l'altro molto soggetto a franamenti e cadute di massi! :wink:
velista
Perito
 
Messaggi: 471
Iscritto il: gio gen 12, 2006 11:10 am
Località: Trieste

:P

Messaggioda paolino_dam83 » lun gen 29, 2007 7:05 pm

Grazie dell'info velista... Sai mia mamma quando era ragazza andava in vacanza in quel di Laggio di Cadore con mio nonno quindi ogni tanto ci passava per quella strada :wink:
Non sapevo di questo tunnel ferroviario inaugurato nel 2003... Strano che Trenitalia investe ancora bei quattrini per mettere a posto una linea che dire tortuosa è poco :lol:, a binario unico e che richiede accorgimenti non indifferenti per essere percorsa (un mio amico è macchinista e ogni tanto fa Treviso-Calalzo quindi fidati di quello che ho detto :wink:).

Tornando a noi, guardacaso :lol: ho trovato un altro ponte-tubo: nella zona della località Macchietto, sulla solita statale 51, dove chissà come :lol: c'è anche una centrale elettrica con annesse condotte forzate, la condotta che arriva da Pieve-Valle diretta verso Davestra passa sopra una valletta, peccato che questo ponte sia irraggiungibile :-(

P.S. per quanto riguarda la condotta della Val Zoldana che da Zoldo Alto va in centrale prima di Pontesei, quella che dall'alto assomiglia alla lettera "W", phante mi ha detto "ma è una follia quanto hanno speso per fare quella galleria?" :lol: con annessi 4 ponti-tubo, laghetto eccetera :lol: in SADE volevano fare le cose in grande :wink:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Messaggioda velista » mar gen 30, 2007 9:30 pm

Eccomi qua, dopo aver guardato la cartina!

Spero che questo che faccio ora non vada contro alcuna legge... nel qual caso, Phante può cancellare le immagini! (vedo però parecchi siti con porzioni di opere coperte da copyright.... :roll: )

Allora, da Forno di Zoldo si va verso Sud e si trova il bacino a forma trapezoidale - quasi quadrata, e poi ancora più a sud si trova un punto in cui si nota la scritta "acqua della Madonna". Io non riesco a trovare questo punto nella cartina del portale, e voi?


Immagine

Immagine


Non sono sicuro invece di aver capito bene se la condotta "W" e quella che parte da Vodo, passa da Pontesei, e va verso Ospitale? Se è quella, effettivamente si, è di una lunghezza sterminata, ma non capisco dove finisca nei pressi di Ospitale! Sul torrente Valbona a NW di Ospitale la condotta finisce e ci sono due "puntini" blu! :!:

Chi sa qualcosa, comunichi! :wink:
velista
Perito
 
Messaggi: 471
Iscritto il: gio gen 12, 2006 11:10 am
Località: Trieste

Messaggioda velista » mar gen 30, 2007 9:43 pm

Ora ho visto anche il ponte tubo del Cadore, presso Perarolo! :-D

Dovrebbe essere bello, ma chissà se si riesce a vedere! Non mi sono mai fermato in quella zona, e dal treno purtroppo :evil: non si può vedere quasi nulla, perchè nonostante la velocità sia bassa, la vegetazione è notevole e sono poche le tratte con massicciate scoperte! :-x
Magari la prossima volta che passo mi fermo in quella stradina... quanto vorrei che fosse il prima possibile!! :wink:

Ne abbiamo di cose da vedere, eh?? :-D :-D :-D
velista
Perito
 
Messaggi: 471
Iscritto il: gio gen 12, 2006 11:10 am
Località: Trieste

:p

Messaggioda paolino_dam83 » mer gen 31, 2007 12:19 am

Caro velista vedo che ti sei documentato bene :-D bravo :-D
Cosa significa quando dici che non riesci a localizzare quel laghetto quadrato nella cartina del portale? Quale portale? :wink:

Per quanto riguarda la condotta, non è quella Vodo-Pontesei-Davestra-Vajont, ma quella che parte da una presa sul torrente Maè nella zona di Zoldo Alto, passa sotto diverse montagne, arriva in quel laghetto quadrato dove confluisce la presa Acqua della Madonna, poi prosegue verso un tratto in condotta forzata esterna, che termina in una centrale che si trova sempre sul torrente Maè, prima di quello che rimane del lago di Pontesei. Se vuoi un riferimento questa centrale si trova più o meno vicino al Camping Le Bòcole, c'è una stradina di accesso che parte dall'imbocco dell'ultima galleria prima del bivio per Cibiana, attraversa il torrente e finisce dove c'è la centrale. Ora non so se è in caverna (e quindi vedi solo la porta) o se è all'esterno, comunque dalla centrale parte anche una variante del sentiero 531 Anello Zoldano che viaggiando in costa collega la centrale con Baron, vicino a Forno. Questa condotta guardandola nella mappa ha in effetti un percorso che, dalla presa alla centrale, ricorda il carattere "W". Certo, la galleria che dal lago di Vodo arriva a Pontesei è sì lunghissima (a spanne credo sugli 8 km), ma è praticamente dritta e non attraversa posti impervi o vallette. Invece questa condotta a "W" che da Zoldo Alto arriva a Pontesei, attraversa 4 se non 5 ponti-tubo, alcuni in vallette strette e sperdute, e poi hanno costruito anche il laghetto che penso serva da compensazione per la centrale, quindi diciamo che sono stati più pazzoidi a fare questa galleria con 3 curve, 5 ponti-tubo e il laghetto-piezometrico e solo per prendere acqua dal torrente, non da uno sbarramento. E' stato più facile fare un traforo dritto da 8 e passa km :wink:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Re: :p

Messaggioda velista » mer gen 31, 2007 9:44 am

paolino_dam83 ha scritto:Per quanto riguarda la condotta, non è quella Vodo-Pontesei-Davestra-Vajont, ma quella che parte da una presa sul torrente Maè nella zona di Zoldo Alto, passa sotto diverse montagne, arriva in quel laghetto quadrato dove confluisce la presa Acqua della Madonna, poi prosegue verso un tratto in condotta forzata esterna, che termina in una centrale che si trova sempre sul torrente Maè, prima di quello che rimane del lago di Pontesei.


Ah, era quella! :-D Trovata, allora, grazie della precisazione!! :wink:
velista
Perito
 
Messaggi: 471
Iscritto il: gio gen 12, 2006 11:10 am
Località: Trieste

Messaggioda Il guardiano della diga » mer gen 31, 2007 11:49 am

Io ho trovato una foto del ponte-tubo di Caprizi...non è male, sembra abbastanza grandino... :lol:
Immagine
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda Il guardiano della diga » lun feb 12, 2007 11:58 am

Ecco una foto della condotta forzata che porta le acque del Degano, "aspirate" presso Ovaro, alla galleria di derivazione che alimenta il serbatoio dell'Ambiesta, assieme alla presa di Caprizi ed allo scarico della centrale Volpi di Ampezzo (il tubo è quello del post precedente):
Immagine
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda Andr3A » lun feb 12, 2007 8:14 pm

questo tubo si vede quando si va verso arta terme giusto...???

o per lo meno è sulla strada che si fa se devi andarci da udine :D
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 442
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Messaggioda Il guardiano della diga » mar feb 13, 2007 8:34 am

Andr3A ha scritto:questo tubo si vede quando si va verso arta terme giusto...???

o per lo meno è sulla strada che si fa se devi andarci da udine :D


No, lo vedi facendo la SS da Tolmezzo in direzione Ampezzo, lo trovi appena prima di Villa Santina :-)
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda Andr3A » mar feb 13, 2007 3:38 pm

ops allora ho confuso la strada :D
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 442
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Messaggioda velista » mer apr 11, 2007 10:31 pm

Ho appena caricato sul sito le foto della vasca di carico di Forno di Zoldo di cui si parlava tempo fa: Phante sceglierà la sezione più opportuna dove caricarle, e poi posterò il link... :-D

Sono stato a vedere questa vasca lunedì, e devo dire che fa un certo effetto: è in mezzo ad un bellissimo bosco, e si raggiunge abbastanza facilmente: volendo si può arrivare fino a lì direttamente con l'auto, altrimenti ci sono diversi punti in cui si può lasciare il mezzo ed andare a piedi. :wink: La Tabacco è come sempre precisa ed affidabile! 8-)

Ormai la mia macchina ha affrontato più offroad dei tanti suv che girano per le città... :-P comunque è tutto fattibile, solo un pò strettino e un pò sporco, dato che il fondo è sterrato (e quindi fangoso...) :wink:

La consiglio per chi va su in Val Zoldana e ha un'oretta a disposizione... peccato solo per il colore dell'acqua della vasca, più torbida di quella di Marghera dopo il lavaggio delle cisterne di una tanker! :shock: Peccato davvero....
velista
Perito
 
Messaggi: 471
Iscritto il: gio gen 12, 2006 11:10 am
Località: Trieste

Messaggioda vecciomeo » dom apr 15, 2007 6:42 pm

soltanto ieri ho scoperto che il ponte tubo del vajont è stato rifatto dopo la sera dell'63...è vero quello che ho sentito o è una palla?
Avatar utente
vecciomeo
Muratore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: mer dic 06, 2006 8:05 pm
Località: Scorzè

Messaggioda Andr3A » dom apr 15, 2007 7:04 pm

vero vero ;)
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 442
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Messaggioda phante » dom apr 15, 2007 7:33 pm

Prima:
Immagine

Dopo:
Immagine

CVD
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5034
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

PrecedenteProssimo

Torna a Il dighista

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron