Gallerie, condotte, prese, ponti-tubo...

Dove discutere sulla figura del dighista e le informazioni generali utili a quest'ultimo

Gallerie, condotte, prese, ponti-tubo...

Messaggioda paolino_dam83 » gio gen 25, 2007 5:15 pm

Dopo la mia adesione alla visita guidata che sapete :lol: oggi ho voluto tirar fuori tutte le tabacco che ho e cercare gallerie/opere di presa/condotte di cui credo che qui si sa poco o comunque nessuno ha mai pensato di cercare effettivamente dove stanno... :wink:

Parto dal sistema di condotte della valle del Lumiei-Ampezzo-Caprizi eccetera :wink:
Secondo la tabacco numero 2 Caprizi non serve esclusivamente come alimentazione per l'Ambiesta. Questa presa si immette quasi subito nella galleria che partendo dal lago di Sauris fa un tratto in condotta (anche esterna sembra dalla mappa) all'altezza della località Pian Dal Sach, poi questa galleria attraversa Ampezzo e la forcella di Priuso, per poi sbucare sopra il Tagliamento, in quello che la tabacco chiama "ponte canale", sarà da verificare se quello poi è effettivamente un ponte canale o un più classico ponte-tubo :lol: questo ponte si trova a circa 1.5 km dallo sbarramento di Caprizi andando verso Ampezzo, sembra ci sia una stradina sterrata che ci arriva vicino. Dopo il ponte-canale la galleria riceve l'acqua proveniente da Caprizi e si dirige verso Est (la tabacco mi finisce qui ma credo vada all'Ambiesta).

Per quanto riguarda Sauris, sembra che poco dopo la stradina che sale a Lateis prima della Maina, dovrebbe sbucare nel lago la galleria di presa dal torrente Novarza, che ha diversi cunicoli di ispezione con accesso lungo la statale della valle Lumiei :wink:.

Una domandina invece sul Vajont... sarà stupida ma per un neofita come me... dalla tabacco sembra che le gallerie che arrivano da Valle di Cadore e da Castello Gardona non si congiungono in una unica, ma in due gallerie parallele che poi convergono al Vajont... come mai se la mappa è giusta?

Parlando della rete della val Zoldana, la galleria che parte da Vodo passa per Pontesei, attraversa il ponte-tubo sulla statale 51 a Olantreghe e si congiunge alla galleria Valle-Vajont e questo si sa, quello che io non sapevo è che, secondo la tabacco, nel torrente che alimenta Pontesei scarica anche una centrale alimentata da una galleria (l'ultimo tratto in condotta) che preleva acqua da una sorgente (Acqua della Madonna) nella zona dello Spiz di Mezzodì, con annesso quello che pare un enorme "polmone", e da una presa sul Maè all'altezza di Fusine-Zoldo Alto, che attraversa il torrente Duram su un ponte-tubo all'altezza di località Gavaz sulla statale 347 del passo Duran appunto. Inoltre non sapevo che la galleria prima di passare sopra la statale 51 riceve anche l'acqua da una presa sita in Valbona sopra Ospitale di Cadore.

Passiamo alla valle del Cordevole... La galleria che arriva da Cencenighe-Agordo passa la Val Giusa su un mini ponte-tubo all'altezza della Muda, poi passa su un altro ponte più grande all'altezza della località Pissa, questo dovrebbe essere raggiungibile o quantomeno visibile perchè vicino passa un sentiero segnato (503). Subito dopo il ponte-tubo la galleria prende l'acqua della sorgente del Vescovà e termina alla centrale della Stanga sulla statale 203. Poi secondo la tabacco lo scarico della centrale attraversa il Cordevole e continua il suo percorso in galleria (2 mini ponti-tubo sperduti :wink:) e arriva a finire... nel lago del Mis :lol: per chi ci è stato avrà forse notato che in sponda sinistra della diga dove ci sono quelle paramassi per i tunnel di servizio, in quella zona sbuca anche una galleria che a volte butta nel lago una gran quantità di acqua... ebbene quello è lo scarico della centrale Stanga :wink: di questo sono quasi sicuro perchè me lo aveva detto mio padre che aveva dei documenti a riguardo su dei lavori di riparazione di tratti di galleria. Poi secondo la mappa davanti alla diga del Mis ci dovrebbe essere una condotta che attraversa la valle per bypassare il lago e congiungersi con la presa che dal Mis va verso la centrale sita nei dintorni di Sospirolo, per la precisione tra Sospirolo e Camolino, centrale che poi scarica nel torrente Mis in località Piz.

Che papiro che ho scritto... Almeno ora abbiamo elementi nuovi da esplorare :lol:
Ultima modifica di paolino_dam83 il dom feb 18, 2007 3:36 am, modificato 3 volte in totale.
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Messaggioda Cisky79 » gio gen 25, 2007 7:16 pm

ma ....che minc.....sono ste cavolo di tabacco fatemi un piacere .....mandatemi una mail con una immagine di ste cazz di carte perchè io ancora nn ho capito come sono

Ma cosa hanno ste carte tabacco?? sono belle??
sono costose??
possono essere usate come sigarette in casi di emergenza??
illuminatemi.
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
 
Messaggi: 2336
Iscritto il: ven gen 27, 2006 8:14 pm
Località: Brianza

Messaggioda velista » gio gen 25, 2007 7:34 pm

Prima di rispondere avviso che ho spostato la discussione nel luogo più appropriato, cioè nella sezione dove si organizzano le grandi (e piccole!) spedizioni: il dighista! 8-)

Allora, la questione è interessante: innanzitutto spieghiamo a Cisky cosa sono le tanto nominate Tabacco... sono cartine del triveneto, relative alle zone montane, in scala 1:25.000 (ma ce ne sono anche 1:50.000!) davvero molto dettagliate, con sentieri Cai, mulattiere, quote e linee altimetriche, etc etc... insomma, carte per escursionisti! :wink:

Riprendendo il discorso, ho visto anche io la tabacco 2: è interessante secondo me la presa sul torrente Novarza: da me si legge male, ma mi sembra di capire che la presa è a quota 997, e che sbocca nel lago a 984. Non so dire se sia quindi in pressione o a pelo libero, perchè la lunghezza è abbastanza accentuata: Paolino sa dirci se esistono formule di carico per le condotte, per definire il loro regime? :?: Ce ne saranno sicuramente, gli idraulici formulizzano anche come far cuocere la pasta...! :twisted:

Quindi, in breve, nella zona di presa, alla fine del torrente, credo ci sia una specie di "imbocco", di "piletta" per il torrente che scompare nella condotta: e questa "piletta avrà pure la forma di un mini-lago... o no? Ora che è innevato è impossibile, ma mi piacerebbe farmi due passi con la bella stagione per andare a vedere com'è sta cosa... voi che dite?? :wink:

Riguardo alla domanda sul Vajont, ora non ho sottomano gli schemi, ma la questione è interessante: guarderò!

Per il ponte tubo in zona Gardona, ho per voi una chicca: posterò una foto presa dal solito trenino per Calalzo! Effettivamente si vede anche lì una biforcazione... ovviamente non visitabile! :-P

Molto interessante la galleria con l'ultimo tratto in condotta a W dello spiz di mezzodì: non l'avevo mai notata, ed è pure "abbastanza" comoda dato che credo sia raggiungibile con l'auto! Mi sembra però d'aver visto da qualche parte che in inverno quella stradina è chiusa...

Per la val cordevole ora non ho le carte sottomano, vedrò!

Complimenti comunque a Paolino, oltre che un video-tecnico d'eccezione, qui ci siamo ritrovati un Dighista con la D maiuscola!
Appaluso d'incoraggiamento, ragazzi!!! :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D
velista
Perito
 
Messaggi: 471
Iscritto il: gio gen 12, 2006 11:10 am
Località: Trieste

:)

Messaggioda paolino_dam83 » gio gen 25, 2007 8:31 pm

:oops: intanto ringrazio Velista per avermi nominato Dighista con la D maiuscola... :oops: p.s. è Paoletto forse quello che formulizza io sono solo un povero perito in elettronica e telecomunicazioni :wink:

Tornando alle famose tabacco, ho adesso sotto mano la 25 della val Zoldana:
Ti riferisci al percorso che fa tutta la condotta vero? Da Fusine a Pontesei in effetti abbozza il carattere "W". La presa è a Fusine, ci dovrebbe essere una stradina sterrata che porta all'inizio della galleria, la si dovrebbe imboccare dalla stradina che porta in località Soramaè :wink:. La condotta attraversa poi lo Spiz de Zuel o Agnelessa e arriva sopra il torrente Duram come ho scritto, dove credo che lo attraversi su un ponte-tubo, circa 200 metri prima della località Gavaz salendo verso il passo Duran da Dont. Qui però non ci sono strade per arrivarci almeno vicino, vedo solo un minuscolo sentiero. Subito dopo Gavaz si può prendere una stradina sulla sinistra che attraversa il torrente (divieto di transito) e poi risale verso Gavaz dall'altra sponda, ma poi inizia a salire e non credo che si veda molto da lì, non ci sono mai stato quindi non posso esserne certo :wink:. Ho notato altre belle cosette su questa condotta: dopo il ponte-tubo a Gavaz la condotta attraversa il Col de le Ole e sbuca in Val de la Malisia, sopra il torrente Malisia, e qui dalla tabacco pare che ci siano addirittura DUE ponti-tubo uno di seguito all'altro :-D, in questo caso credo che si possano visitare con comodo in quanto, una volta arrivati a Forno di Zoldo, basta prendere la strada che va alla località Pralongo e una volta superata Pralongo e il camping al Pez si prosegue sulla stradina lungo il torrente Malisia per circa 1.4 km e si dovrebbero vedere i ponti-tubo sulla destra :wink:. La condotta poi arriva a quello che sembra uno stagno/laghetto, dove confluisce anche una presa dalla sorgente Acqua della Madonna. Anche qui non ci dovrebbero essere troppe difficoltà: da Forno di Zoldo si prende la strada per Pralongo e subito dopo il torrente Maè su un tornante c'è una stradina che sale un po' lungo il torrente Pramper per circa 2 km, arrivando proprio dove c'è questo specchio d'acqua. Si dovrebbe vedere anche il ponte-tubo che la condotta attraversa, subito dopo essere uscita da questo "polmone", direzione Pontesei. L'ultimo tratto verso la centrale sembra sia in doppia condotta forzata in superficie, credo che percorrendo l'Anello Zoldano o sentiero CAI 531 forse si vede qualcosina :wink:.

Ora recupero la tabacco 2 e vediamo sta cosa di Sauris...
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

:)

Messaggioda paolino_dam83 » gio gen 25, 2007 8:50 pm

Ho recuperato la tabacco 2 vediamo...

Secondo la mia carta che è recente (2004) la presa sul Novarza sta a 997 e la quota altimetrica più vicina all'uscita segna 998, il fatto è che vicino al lago poi non si vede dove scarica la condotta... Potrei azzardare che sia a pelo libero visto che la pendenza è quasi zero... Ma non vorrei aver detto una castroneria :wink:
Per raggiungere la presa sul Novarza purtroppo la cosa si fa non tanto facile: c'è un sentierino che parte dall'imbocco della galleria Bus mi pare, quella subito dopo il ponte sulla valle della statale, salendo da Ampezzo. Sale poi con tornanti fino a quello che sembra un cunicolo che bypassa un'ansa del torrente che forse era difficile percorrere in costa. Il cunicolo sembra sbucare esattamente sopra l'opera di presa o potrebbe anche essere il classico cunicolo d'ispezione che ci arriva vicino... non so... comunque la tabacco lo indica come "mulattiera/sentiero" quindi penso che non sia troppo comodo... :wink:. Ci sono altri due cunicoli di ispezione segnati lungo la condotta, ma sono tutti sperduti nel bosco, solo su uno vicino ci passa un sentierino che scende da Lateis...

Per quanto riguarda la forra del Lumiei io essendoci passato sempre sulla statale nel 1992 e 2005 e siccome la statale viaggia in costa abbastanza alta sul torrente, non so dirti nulla sulla percorribilità della forra... So solo che dopo la prima galleria lunga salendo da Ampezzo la valle si restringe molto. Sarebbe da andare alla località Pian dal Sach, dove arriva il tratto in condotta forzata e da dove parte la condotta che va verso il ponte-canale sul Tagliamento e poi verso l'Ambiesta. Circa 700 metri fuori Ampezzo, andando verso Sauris, ci dovrebbe essere una strada a destra che indica "Pian dal Sach" e scende verso il torrente. In quel punto la valle non è tanto stretta.

P.S. ho notato che nella bassa valle Lumiei in orografica sinistra, località Voltois, Giustiela, Forca di Pani eccetera c'è una bella rete di prese-gallerie-sorgenti, solo che non si capisce se servono all'idroelettrica o a irrigazione/potabilizzazione :wink:.
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

:)

Messaggioda paolino_dam83 » gio gen 25, 2007 8:57 pm

Ammazza sto allungando sto post a manetta :lol:

Per quanto riguarda Castel Gardona e il ponte-tubo sulla statale 51, credo di aver capito quale biforcazione hai visto: sulla tabacco si vede, prima del ponte-tubo, una derivazione dalla condotta per le condotte forzate della centrale: se non è sotto la montagna si dovrebbe vedere quella, altrimenti non so...

La domanda che io facevo sul Vajont è:
Secondo la tabacco, subito dopo il ponte-tubo di Gardona la condotta si biforca, il tratto verso destra (guardando dal ponte-tubo) va diretto al Vajont, mentre quello verso sinistra si congiunge alla condotta che scende da Valle di Cadore, anche questa condotta poi va diretta in Vajont. La mia domanda è a che serve questo "triangolo" di condotte? Forse sono state costruite in tempi diversi? O la portata era tale che una sola condotta non bastava? Qualcuno illumini un povero ignorante :wink:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Messaggioda destroyer » gio gen 25, 2007 10:13 pm

...in teoria così facendo mentre riempivi il vajont tramite pontesei(vodo in particularis), potevi continuare ad alimentare soverzene tramite pieve......
destroyer
Montanaro
 
Messaggi: 202
Iscritto il: sab lug 02, 2005 9:37 am

Re: :)

Messaggioda Andr3A » gio gen 25, 2007 10:34 pm

paolino_dam83 ha scritto:Per quanto riguarda la forra del Lumiei io essendoci passato sempre sulla statale nel 1992 e 2005 e siccome la statale viaggia in costa abbastanza alta sul torrente, non so dirti nulla sulla percorribilità della forra... So solo che dopo la prima galleria lunga salendo da Ampezzo la valle si restringe molto. Sarebbe da andare alla località Pian dal Sach, dove arriva il tratto in condotta forzata e da dove parte la condotta che va verso il ponte-canale sul Tagliamento e poi verso l'Ambiesta. Circa 700 metri fuori Ampezzo, andando verso Sauris, ci dovrebbe essere una strada a destra che indica "Pian dal Sach" e scende verso il torrente. In quel punto la valle non è tanto stretta.



in teoria li si dovrebbe trovare la centrale di ampezzo... o sbaglio..??
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 442
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

:)

Messaggioda paolino_dam83 » gio gen 25, 2007 10:38 pm

Per Destroyer:
Quindi le due condotte una volta arrivate in Vajont potevano essere indirizzate una al lago e una al ponte-tubo verso la Val Gallina per alimentare la centrale... però avete ragione Semenza & co. erano anni luce avanti :lol: il multitasking idroelettrico :lol: riempi un lago con una sorgente e alimenti la centrale con l'altra :wink:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

:P

Messaggioda paolino_dam83 » gio gen 25, 2007 10:41 pm

Per Andr3a:

Mah sulla tabacco a Pian del Sach non c'è il simbolo grafico che indica una centrale, che sarebbe quello di una minuscola turbina stilizzata, ma siccome ci sono le condotte forzate e poi la condotta riparte in galleria credo che sì forse andr3a ha ragione lì c'è la centrale di Ampezzo... non so perchè le volte che sono andato a Sauris non ho deviato per Pian del Sach, buono a sapersi per le prossime escursioni dighistiche 2007 :lol:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Re: Gallerie, condotte, prese, ponti-tubo...

Messaggioda Il guardiano della diga » ven gen 26, 2007 2:08 pm

paolino_dam83 ha scritto:...per poi sbucare sopra il Tagliamento, in quello che la tabacco chiama "ponte canale", sarà da verificare se quello poi è effettivamente un ponte canale o un più classico ponte-tubo :lol: questo ponte si trova a circa 1.5 km dallo sbarramento di Caprizi andando verso Ampezzo, sembra ci sia una stradina sterrata che ci arriva vicino.


In effetti, sulal strada che da Ampezzo porta al passo Rest, 1 chilometro o poco più prima dello sbarramento di Caprizi, sulla sinistra trovi una strada "boschiva" (siruramente percorribile dalla forestale) che scende nel bosco. E' prevista in futuro una mia passeggiata domenicale per fotografare il ponte tubo di cui sopra :-)
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

:)

Messaggioda paolino_dam83 » ven gen 26, 2007 2:21 pm

Guardiano nelle foto che hai postato nell'altro thread oltre a Caprizi e alla diga di Sauris c'è anche questo ponte-tubo:
Immagine

che è proprio quello dopo Caprizi :wink: sulla condotta che arriva da Sauris e dopo aver raccolto l'acqua di Caprizi va verso l'Ambiesta. Allora avevo ragione io: è un ponte-tubo e non un ponte-canale anche se la tabacco e pure il sito lo chiamano ponte-canale... mah :?:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Re: :)

Messaggioda Il guardiano della diga » ven gen 26, 2007 2:32 pm

paolino_dam83 ha scritto:Circa 700 metri fuori Ampezzo, andando verso Sauris, ci dovrebbe essere una strada a destra che indica "Pian dal Sach"


Questa è la centrale:

Immagine

e questi sono un pò di dati:

Asta del Tagliamento - L'impianto di Ampezzo
L'impianto utilizza parte delle acque dell'Alto Tagliamento ed affluenti, da quota 980 mslm con un salto di 480 m La centrale, inaugurata il 30 marzo 1948, ed intitolata a Giuseppe Volpi, si trova a quota 510 mslm circa in località Plan del Sac di Ampezzo.

La centrale è alimentata dal serbatoio stagionale del Lumiei tramite una galleria in pressione, lunga 4.112 m., che si collega ad una condotta forzata metallica che termina nel collettore di centrale, posto in caverna a quota 500 mslm.

Dal collettore si diramano le derivazioni che alimentano i tre gruppi turbina Pelton - alternatore ad asse orizzontale. Le turbine, due per ogni gruppo, sono alimentate da due introduttori sfasati fra loro di 90°. Gli alternatori sono collegati a tre trasformatori elevatori posti all'esterno e immettono l'energia prodotta nella rete 130 kV. L'impianto entra in servizio, normalmente, per coprire le richieste di carico nelle ore di punta dei giorni feriali.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: :)

Messaggioda Il guardiano della diga » ven gen 26, 2007 2:34 pm

paolino_dam83 ha scritto:Guardiano nelle foto che hai postato nell'altro thread oltre a Caprizi e alla diga di Sauris c'è anche questo ponte-tubo:
Immagine

che è proprio quello dopo Caprizi :wink: sulla condotta che arriva da Sauris e dopo aver raccolto l'acqua di Caprizi va verso l'Ambiesta. Allora avevo ragione io: è un ponte-tubo e non un ponte-canale anche se la tabacco e pure il sito lo chiamano ponte-canale... mah :?:


Uppss....quello che volevo fotografare io...
Ecco...adesso sono meno spronato di prima... :cry: :cry:
:lol:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

:P

Messaggioda paolino_dam83 » ven gen 26, 2007 2:39 pm

Dai Guardiano non deprimerti... quella è una sola foto e a bassissima risoluzione... qua ci vuole un reportage in digitale come si deve e magari anche video HDV :lol: e qui allora ci vogliono i dighisti :lol:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Messaggioda Il guardiano della diga » ven gen 26, 2007 2:42 pm

Hai fatto altre foto a quel ponte-tubo?
Quanto si impiega a piedi dalla strada carrozzabile al ponte tubo?
Secondo te il percorso è fattibile con famiglia (considera che mia figlia ha due anni e me la porterei in braccio)?
Ultima modifica di Il guardiano della diga il ven gen 26, 2007 3:14 pm, modificato 1 volta in totale.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

:O

Messaggioda paolino_dam83 » ven gen 26, 2007 3:02 pm

:shock: ma che hai capito?????
Quella foto è presa dal sito che hai suggerito tu dove ci sono le foto della forra del Lumiei :lol: mica l'ho fatta io :-)
Nel 2005 scendendo dal passo Rest ovviamente siamo passati per la forcella di Priuso dove c'è il ponte-tubo e mi pareva di averlo intravisto in mezzo al bosco, sul letto del Tagliamento... ma eravamo in macchina e non ci siamo fermati, poi nel 2005 non ero ancora ufficialmente dighista :lol:
Arrivando dal passo Rest, superato lo sbarramento di Caprizi, c'è una stradina sulla sinistra che porta a località Lunas. Proseguendo, dopo un tornante sulla destra, c'è una stradina a sinistra che porta a località Aveona. Circa 200 metri dopo, a destra ci dovrebbe essere una scuola. 400 metri dopo la scuola sulla destra dovrebbe partire la stradina che porta al ponte-tubo :wink: sulla mappa è segnata come "carrareccia-sterrata" quindi non dovrebbe essere troppo problematica. Potrebbe essere ciò che rimane della stradina di servizio quando hanno costruito il ponte-tubo :wink:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Re: :O

Messaggioda Il guardiano della diga » ven gen 26, 2007 3:18 pm

paolino_dam83 ha scritto::shock: ma che hai capito?????
Quella foto è presa dal sito che hai suggerito tu dove ci sono le foto della forra del Lumiei :lol: mica l'ho fatta io :-)
Nel 2005 scendendo dal passo Rest ovviamente siamo passati per la forcella di Priuso dove c'è il ponte-tubo e mi pareva di averlo intravisto in mezzo al bosco, sul letto del Tagliamento... ma eravamo in macchina e non ci siamo fermati, poi nel 2005 non ero ancora ufficialmente dighista :lol:
Arrivando dal passo Rest, superato lo sbarramento di Caprizi, c'è una stradina sulla sinistra che porta a località Lunas. Proseguendo, dopo un tornante sulla destra, c'è una stradina a sinistra che porta a località Aveona. Circa 200 metri dopo, a destra ci dovrebbe essere una scuola. 400 metri dopo la scuola sulla destra dovrebbe partire la stradina che porta al ponte-tubo :wink: sulla mappa è segnata come "carrareccia-sterrata" quindi non dovrebbe essere troppo problematica. Potrebbe essere ciò che rimane della stradina di servizio quando hanno costruito il ponte-tubo :wink:


Opperbacco!!! :shock: :shock:
Mi son visto tutte le foto ma mi son "perso" proprio quella...
Bè dai, considera la mia età, poi oggi è venerdi... :oops: :oops:
E ti ho fatto la stessa domanda anche via MP...lascia stare!
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

:)

Messaggioda paolino_dam83 » ven gen 26, 2007 3:23 pm

:wink: non preoccuparti :wink:
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Messaggioda Paoletto » ven gen 26, 2007 3:31 pm

Cisky79 ha scritto:ma ....che minc.....sono ste cavolo di tabacco fatemi un piacere .....mandatemi una mail con una immagine di ste cazz di carte perchè io ancora nn ho capito come sono

Ma cosa hanno ste carte tabacco?? sono belle??
sono costose??
possono essere usate come sigarette in casi di emergenza??
illuminatemi.

Se ti interessa, a Milano le ho viste alla Hoepli.
Paoletto
Montanaro
 
Messaggi: 334
Iscritto il: dom mar 12, 2006 6:24 pm
Località: Milano

Prossimo

Torna a Il dighista

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite