Il muro della vergogna (con video esclusivo)

Un forum specifico, al di là della suddivisione regionale, dedicato esclusivamente alle discussioni, ai reportage e alle informazioni sulla diga, storia e tutto quello che riguarda direttamente il Vajont.

Il muro della vergogna (con video esclusivo)

Messaggioda phante » lun mar 06, 2006 6:49 pm

Solitamente, in ambito dighistico, con questo nome si intende parlare del muro costruito sul passo di Sant'Osvaldo per contenere le acque del Vajont in caso di smottamenti.
Se non erro il muro è stato costruito dopo la frana del monte Toc.
Il muro è ancora stampato nella mia mente, profondo, grigio scuso, con una stretta galleria in mezzo. Purtroppo agli inizi del mio interesse per l'argomento dighistico, e soprattutto appena mi sono dotato di patente :-) ,sono andato alla ricerca del muro ma l'avevano già abbattuto ...
qualcuno ha qualche foto in modo che si possa ricordare al mondo questa storia?
Ultima modifica di phante il gio dic 07, 2006 6:40 pm, modificato 1 volta in totale.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5019
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Cisky79 » lun mar 06, 2006 7:05 pm

Egregi esperti del settore dighistico del Triveneto
Sovviene dunque alla mia attenzione la presente osservazione
" Come tutti sappiamo il bacino del Vajont è stato messo in sicurezza dopo i tragici avvenimenti del 1963.... ma cosa è stato fatto di preciso, ma soprattutto come è stato fatto?.
Ad esempio la cabina di manovrà è andata distrutta e allora tutte le apparrecchiature per la regolazione della restante acqua come le hanno sostituite? Come hanno fatto nell'immediato dopo ad intervenire sugli impianti, a svuotare il restante lago?, cosa hanno aggiunto, smantellato, ripristinato? Illuminatemi o dunque califfi del pozzo piezometrico, grandi guru degli scarichi di fondo!!! Il vostro umile discepolo Cisky.

Magari in cambio vi posso dire quanto impiegano le pantegane ad attraversare le dighe di rifiuti sul Lambro. :lol: :lol: :lol:
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
 
Messaggi: 2330
Iscritto il: ven gen 27, 2006 8:14 pm
Località: Brianza

Messaggioda Andr3A » lun mar 06, 2006 7:43 pm

io so che dopo la frana erano state installate delle idrovore x svotare il bacino :-D
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 441
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Messaggioda phante » lun mar 06, 2006 10:09 pm

Rispondiamo per ordine.
La cabina di manovra è in realtà la cabina comandi centralizzati, ovvero da li si poteva attuare il controllo di tutto l'impianto. Per motivi di sicurezza ogni organo ha almeno due comandi(se non tre), ad esempio uno elettrico da remoto, uno elettrico in loco ed uno manuale, e quindi consente il controllo dell'impianto anche nel caso peggiore.
Sicuramente non sarà stato facile raggiungere i locali di manovra ma quasi sicuramente il poter ripristinare il controllo dell'impinato era uno dei punti prioritari per i tecnici enel.

Per quanto riguarda il lago residuo, Andr3A ha perfettamente ragione ed era stata installata una stazione di pompaggio in val Tuora che ha funzionato per dei mesi tra il '63 ed il '64 allo scopo di regolare il livello del bacino. L'acqua aveniva scaricata di la del passo di S'Osvaldo.
Oltre a questo sono state completate rapidamente le due gallerie che si trovano a sud del passo e che portano verso Cimolais. Le gallerie erano state pensate per la derivazione del torrente Cimolaiana verso il Vajont e per la dirivazione delle acque del vajont verso la Valcellina per gli altri impinati che si sarebbero dovuti costruire li.

Dopo queste opere di fortuna è stata allungata la galleria di bypass (costruita prima della frana) fino a passare oltre la diga e quindi permettere lo scarico delle acque residue.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5019
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Il guardiano della diga » mar mar 07, 2006 2:16 pm

Da un mio recente viaggio in quel di S.Osvaldo incamminandosi per il bosco si possono trovare tracce della presenza massiccia del muro, che, per fortuna, è stato abbattuto.
Per fortuna perchè a mio parere era veramente il muro della vergogna...
Comunque una volta un ertano a passeggio per S.Martino mi ha fatto scendere lungo la vallata e mi ha mostrato dove erano installate le idrovore per lo svuotamento del lago.
Forse eliminando completamente l'erba qualche rimasuglio di plinto si potrebbe ancora scorgere.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda phante » mar mar 07, 2006 9:24 pm

Secondo me è invece un peccato che sia stato abbattuto. Doveva stare li a memoria della ottusità ed idiozia ... eliminandolo solo pochi si ricordano che è stato fatto.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5019
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Il guardiano della diga » mer mar 08, 2006 9:07 am

phante ha scritto: . Doveva stare li a memoria della ottusità ed idiozia ...


Concordo con te, ma penso a quelli che hanno perso tutto e che se lo vedrebbero davanti magari ogni giorno...
Una situazione terribile...
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda destroyer » mer mar 08, 2006 9:25 am

beh, se è per questo si vedono davanti la diga ogni giorno (soprattutto quelli di longarone.....)
comunque non credo che a distanza di 40 anni cambierebbe molto...
pensate a redipuglia che rappresenta una stretta al cuore per chi ci va ogni tanto oppure per i reduci/familiari dei caduti (ormai pochi/0), mentre
per chi ci passa davanti ogni giorno è un semplice monumento.
piuttosto bisogna recuperare qualche foto per tenerne memoria almeno sul sito....
destroyer
Montanaro
 
Messaggi: 202
Iscritto il: sab lug 02, 2005 9:37 am

Messaggioda phante » mer mar 08, 2006 9:43 am

Secondo me fa molta più rabbia l'essere dimenticati, ed era quello che stava succedento prima che Paolini uscisse con il suo spettacolo, ricco di tanta retorica, ma che ha ricordato all'italia quello che era successo quel 9 ottobre.
Il Vajont è troppo grosso e sorattutto visibile perchè la sua memoria scompaia da un giorno a quell'altro ma basta guardare la storia del Gleno e di Molare, finite nel dimenticatoio anch'esse se non fosse per chi mantiene i siti.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5019
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Cisky79 » mer mar 08, 2006 11:23 am

in questo caso sono d'accordo col guardiano.
Non penso che gli abitanti della valle ne volessero ancora sapere di muri tubi scarichi.
E come sai in italia dopo una tragedia, è uso accontentare in qualsiasi modo, per calmare le acque e gli animi e per riguadagnare i voti, i disastrati.
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
 
Messaggi: 2330
Iscritto il: ven gen 27, 2006 8:14 pm
Località: Brianza

Messaggioda destroyer » mer mar 08, 2006 11:59 am

a tal proposito sull'ultimo libro di Corona (che parla totalmente di ubriacature), c'è un divertente aneddoto:
l'eroe e il suo fido amico, ubriachi, si stanno dirigendo con la vespa verso la galleria del suddetto muro, quando l'amico spolpo sbotta dicendo che vede 2 gallerie e non una, e domanda gentilmente quale delle due deve prendere all'eroe. L'eroe ribatte : prendine una!
Ovviamente imboccano quella inesistente e si fracassano sul muro.....
non si sa come, ma sopravvivono riportando solo botte e qualche costola rotta... uomini d'altri tempi!
destroyer
Montanaro
 
Messaggi: 202
Iscritto il: sab lug 02, 2005 9:37 am

Messaggioda Il guardiano della diga » mer mar 08, 2006 5:59 pm

destroyer ha scritto:a tal proposito sull'ultimo libro di Corona (che parla totalmente di ubriacature), c'è un divertente aneddoto:
l'eroe e il suo fido amico, ubriachi, si stanno dirigendo con la vespa verso la galleria del suddetto muro, quando l'amico spolpo sbotta dicendo che vede 2 gallerie e non una, e domanda gentilmente quale delle due deve prendere all'eroe. L'eroe ribatte : prendine una!
Ovviamente imboccano quella inesistente e si fracassano sul muro.....
non si sa come, ma sopravvivono riportando solo botte e qualche costola rotta... uomini d'altri tempi!


Ah...ah...è vero, mi ha fatto morire dal ridere!
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda Andr3A » mer mar 08, 2006 6:08 pm

potreste farmi un skizzo

nn è che ci capisca molto su sto muro... :oops:
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 441
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Messaggioda phante » mer mar 08, 2006 11:20 pm

Tenterò di spiegarmi a parole anche perchè fare un disegno di un muro non mi sembra gran cosa.
Scusa se magari sono un pò pedante ma così chirisco le cose
Immagini che tu sappia come è fatto quello che doveva essere il bacino del Vajont. Allora sulla estrema sinistra si trova la diga, sull'estrema destra si trova il passo di S.Osvaldo.
Il passo praticamente separa la valle del vajont da Cimolais, se non ci sei mai stato il passo è abbstanza stretto, saranno circa 20-30 metri in larghezza.
Dopo che è venuta giù la frana nel lago c'è stato un pò di confusione e i geni dell'amministrazione hanno deciso che bisognava mettere in sicurezza cimolais nel caso cadesse un'altra frana nel lago restante (dei geni!!) e per fare questo hanno deciso di chiudere il passo con un muro altro e spesso.
Io il muro l'ho visto quando ero piccolo quindi le misure non me le ricordo con precisione però se non sbaglio era fatto con dei gabbioni con della roccia all'interno ed in mezzo c'era una galleria in cui passava solo una macchina. Era largo quanto il passo e soprattutto sarà stato profondo una decina di metri.
Spero di ritrovare quache foto di questa opera così sarà più chiaro.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5019
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Andr3A » mer mar 08, 2006 11:35 pm

ok

adesso ho focalizzato

in quella zona nn ci sono mai stato ma mi basta avercapito il concetto

quindi il muro nn era in muratura ma formato da maglie di ferro con dentro grossi pezzi di pietra giusto??

dubito che se cadeva un altro pezzo di montagna sto muro avrebbe salvato cimolais :roll:
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 441
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Messaggioda phante » mer mar 08, 2006 11:38 pm

... almeno questo è quanto ricordo.
Forse il guardiano se lo ricorda meglio.
Infatti è detto muro della vergogna in quanto completante inutile e se non mi ricordo male anche costoso ...
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5019
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Messaggioda Il guardiano della diga » gio mar 09, 2006 1:27 pm

Io me ricordo meno gabbione e più muro ma purtroppo non ho ben chiaro il ricordo in quanto...vedevo solo la diga nella mia mente.
Comunque confermo quello che dice il Phante, un'unica galleria strettina.
Nei libri a casa ho qualche foto.
In rete non ho trovato nulla... :-(
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda phante » gio mar 09, 2006 1:32 pm

Che in rete non ci fosse nulla non avevo dubbi .... e mi sa anche che sarà difficile trovare qualche foto. :cry:
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5019
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

VIDEO!

Messaggioda paolino_dam83 » mer dic 06, 2006 4:44 pm

Informo i qui presenti dighisti che io ho un DVD in cui ho riversato un filmato che mio fratello realizzò dalla macchina nel 1992 con la videocamera analogica, in cui vi è la percorrenza di TUTTA la SS251 della Valcellina dal piccolo tunnel prima di Ponte Mezzocanale fino alla diga del Vajont, quindi UDITE UDITE

E' RIPRESO ANCHE L'ATTRAVERSAMENTO DEL PASSO DI S. OSVALDO che tanti qui andavano cercando :wink:

Adesso visto che mi sono appena iscritto datemi un pochino di tempo, anche perchè devo estrapolare lo spezzone da un video lungo 37 minuti (di sola percorrenza della SS251) ma comunque finalmente chi credeva che S. Osvaldo non fosse mai esistito si ricrederà :-D
Ultima modifica di paolino_dam83 il gio dic 07, 2006 3:54 pm, modificato 3 volte in totale.
paolino_dam83
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1993
Iscritto il: mer dic 06, 2006 5:33 am
Località: Venezia Mestre CARPENEDO

Re: VIDEO!

Messaggioda Il guardiano della diga » mer dic 06, 2006 5:25 pm

paolino_dam83 ha scritto:Informo i qui presenti dighisti che io ho un DVD in cui ho riversato un filmato che mio fratello realizzò dalla macchina nel 1992 con la videocamera analogica, in cui vi è la percorrenza di TUTTA la SS251 della Valcellina dal piccolo tunnel prima di Ponte Mezzocanale fino alla diga del Vajont, quindi UDITE UDITE

E' RIPRESO ANCHE L'ATTRAVERSAMENTO DEL PASSO DI S. OSVALDO che tanti qui andavano cercando :wink:

Adesso visto che mi sono appena iscritto datemi un pochino di tempo, anche perchè devo estrapolare lo spezzone da un video lungo 37 minuti ma comunque finalmente chi credeva che S. Osvaldo non fosse mai esistito si ricrederà :-D

Ora, visto che io ho uno spazio Web da 100 MB pronto all'uso dighistico, mi basta sapere in che formato volete che comprima il videoclip?
Potete scegliere tra DivX 5, H.264, XviD, MPEG-1, MPEG-2


Che spettacolo!!! Wow :-D
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10232
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Prossimo

Torna a Vajont

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron