Vajont al microscopio: diga e dintorni

Un forum specifico, al di là della suddivisione regionale, dedicato esclusivamente alle discussioni, ai reportage e alle informazioni sulla diga, storia e tutto quello che riguarda direttamente il Vajont.

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda Elettronico » dom dic 18, 2016 3:19 pm

grandi ragazzi!
come dice Sergio, ma quante altre opere ci sono da scoprire/visitare ancora lì attorno?
Avatar utente
Elettronico
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 698
Iscritto il: mar set 19, 2006 11:20 pm

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » dom dic 18, 2016 4:48 pm

Hai ragione caro Elettronico!
La risposta è: 'fin che vuoi!!'
Qui di seguito, alcune immagini:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Ma poi, il pomeriggio, eravamo in ricognizione sul versante dx., sopra alla centrale di Gardona.
E lì, l'appassionato dighista trova senz'altro: 'pane per i suoi denti' :wink: :roll:
Continua di sicuro :wink:
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sergio » dom dic 18, 2016 8:50 pm

Pazzesco! Quel pozzo è alto 150 metri!

1) Chissà quale tecnica costruttiva usavano
2) Il muro di chiusura è curvo, perché non dritto?
3) Una grata di sicurezza potevano anche metterla!
4) Chissà anche se di li esce mai acqua (dubito) o mediamente a quale livello arriva.
sergio
Geometra
 
Messaggi: 898
Iscritto il: lun ott 02, 2006 12:30 am

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda cestò » dom dic 18, 2016 10:16 pm

sergio ha scritto:Pazzesco! Quel pozzo è alto 150 metri!
...
2) Il muro di chiusura è curvo, perché non dritto?.


Può essere perché così ha maggior resistenza? Tipo uno sbarramento insomma :-?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6254
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sergio » dom dic 18, 2016 11:27 pm

Immagine

Ho illuminato un pochettino, come si vede il pozzo vero e proprio è più giù ed è di diametro minore, quindi probabilmente sotto il piano calpestabile esterno e i muri laterali, si potrebbe nascondere quella che nello schema è chiamata camera di espansione. Non molto più larga del pozzo ma qualcosa c'è. 8-)
sergio
Geometra
 
Messaggi: 898
Iscritto il: lun ott 02, 2006 12:30 am

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » lun dic 19, 2016 10:20 pm

Ottima osservazione!
Un buon motivo per ritornare lassù.
Ma questa volta per l'accesso, sfrutterò la traccia del sentiero di servizio all'opera (percorso in discesa sabato scorso).
Versanti incredibili comunque. Se non metti piede su quei territori, non hai neanche un'idea riguardo alla loro complessità. Vero dave?

Fai conto che: l'immagine ottimamente elaborata da sergio, è stata relizzata infilando la fotocamera (per un buon 1/2 metro) nel pertugio visibile nella seguente sulla dx (foto 'dave').

Immagine
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda paolog » lun dic 19, 2016 11:35 pm

Vi leggo con molto interesse.......
Avatar utente
paolog
Dott. Ing.
 
Messaggi: 2810
Iscritto il: dom mag 13, 2007 8:50 am
Località: udine

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda Elettronico » mar dic 20, 2016 1:04 am

...dillo a me....
invidia pura per chi è riuscito ad andare in quei posti.
... e gratitudine per la condivisione di foto e notizie
Avatar utente
Elettronico
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 698
Iscritto il: mar set 19, 2006 11:20 pm

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » mar dic 20, 2016 4:47 pm

Grazie mille ragass!! :-D :-D

Relativamente allo sbocco in superficie del piezometrico.
La seguente propone la direzione in cui è orientato il convogliatore per le eventuali portate di scarico.
In basso, sul fondo della valle del Piave si intrvvede l'abitato di Termine di Cadore. In primo piano, notevoli esempi di Carpino nero, cresciuti sul magro:

Immagine

Individuata l'esile traccia di attacco del troi di servizio utillizzato per la realizzazione dell'opera, scendiamo comodamente il primo tratto del costone boscato.
Dopo circa una cinquantina di metri di dislivello però, abbandoniamo il sent. e su terreno libero guadagnamo il ciglio nord del costone affacciato su di un aggettante vallone.
Proseguiamo a buon senso sulla verticale del pendio fino ad intercettare un sentierino che si inoltra nel vallone.
E' questo il tracciato che permette di raggiungere la q.ta corrispondente alla diretta Pieve --> Val Gallina e nello specifico: la finestra 8 Peluch (fonte by dave per le seguenti #2 immagini):

Immagine
Immagine

A questo punto, ritorniamo sul costone e ci spostiamo al suo limite sud. Ci troviamo in una zona costellata da opere belliche germaniche risalenti all'ultima guerra.
La pendenza del versante aumenta in modo notevole e devi avere ben chiaro il punto da dove riparte il troi di servizio. Altrimenti: non ne vieni fuori!
Improvvisamente te lo trovi lì davanti. Ed è un sollievo :-D

Immagine

L'ardito percorso, poco dopo ci deposita in prossimità della finestra 5
Un grazie di cuore al grande amico Silvio che mi ha permesso di coscerere questi affascinanti territori!!
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda dave » mar dic 20, 2016 7:01 pm

Ottimo reportage Sander!! Ricordo anch'io con molto piacere l'escursione fatta grazie al nostro amico comune. Hai per caso tracciato il percorso col gps?

Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk
Avatar utente
dave
Perito
 
Messaggi: 382
Iscritto il: mer set 15, 2010 2:37 pm
Località: borgotaro

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » mar dic 20, 2016 7:24 pm

sergio ha scritto:Immagine

Ho illuminato un pochettino, come si vede il pozzo vero e proprio è più giù ed è di diametro minore, quindi probabilmente sotto il piano calpestabile esterno e i muri laterali, si potrebbe nascondere quella che nello schema è chiamata camera di espansione. Non molto più larga del pozzo ma qualcosa c'è. 8-)

Hai sicuramente ragione tu!
Lo schema afferma che: lo sbocco dell'opera si trova a q.ta 740,00 ma, il valore è riferito allo sviluppo della tubazione pura. Senza considerare la q.ta d'ingombro verticale relativo alla camera di espansione!
Ecco il motivo per il quale, il mio dispositivo gps, mi restituisce un dato altimetrico, valutato sul piano di campagna corrispondente alla struttura di sbocco in cls visibile = a: 748 - 750 metri.
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda cestò » mar dic 20, 2016 7:34 pm

In pratica una camera di espansione "integrata" nel piezometrico...
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6254
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » mar dic 20, 2016 9:09 pm

Probabilmente si ma: ancora tutto da verificare azz...!
Nella seguente: La foto aerea + coordinate
Immagine
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sergio » mer dic 21, 2016 12:12 am

Tutte queste belle foto mi fanno immaginare le nostre Alpi dal '50 al '60.
Un cantiere unico di gallerie, dighe, scavi, sentieri, strade, ponti, operai un po' ovunque che hanno costruito opere nei posti più impensabili, gole irraggiungibili, costoni di montagne, dentro le montagne...

Ci sono gli esempi immensi del Vajont e del Piave ma mi basta pensare al cunicolo orizzontale di drenaggio di Speccheri che si trova 5 metri sotto lo stretto pozzo di fondazione che è profondo altri 40...

Per dire: Immagine

Tornando al Piave, certo che la finestra 8 è proprio comoda sulla strada eh :shock:
sergio
Geometra
 
Messaggi: 898
Iscritto il: lun ott 02, 2006 12:30 am

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » sab dic 24, 2016 7:28 pm

Situazione attuale - originale, alla Gardona (base schema: assolutamente in scala)
Dettagli, in seguito...
Immagine
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda Renzo » gio gen 26, 2017 2:50 am

Grazie sander, notevole.
Anch'io sono stupito che quei fori non siano protetti, qualche incosciente ci può finire dentro, o qualche suicida .
Riguardo lo scavo dei pozzi cui accennava sergio, penso siano stati fatti da sotto, molto più agevole portar via i detriti, un lavoro pazzesco comunque, a me vengono i brividi!
Avatar utente
Renzo
Contadino
 
Messaggi: 73
Iscritto il: lun lug 23, 2012 6:02 pm
Località: Padova

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » sab apr 29, 2017 10:09 pm

sergio ha scritto: Ho illuminato un pochettino, come si vede il pozzo vero e proprio è più giù ed è di diametro minore, quindi probabilmente sotto il piano calpestabile esterno e i muri laterali, si potrebbe nascondere quella che nello schema è chiamata camera di espansione. Non molto più larga del pozzo ma qualcosa c'è. 8-)

Recuperati lo schema e la pos. planimetrica relativi al 3° pozzo piezometrico in sx.
Schema:
Immagine
A breve, segue planimetria.
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sander » sab apr 29, 2017 10:54 pm

Come promesso:

Immagine
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda cestò » dom apr 30, 2017 9:24 pm

Davvero interessanti questi schemi. Ma quella..."camera di compenso" potrebbe essere simile a quella del Vajont? Dallo schema però non mi pare... :-?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6254
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Vajont al microscopio: diga e dintorni

Messaggioda sergio » mar mag 02, 2017 3:44 am

No vabbè.. la camera non è piccola e sotto il piano di capestio, invece è parecchio lunga, sullo stesso piano ma in direzione diversa rispetto alla struttura esterna. Geniale.
Ogni volta una sorpresa.
sergio
Geometra
 
Messaggi: 898
Iscritto il: lun ott 02, 2006 12:30 am

PrecedenteProssimo

Torna a Vajont

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite