Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Un forum specifico, al di là della suddivisione regionale, dedicato esclusivamente alle discussioni, ai reportage e alle informazioni sulla diga, storia e tutto quello che riguarda direttamente il Vajont.

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda sander » mar set 17, 2013 8:54 pm

Renzo ha scritto:Scusa la mia ignoranza sander, che macchina è che registra tutti questi dati GPS?
Grazie

Il guardiano della diga ha ragione. Nessuna fotocamera particolare. La foto è eseguita con un iPhone, con installata l'app: Theodolite (solo per sistemi Apple; no Android no Windows Phone)
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda sander » mar set 17, 2013 9:01 pm

Il guardiano della diga ha scritto:Ho cercato di individuare il punto dal quale è stata scattata la vecchia foto; più o meno dovrebbe essere questo:

Ho girato la domanda ai cari amici di Castellavazzo. Riporto qui di seguito la risposta:
"Silvio conferma,secondo lui è prima della costruzione...è il cantiere da dove partiva la teleferica che portava gli inerti su alla diga...io dicevo la stessa cosa. Ciao."
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Il guardiano della diga » mar set 17, 2013 9:15 pm

Devi aiutarmi a capire la risposta sander; dunque, "è prima della costruzione" cosa?

Indubbiamente è il cantiere di cava, ma perchè quella prima teleferica orientata verso nord, che pare caricare quella tramoggia in legno?
Sugli schemi SADE e sulle altre foto del cantiere di cava, si vede solo la teleferica che porta gli inerti su al cantiere della diga. Nessun altro impianto ad essa ortogonale.

E inoltre, che fine ha fatto villa Malcom? Si dovrebbe vedere... :roll:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10221
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda sander » mar set 17, 2013 9:18 pm

Solo una curiosità a proposito del camion che si vede nella foto. Dovrebbe trattarsi di un Alfa Romeo 900 (1947-1954)
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda sander » mar set 17, 2013 9:26 pm

Il guardiano della diga ha scritto:Devi aiutarmi a capire la risposta sander; dunque, "è prima della costruzione" cosa?

della diga, naturalmente (antecedente '57)

Il guardiano della diga ha scritto:E inoltre, che fine ha fatto villa Malcom? Si dovrebbe vedere... :roll:

Ho qualche dubbio che da quella posizione si riesca a vedere villa Malcom. E' parecchio più a monte
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda cestò » mer set 18, 2013 9:04 am

Il guardiano della diga ha scritto:Ho cercato di individuare il punto dal quale è stata scattata la vecchia foto; più o meno dovrebbe essere questo:
Immagine

E allora ci siamo, cava del cantiere Vajont. Rimane il mistero di villa Malcom... :roll:


Villa Malcom doveva trovarsi in prossimità del ponte omonimo, che poi mi sembra che l'originale sia stato realizzato proprio da questa nobile famiglia:

http://www.flashearth.com/?lat=46.28099 ... =0&src=msl

C'è anche una foto che ritrae il giardino di villa Malcom, poi la carico...

Sulla foto col camion...boh...ho qualche perplessità...sia per quanto riguarda il fatto che si trattasse dell'inizio della teleferica del cantiere diga che per quanto riguarda la posizione...infatti penso che il punto attuale si trovi più a valle di quello in foto... :-?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6254
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda cestò » mer set 18, 2013 9:12 am

Giardini di Villa Malcom:
Immagine
(Dalla conformazione dei monti sulla sfondo e da quegli edifici in alto si potrebbe risalire alla sua posizione)

Notare la bellezza di questi luoghi prima della tragedia che ha spazzato via incredibili gioielli d'architettura!
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6254
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Il guardiano della diga » mer set 18, 2013 9:59 am

Villa Malcom aveva una proprietà estesa, la tenuta con i grandi) giardini andava indicativamente dall'attuale stadio (dove giunge ancora un tratto della strada che da Longarone scendeva alla villa sino indicativamente all'attuale ponte Malcom. Ecco perchè secondo me si dovrebbe vedere qualcosa.

Quoto la tua affermazione Marco sulla bellezza di quei luoghi.
E sono pure d'accordo che la teleferica della foto del camion non è la stessa che saliva al cantiere diga, ma forse si trattava di una linea molto semplice per caricare quella quella tramoggia.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10221
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Il guardiano della diga » mer set 18, 2013 1:02 pm

Aggiungo che, quello che manca dalla foto dei camion, non è tanto di per se la villa vera e propria, ma tutto il complesso della segheria Malcom che stava sulla sponda DX del Piave poco più a valle della villa stessa.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10221
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda sander » gio set 19, 2013 7:26 pm

Il guardiano della diga ha scritto:Ho cercato di individuare il punto dal quale è stata scattata la vecchia foto; più o meno dovrebbe essere questo:

Immagine

E allora ci siamo, cava del cantiere Vajont. Rimane il mistero di villa Malcom... :roll:

Uhm... Ho guardato e riguardato la foto storica. Secondo me il sito si trova più a valle; diciamo indicativamente : tra Dogna e Provagna. Sono molto curioso di effettuare una ricognizione sul posto.
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1717
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Il guardiano della diga » ven set 20, 2013 7:45 am

Il vecchio sistema, cioè quello con la lente, è sempre il migliore, altro che zoom digitale!...
Forse in basso sotto Roggia, ho beccato un paio di edifici di villa Malcom.
Se questo corrispondesse a realtà, manca un altro dettaglio importante: il ponte di Vajont, quello che collegava Longarone al cartonificio Protti! :roll: :roll: :roll:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10221
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)


Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Il guardiano della diga » lun lug 14, 2014 8:11 am

Certo che vederla asfaltata è strano eh... :roll:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10221
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda AlexMcDam » lun lug 14, 2014 4:09 pm

Chissà se un giorno vedremo anche il ponte.. :roll:
AlexMcDam
Comunista
 
Messaggi: 27
Iscritto il: mer mar 14, 2012 12:54 pm
Località: Brianza

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Camillo » lun lug 14, 2014 6:11 pm

Il guardiano della diga ha scritto:Certo che vederla asfaltata è strano eh... :roll:


Diciamo pure "che schifo"!

Secondo me certi luoghi, a meno che non siano infrastrutture necessarie alla vita quotidiana, andrebbero mantenuti come sono, senza interventi ... Riasfaltare quella strada, e magari stravolgerne anche le volte delle gallerie come al Terentoncon la scusa della "messa in sicurezza" è come mettere i vetri alle arcate del Colosseo...

E' vero che viviamo in un Paese che ha messo le mutande anche ai nudi del "Giudizio Universale", tanto per dire quanto teniamo alla nostra storia....
Avatar utente
Camillo
Muratore
 
Messaggi: 133
Iscritto il: sab ott 19, 2013 10:14 pm

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda dave » lun ago 04, 2014 2:05 am

A me sinceramente l'idea di mettere quel percorso in sicurezza non dispiace affatto. Una volta sicuro quel sentiero, che a mio avviso è molto suggestivo, potrebbe essere utilizzato anche tutto il resto dell'anno e non solo in occasione dei percorsi della mamoria (a cui comunque gioverebbe la messa in sicurezza, vista l'enorme mole di persone che transita su quel sentiero in occasione della manifestazione). Mi rendo conto che, magari, i fondi destinati a quest'opera potrebbero essere distribuiti a servizi essenziali per la collettività, ma credo che con tutti gli sperperi che vi sono in Italia questo sia quello minore. Penso comunque che la realizzazione del percorso ed eventualmente la costruzione del ponte in progetto possa contribuire ad aumentare l'afflusso turistico (e conseguente afflusso di denaro), come, tra l'altro, ha contribuito l'apertura del coronamento con visite guidate. Anche dal punto di vista della salvaguardia e diffusione della memoria credo non sia un opera inutile.
Avatar utente
dave
Perito
 
Messaggi: 382
Iscritto il: mer set 15, 2010 2:37 pm
Località: borgotaro

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Camillo » lun ago 04, 2014 8:47 am

dave ha scritto:A me sinceramente l'idea di mettere quel percorso in sicurezza non dispiace affatto. Una volta sicuro quel sentiero, che a mio avviso è molto suggestivo, potrebbe essere utilizzato anche tutto il resto dell'anno e non solo in occasione dei percorsi della mamoria


Premesso che il sentiero è in gran parte di proprietà dell'ENEL ed attualmente utilizza strutture tecnologiche sue (ponte tubo), e quindi dubito fortemente che verrà mai aperto al pubblico, posso essere d'accordo se mi spieghi meglio cosa intendi per "messa in sicurezza".

Come dici tu è un "sentiero", non una strada carrozzabile nè il viale dei giardinetti pubblici.

Non mi risulta che i "sentieri di montagna" come l'Orsi o la via degli Alpini siano asfaltati o abbiano parapetto antisuicidio, pur essendo larghi a malapena 1/5 della strada di Dogna.

Non vedo quindi la necessità di trasformare la vecchia strada in una tangenziale, magari con le rampe per disabili prima di dichiararla "agibile".

Se proprio vogliamo, mettiamoci un cavo di sicurezza a parete cui chi vuole possa attaccare un moschettone o un parapetto minimale (anche se cadere "accidentalmente" da una strada larga 5m la vedo dura) e un cartello che ricordi l'opportunità di indossare il caschetto per la caduta di sassi (anche se IMHO dovrebbe rientrare nella comune logica che se sto sotto una parete a picco qualcosa in testa mi può arrivare...). Punto.

Un intervento invasivo come quello del Terenton sarebbe inaccettabile sia dal punto di vista storico che paesaggistico.

Io temo invece che questi "lavori" facciano parte di una campagna di "normalizzazione" portata avanti dall'ENEL per rimuovere pian piano tutto quel che visivamente può richiamare la tragedia, senza una vera volontà di renderli nuovamente fruibili.
Da questo punto di vista, "normalizzata" l'angosciante galleria del Terenton, rimasta sospesa tra due voragini, e non potendo far sparire la diga, la vecchia strada, "congelata" da 50 anni, è ormai l'elemento di maggior impatto.
Ultima modifica di Camillo il lun ago 04, 2014 8:58 am, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Camillo
Muratore
 
Messaggi: 133
Iscritto il: sab ott 19, 2013 10:14 pm

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Camillo » lun ago 04, 2014 8:54 am

AlexMcDam ha scritto:Chissà se un giorno vedremo anche il ponte.. :roll:


potrebbe succedere solo nel caso in cui le pressioni "politico/popolari" per renderla accessibile diventassero troppo forti... allora pur di non avere gente sul ponte tubo l'ENEL potrebbe darsi una smossa e permettere la realizzazione della passerella, arretrando i cancelli.

In ogni caso se dovesse succedere state tranquilli che dietro ci sarebbe una contropartita importante, ovvero l'ottenimento di qualche permesso o concessione impiantistica troppo allettanti per essere lasciare cadere. Certa gente non fa niente per niente... :mrgreen:
Avatar utente
Camillo
Muratore
 
Messaggi: 133
Iscritto il: sab ott 19, 2013 10:14 pm

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda dave » lun ago 04, 2014 2:22 pm

non so sinceremente cosa può esserci dietro alla realizzazione dell'asfalto sul sentiero o di un nuovo ponte sul torrente, per quel che ne so io, essendo di proprietà dell'enel, puo darsi che abbia deciso di asfaltare per propri scopi personali, ed in quel caso piaccia o non piaccia su quel sentiero può fare cio che vuole. Io mi riferivo all'articolo apparso sul coriere delle alpi recentemente, dove era scritto della possibilità di aprire parte del sentiero al pubblico con la possibilita di ricostruire il vecchio ponte sul vajont. Ribadisco che a me l'idea sinceramente non dispiace, poi si può essere d'accordo o meno, ma questa è mia opinione personale. A qualcuno può dar fastidio e può aver tutte le sue buone ragioni, io ho espresso solo il mio parere. Che voglia essere un "processo di normalizzazione" da parte dell'enel "per rimuovere pian piano tutto quel che visivamente può richiamare la tragedia" sinceramente non lo condivido o forse non lo capisco, dopo 50 anni se proprio si vorrebe normalizzare e rimuovere tutto ciò che riguarda la tragedia non ci si mette in moto con lavori che possono richiamare vecchie e nuove polemiche si lascerebbe tutto come è, e si cercherebbe di parlarne il meno possibile.
Avatar utente
dave
Perito
 
Messaggi: 382
Iscritto il: mer set 15, 2010 2:37 pm
Località: borgotaro

Re: Vajont: Cantieri e lavori nella valle

Messaggioda Camillo » lun ago 04, 2014 4:33 pm

dave ha scritto:Io mi riferivo all'articolo apparso sul coriere delle alpi recentemente, dove era scritto della possibilità di aprire parte del sentiero al pubblico con la possibilita di ricostruire il vecchio ponte sul vajont. Ribadisco che a me l'idea sinceramente non dispiace, poi si può essere d'accordo o meno, ma questa è mia opinione personale.
A qualcuno può dar fastidio e può aver tutte le sue buone ragioni, io ho espresso solo il mio parere.


Ci mancherebbe che mi desse fastidio il fatto che tu abbia un'opinione diversa dalla mia... mica sono Renzi, io! :lol:

Anche a me piace l'idea che riaprano la vecchia strada ... ma mi piacerebbe di più continuare a vedere e toccare quei luoghi così come sono ora, non "bonificati" e stravolti secondo le esigenze del "turismo per tutti".

Ci sono vari modi per "restaurare" qualcosa, e il peggiore IMHO è quello che cerca di adeguare il
vecchio al gusto e alle usanze moderne anche quando non ce n'è bisogno, cancellando le tracce di quel che è stato.
Prova a pensare al Colosseo ricostruito, intonacato di bianco, coi vetri alle finestre e gli ascensori...

Secondo te se ricostruissero ex novo il coronamento della diga, facendo sparire la "voliera", i tondini contorti a vista e il lato sinistro eroso e mangiucchiato dall'acqua, sarebbe un bene o un male?

IMHO un male, perchè cancellerebbe l'impatto visivo di un fatto che, a quel punto, diventerebbe solo narrazione verbale.

Probabile che sia io ad essere troppo sentimentale e nostalgico, ma quando rifaccio il giro per il Terenton, nelle volte delle gallerie allargate e rifatte in cemento squadrato non riesco a ritrovare neppure lontanamente le sensazioni che ho provato quando sono entrato la prima volta in quella galleria abbandonata dal fondo dissestato e infangato, camminando su un mozzicone di strada largo 30 cm.

Poi può anche essere che la "messa in sicurezza" mantenga il basso profilo, senza cementificare i vecchi portali e senza aggiungere quell'orrendo corrimano finto legno che hanno messo sulla ex ss251, degno di un lungolago progettato da qualche architetto di grido, nel qual caso sono prontissimo a fare ammenda e a riconoscere che sbagliavo.


Che voglia essere un "processo di normalizzazione" da parte dell'enel "per rimuovere pian piano tutto quel che visivamente può richiamare la tragedia" sinceramente non lo condivido.


Qui entriamo in un altro campo, molto più "politico". Io la vedo diversamente, ma anche qui sono opinioni...

Per spiegare i motivi del mio punto di vista ci vorrebbero tre pagine... :mrgreen:
Avatar utente
Camillo
Muratore
 
Messaggi: 133
Iscritto il: sab ott 19, 2013 10:14 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Vajont

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron