Informazioni DIGA di San Cipriano->Cavriglia->Arezzo

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali della Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise
Avatar utente
Studente.Uni
Contadino
Messaggi: 91
Iscritto il: 26 nov 2008, 21:12
Località: Emilia Romagna

Informazioni DIGA di San Cipriano->Cavriglia->Arezzo

Messaggio da Studente.Uni »

Salve a tutti,

Vorrei chiedere a voi alcune cose, io devo reperire delle informazioni inerenti alla diga di San cipiano che è una frazione del comune di Cavriglia in provincia di Arezzo.
A livello di informazioni tecniche sono abbastanza preparato ciò che mi manca e che purtroppo internet non mi può essere di aiuto sono quelle iconografiche ho trovato pochissime immagini 2 foto e da lontanto,...
voelvo sapere se potete indicarmicome fare per contattare la diga, di modo che possa cercare di mettermi in contatto con qualcuno che è in loco e che magari è anche cosi gentile da mandarmi qualche foto "storia" di quando è stata costruita questa diga.
Non so ho pensato di contattare l'enel ma poi non saprei esattamente cosa chiedere...ho anche pensato di contatare il comune di San Cipriano ma hai me non ha un sito,....datemi qualche dritta grazie a tutti!


Lo devo fare per una ricerca a livello universitario.
pax8
Perito
Messaggi: 369
Iscritto il: 22 feb 2007, 14:55
Località: Verona

Messaggio da pax8 »

Ciao Studente, giusto per individuare correttamente la diga che ti interessa, potresti postare un link a google maps, o simili? In vicinanza ho trovato il Bacino di Santa Barbara, ma non capisco se e' quello corretto.
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
Messaggi: 5049
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29
Località: Treviso (TV)
Contatta:

Messaggio da phante »

Simpatico oggettino:

http://maps.google.it/maps?q=Cavriglia& ... 7&t=h&z=16

San Cipriano
Anno fine costruzione 1958
Italia/Toscana/Arezzo
Invaso limitato
Corso d'acqua: S Cipriano
Uso: Industriale
Tipologia: Terra e/o pietrame con nucleo inclinato

Altezza [m] 16.5
Lunghezza coronamento [m] 374
Volume della diga [m^3] 179
Capacità di invaso [x10^6 m^3] 3.34
Quota massima regolazione [mslm] 153
Quota autorizzata [mslm] 152.3
Volume Autorizzato [x10^6 m^3] 2.67
Concessionario Enel Produzione S.P.A.
RID Firenze

Se hai bisogno di foto storiche secondo me la cosa migliore è contattare l'enel, magari puntando direttamente all'archivio storico di Firenze.
Ho provato a vedere se su EnelIkon c'era qualcosa ma non ho trovato nulla, nemmeno un numero per contattarlli direttamente.

Altro punto che potresti sondare è l'eventuale studio di progettazione o l'impresa che ha effettuato i lavori, non so se hai le info che ti servono però scoprirli ci vorrebbe uno sguardo dentro un qualche volume Anidel.

Dubito fortemente che il comune abbia delle info in più.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
Messaggi: 2331
Iscritto il: 27 gen 2006, 19:14
Località: Brianza
Contatta:

Messaggio da Cisky79 »

Per reperire delle fotografie prova a vedere su Google Earth....e chiedi se ci sono delle foto il permesso di utilizzarle ai proprietari inviando loro un messaggio.
Oppure se non riesci a trovare una mazza prova a contattare qualche Club fotografico della zona vicino alla diga chiedendo loro se hanno delle fotografie dello sbarramento, o se potevano fartene 3/4
A mio parere non si tireranno indietro.
Per i dati....penso che lo strumento migliore sia la sacra bibbia Anidel.
Forse qualche volume è ancora contenuto in qualche biblioteca di ateneo.
Pensa che a Milano Politecnico, c'è ancora il primo libro di inchiesta sulla catastrofe di Molare datato 35!! 8-)
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
Studente.Uni
Contadino
Messaggi: 91
Iscritto il: 26 nov 2008, 21:12
Località: Emilia Romagna

Messaggio da Studente.Uni »

phante ha scritto:Simpatico oggettino:

http://maps.google.it/maps?q=Cavriglia& ... 7&t=h&z=16

San Cipriano
Anno fine costruzione 1958
Italia/Toscana/Arezzo
Invaso limitato
Corso d'acqua: S Cipriano
Uso: Industriale
Tipologia: Terra e/o pietrame con nucleo inclinato

Altezza [m] 16.5
Lunghezza coronamento [m] 374
Volume della diga [m^3] 179
Capacità di invaso [x10^6 m^3] 3.34
Quota massima regolazione [mslm] 153
Quota autorizzata [mslm] 152.3
Volume Autorizzato [x10^6 m^3] 2.67
Concessionario Enel Produzione S.P.A.
RID Firenze

Se hai bisogno di foto storiche secondo me la cosa migliore è contattare l'enel, magari puntando direttamente all'archivio storico di Firenze.
Ho provato a vedere se su EnelIkon c'era qualcosa ma non ho trovato nulla, nemmeno un numero per contattarlli direttamente.

Altro punto che potresti sondare è l'eventuale studio di progettazione o l'impresa che ha effettuato i lavori, non so se hai le info che ti servono però scoprirli ci vorrebbe uno sguardo dentro un qualche volume Anidel.

Dubito fortemente che il comune abbia delle info in più.
pax8, phante ha linkato gentilmente prima di me,...
Phante grazie delle info, ma il fatto è che non so chi contattare,..dove lo potrei trovare il numero di tel. dell'amministrazione elen piu vicina a San cipriano, frazione del comune di Cavriglia?...

Solo una cosa :oops: ma Anidel cosa è :?:
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
Messaggi: 2331
Iscritto il: 27 gen 2006, 19:14
Località: Brianza
Contatta:

Messaggio da Cisky79 »

COSA E' ANIDEL?????? :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock:

SACRILEGIO!!!!! ABOMINIO!!!!!!

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

I volumi Anidel...sono dei simpaticissimi volumi...INTROVABILI se non in pochissime e riservatissime e custoditissime copie...in cui sono segnati
VITA
MORTE
MIRACOLI
degli impianti idroelettrici di tutta Italia.

Fai un giro sul sito e scoprirai cosa si trova sui volumi dell'Anidel. ( da pronunciare a bassa voce...!!! Qualcuno potrebbe spaventarsi di tali volumi! )
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
Messaggi: 5049
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29
Località: Treviso (TV)
Contatta:

Messaggio da phante »

Brutte e belle notizie: l'enel ha unificato l'archivio storico ... a Napoli!
Il 4 settembre 2008 è stato inaugurato a Napoli , alla presenza del ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola e del presidente di Enel Piero Gnudi, l’ Archivio Storico di Enel, che raccoglie la documentazione di 1.270 società elettriche confluite in Enel a seguito della nazionalizzazione del dicembre 1962, la documentazione di Enel come ente pubblico e quella dell’ azienda dopo la privatizzazione.

Attraverso questi documenti è possibile tracciare la storia dell’ industria elettrica italiana e quella di Enel dai primi passi alla fine dell’ Ottocento, passando per l’ impegno nell’elettrificazione completa del Paese negli anni ’60, dopo la nazionalizzazione, fino alle nuove sfide nell’ era della concorrenza e della globalizzazione dei mercati.

L’ Archivio Storico di Enel custodisce oltre 13.000 metri lineari di documentazione, circa 100 mila fotografie, centinaia di filmati storici e reperti, migliaia di disegni tecnici, libri e riviste specializzate che, fino a oggi, erano conservati presso otto sedi territoriali: Torino, Milano, Venezia, Firenze, Roma, Napoli, Palermo e Cagliari.
L’ inventario dei fondi archivistici è consultabile su www.enelikon.it , unitamente agli archivi fotografici e filmati di Enel.

Da oggi quindi l’ Archivio Storico avrà una sede unica: a Napoli in via Ponte dei Granili, 24. Un punto di riferimento indispensabile per la cultura industriale italiana che vuol essere anche un luogo di incontro e di collegamento tra l’ Azienda e il mondo esterno, offrendo le migliori condizioni di accessibilità e per la consultazione da parte dei ricercatori.

Tra i documenti appartenenti alle società elettriche prima della nazionalizzazione, figurano quelli della SIP in Piemonte, della Edison e della Società Bresciana in Lombardia, della SADE in Veneto, della Selt Valdarno e del fondo De Larderel in Toscana, della SER nel Lazio, della SME in Campania, Puglia e Calabria, della SGES in Sicilia, e della SES in Sardegna.

Il progetto “Archivio Storico Enel” è stato presentato e approvato nel 2006 dalla Direzione Generale per gli Archivi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed è stato realizzato in circa due anni di intenso lavoro. La catalogazione di gran parte della documentazione storica di Enel prima del 1963 è stata realizzata sotto il coordinamento scientifico del professor Valerio Castronovo, Presidente del Centro Studi per la Documentazione Storica ed Economica dell’Impresa.

L’ istituzione dell’ Archivio Storico di Enel rientra nell’ ambito delle iniziative Enel nel campo della Responsabilità Sociale d’ Impresa. Ha, infatti, l’ obiettivo di tutelare, valorizzare e mettere a disposizione degli studiosi il proprio patrimonio culturale, nell’ ottica di favorire lo sviluppo sociale ed economico sostenibile e come impegno verso le future generazioni.
Purtroppo c'è l'indirizzo ma non il numero di telefono ... però immagino che con una ricerchina sulla Pagine Bianche magari lo trovi :-)
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
Messaggi: 5049
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29
Località: Treviso (TV)
Contatta:

Messaggio da phante »

Comuqnue l'inventario dovrebbe stare su www.enelikon.it ma ho visto poche cose ... li c'è una casella contatti dalla quale puoi inviare un messaggio e sperare che ti rispondano ...

Altrimenti come tentativo estremo tenta con il RID :
http://www.registroitalianodighe.it/ima ... renze.html
http://www.registroitalianodighe.it/contatti.html
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
Studente.Uni
Contadino
Messaggi: 91
Iscritto il: 26 nov 2008, 21:12
Località: Emilia Romagna

Messaggio da Studente.Uni »

Ragazzi forse una svolta :lol:

Allora, La finalità di questa diga è quella di serbatoio ad accumulazione stagionale per gli usi della centrale Termo Elettrica di Santa Barbara(comune di Cavriglia).
Forse potrei contattare loro sempre se riuscirò a trovare un numero!!!

Ho tentato anche la ricerca su pagine bianche ma nada!! il numero enel piu vicino che mi da al comune di Cavriglia, è SAN GIOVANNI VALDARNO (AR) (distanza: 10 km.da Comune di Cavriglia), tentare non costa niente proverò a telefonare li chiedendo se hanno il numero della Centrale Termo Elettrica di Santa barbara...
pax8
Perito
Messaggi: 369
Iscritto il: 22 feb 2007, 14:55
Località: Verona

Messaggio da pax8 »

La storia della centrale termoelettrica di Santa Barbara e' molto interessante. Veniva alimentata a lignite dalla vicina cava. Ora e' stata riconvertita a gas. Per caso hai ulteriori informazioni storiche su questo impianto?
sergio
Geometra
Messaggi: 909
Iscritto il: 02 ott 2006, 00:30

Messaggio da sergio »

Ciao Studente.uni,

solo una curiosità: dove sei iscritto? Ovvero qual'è l'università che si interessa di una diga così poco conosciuta?
ad
Muratore
Messaggi: 147
Iscritto il: 06 nov 2008, 09:00
Località: Iseo (Brescia)

Messaggio da ad »

@phante: l'archivio di Napoli dell'ENEL, a mio avviso, funziona molto bene.Avevo mandato, tramite il loro sito, una mail per richiesta di immagini, informazioni e quanto altro per il mio edificio.Dopo 3-4 giorni, mi venne inviata una e-mail da uno dei curatori dell'archivio dimostrandosi molto gentile e disponibile ad aiutarmi se gli avessi dato maggiori specifiche.Nella sua mail mi lasciò indirizzo e num. di telefono.
Lunedì scorso gli risposi inviandogli tutti i dati necessari per rintracciare l'edificio.Adesso, visto che mi ha contattato, penso che non mi resti altro che aspettare alcuni giorni per avere tutte le informazioni.Avendo un archivio sterminato, penso che ci impieghino qualche giorno a trovare la documentazione.
Paoletto
Montanaro
Messaggi: 333
Iscritto il: 12 mar 2006, 17:24
Località: Milano

Messaggio da Paoletto »

Sull'Anidel non c'è. La trovi su:
"Enel - Le dighe di ritenuta degli impianti idroelettrici italiani" volume 4
Su questi volumi c'è davvero molto, e a volte sono anche più dettagliati dell'anidel. Purtroppo ho solo i primi tre volumi della collana, altrimenti ti avrei fatto qualche scansione. Puoi provare nella biblioteca dell'università.

Qualche foto, nel caso non le avessi già trovate:
http://www.comune.firenze.it/soggetti/d ... o/0730.htm
Avatar utente
Studente.Uni
Contadino
Messaggi: 91
Iscritto il: 26 nov 2008, 21:12
Località: Emilia Romagna

Messaggio da Studente.Uni »

Voglio ringraziarvi tutti anche "Paoletto" e"ad", Paoletto, grazie delle immagini quelle non le avevo ancora trovato per ora sono a quota 4 immagini di comè la diga allo stato attuale, zero assoluto per quanto riguarda la diga nelle sue fasi di costruzione, quindi foto storiche.

Anche se ho spedito alcune mail ( 3) da cui attendo risposta vi farò sapere.
Avatar utente
Studente.Uni
Contadino
Messaggi: 91
Iscritto il: 26 nov 2008, 21:12
Località: Emilia Romagna

Qualche dato Techico

Messaggio da Studente.Uni »

Dato che, ora mai vi ho reso partecipi di quello che sto facendo ho pensato fosse giusto pubblicare anche qualche dato:

Diga di San Cipriano :

Dove : In una sezione del Borro di S. Cipriano, nel comune di Cavriglia.
Scopo: Serbatoio ad accumulazione stagionale per gli usi della centrale termoelettrica di Santa Barbara.

Dati principali :

Livello di ritenuta normale m s. m. 153,00
Livello di massimo invaso m s. m. 153,50

Capacità di invaso:

ecomplessiva m^3 X10^6 3,34
utile m^3X10^6 2,90


Superfice del bacino imbrifero
direttamente sotteso Km^2 16,05

Dati geometrici principali :

Altezza del piano di coronamento a ( 155,00 m s. m. ):

Sul punto piu depresso delle fondazioni m 16,50
Sul piano dell'alveo a valle m 15,00

Franco rispetto al piano di coronamento

Sul livello di ritenuta del normale m 2,00
Sul livello di massimo invaso m 1,50

Larghezza del coronamento m 5,00
Sviluppo del coronamento m 373,80
Inclinazione del paramento di monte 2/1-3/1-12,5/1
Inclinazione del paramento di valle 2/1-3/1
Volume della diga m^3 180 000

N.B

ci sono alcune cose non chiare anche perchè è la primissima volta che mi accupo di una diga!! chiedo a voi esperti!:) allora, ho già guardato le vostre pag web di teoria ma molte purtroppo sono in costruzione:)

Cosa singifica m s. m. per cosa stanno "m" "s." "m."?
Cosa significa superfice del bacino imbrifero direttamente sotteso Km2 16,05?
L'inclinazione del paramento di monte?, che dati sono 2/1-3/1 e 12,25/1
Cose il piano di coronamento?

Per pax8 che mi aveva chiesto informazioni inerenti alla centrale posso dirti che su Wikipedia c'è qualche cosa, sempre se già non l'hai visitata :roll: cmq,.. non sono in possesso di altro materiale, perchè la mia ricerca verte solo sulla diga e non sulla centrale anche se ovviamente sono due oranismi connessi e sarebbe sicuramente piu bello lavorare su entrabi ma cosi vogliono i superiori!!! :twisted:
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
Messaggi: 2331
Iscritto il: 27 gen 2006, 19:14
Località: Brianza
Contatta:

Messaggio da Cisky79 »

m.s.m. Metrica su mare?? Riferito al livello di invaso?? Mah!! :shock:

Bacino imbrifero sotteso...riferito in Km2...Si intende la regione di territorio le cui acque finiscono nell'invaso.
Tutti i versanti delle montagne e le valli che presentano fiumi e torrenti che si scaricano nell'invaso.......Penso!! :shock: :shock:

Per l'inclinazione....a mio parere sono angoli forniti non in gradi ma in riferimento ad altre unità di misura....che ne so radianti.....boh!!

Piano di coronamento, penso sia il piano di calpestio del coronamento.

Ma mi affido agli esperti per le risposte precise.
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
ad
Muratore
Messaggi: 147
Iscritto il: 06 nov 2008, 09:00
Località: Iseo (Brescia)

Messaggio da ad »

@studente.uni: contatta per e-mail l'Archivio Storico Enel.
Oggi ho ricevuto una marea di roba che anche se non mi serve per il mio progetto, è molto interessante.Tra queste cose c'è:
prospetto dell'edifico pompe
planimetria galleria baitone e del canale di allacciamento Miller

Ciao
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
Messaggi: 2331
Iscritto il: 27 gen 2006, 19:14
Località: Brianza
Contatta:

Messaggio da Cisky79 »

ad ha scritto:@studente.uni: contatta per e-mail l'Archivio Storico Enel.
Oggi ho ricevuto una marea di roba che anche se non mi serve per il mio progetto, è molto interessante.Tra queste cose c'è:
prospetto dell'edifico pompe
planimetria galleria baitone e del canale di allacciamento Miller

Ciao
Ossignore!!!!!
MA come fanno ad avere ancora tutte queste cose....hanno anche delle foto storiche...ma dici che le trovo su Enelikon??
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
Studente.Uni
Contadino
Messaggi: 91
Iscritto il: 26 nov 2008, 21:12
Località: Emilia Romagna

Messaggio da Studente.Uni »

ad ha scritto:@studente.uni: contatta per e-mail l'Archivio Storico Enel.
Oggi ho ricevuto una marea di roba che anche se non mi serve per il mio progetto, è molto interessante.Tra queste cose c'è:
prospetto dell'edifico pompe
planimetria galleria baitone e del canale di allacciamento Miller

Ciao
Ma il contatto dell'archivio storico quale è? grazie!
ad
Muratore
Messaggi: 147
Iscritto il: 06 nov 2008, 09:00
Località: Iseo (Brescia)

Messaggio da ad »

@cisky79: su enelikon non trovi nulla.Devi amndare la mail tramite il link presente nel sito facendo una richiesta specifica.Io sono stato contattato da 3 persone che si sono dimostrate molto gentili e professionali.
Gran parte dell'archivio è a Napoli, ma una buona parte è anche a Milano all'Archivio Storico "Giuseppe Colombo".
Ovviamente devi dare riferimenti precisi alla ricerca in quanto il patrimonio ENEL era ed è sterminato.
Rispondi