Castel Giubileo, la diga di Roma

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali della Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise
Rispondi
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

Cosa c'è di positivo nell'accompagnare la propria moglie ad un concorso invece che pranzare? ...che la sede per il concorso si trova vicino ad una diga! :mrgreen: ...ed allora può bastarmi anche mezzo panino! :shock:

...e lungo il Tevere, che andava lento lento...
Così recitava uno splendido brano di Claudio Baglioni, ispirato forse da una passeggiata lungo il biondo Tevere che si sa, scorre davvero molto lentamente, salvo in occasione di piene che fanno innalzare il suo livello di parecchi metri, come nella piena del 1598 che permise al fiume di aumentare il proprio livello di quasi 20 metri! :shock: In quel periodo la portata passò in poco tempo da 250 mc/s a 4000 mc/s.
L'isola Tiberina era letteralmente finita sott'acqua, come molte altre zone che si trovano negli avvallamenti. Qui è facile notare colonne o, alzando lo sguardo lungo le pareti degli antichi edifici, le targhe che ricordano questi eventi disastrosi. L'ultima piena disastrosa mi pare che ci sia stata nel 1937. Attualmente è impossibile vedere il Tevere esondare all'interno della città ( :-? ) e questo grazie ad uno sbarramento, a dire il vero non molto elevato, che permette di laminare queste ondate, in modo da scongiurare eventuali esondazioni.
Nel 1951 venne inaugurata in località Castel Giubileo, nella periferia nord di Roma, una grande ed ardita opera di sbarramento, utile ad "ammansire" ondate di piena distruttive ed a produrre una discreta quantità di energia elettrica per mezzo di questo impianto che, come potrete notare più avanti, è del tipo ad acqua fluente.
Una interessante documentazione dell'epoca: CLICCA

Dove si trova? QUI, proprio lungo tre tratti viari: Il Grande Raccordo Anulare, la strada che immette nel raccordo e nella strada Flaminia e la vecchia strada che fu stata la prima ad essere realizzata insieme alla diga in quanto facente parte dello stesso progetto.
Ho avute non poche difficoltà a girare per queste strade con la speranza di trovare dei punti da dove fotografare l'opera. I numerosi svincoli poi non mi hanno aiutato di certo visto che non conosco questa zona. Fermarsi lungo le strade appena elencate sarebbe stata un'impresa ardua e rischiosa e, come se non bastasse, molti posti nelle vicinanze sono privati quindi impraticabili. Per fortuna che ho trovato un buco in un recinto... :-P
Purtroppo ho dovuto fare anche le cose di fretta perché avevo poco tempo a disposizione, spero di tornarci per fare un secondo sopralluogo, magari con un po' più di calma.
Per il momento vi consiglio di sfruttare street view così potete vedere la parte che non ho potuto fotografare: CLICCA DI NUOVO

Se poi volete dare un'occhiata anche alle mie foto allora posso iniziare a postarne qualcuna.
Inizialmente ho raggiunto la riva destra dove ho percorso l'argine in calcestruzzo e da dove si ha questa visuale:

Immagine Immagine Immagine

Lo sbarramento si trova alle spalle del viadotto. Nella terza foto si intravede il punto degli scarichi della centrale.
Notare l'acqua cristallina :shock: ...ed ancora non è passata per Roma... :roll:

Ora però devo smettere perché sono cotto, continuo domani, intanto potete dare un'occhiata in gallery :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Il guardiano della diga »

Però! :shock:
L'acqua comunque non ha un bel colorito... :wink:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

Il guardiano della diga ha scritto:Però! :shock:
L'acqua comunque non ha un bel colorito... :wink:
Praticamente è una fogna a cielo aperto! :-( ...e, come già scritto, il Tevere qui ancora non prende gli scarichi di Roma ed oltre, pensa quindi a quello che può essere scaricato ad Ostia...
Quando vedo i films degli anni cinquanta con la gente che fa il bagno lungo il Tevere al centro di Roma mi prende una profonda amarezza... :cry:
Vabbè, non pensiamoci che è meglio va...

Continuiamo piuttosto la descrizione di questa diga postando quattro immagini ravvicinate di un settore/scarico della centrale, due paratoie, uno zoom di una paratoia e della sirena...e qualche gabbiano:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Finito di ritrarre questa zona, sono risalito per raggiungere la sponda opposta. Prima però mi sono fermato sempre in sponda dx per scattare foto da un'altra angolazione:

Immagine Immagine

In queste due foto si vede il canale di by-pass della centrale.

Raggiunta la sponda sinistra mi accorgo che insieme alle tre strade che costeggiano la traversa c'è anche una pista ciclabile, quindi la percorro con la speranza di vere lo sbarramento da lato valle ma purtroppo la visuale è coperta dalle gigantesche putrelle del ponte del GRA. Torno indietro per un breve tratto e mi accorgo che lungo una recinzione c'è un buco ( :mrgreen: )...che ovviamente attraverso, quindi ho potuto raggiungere l'argine sinistro ed ho scattato queste foto:

Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine


Mi piacerebbe vedere questo meccanismo in funzione:

Immagine


Uno sguardo dalla finestra:

Immagine


Altre due foto che ritraggono la sponda sinistra subito a valle della traversa:

Immagine Immagine

Da quello che ho capito, in occasione di piene questa zona finisce sott'acqua, praticamente il fiume va a sfiorare il ponte! Mi è parso strano però notare che i ciuffi d'erba ed i piccoli arbusti, invece che piegati verso valle, sono in realtà piegati verso monte, ossia verso lo sbarramento.
L'idea che mi son fatto è che in caso di piene, l'acqua che scavalca lo sbarramento in questo punto crea una sorta di "mulinello" ( :-? ).


Alla prossima! :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Il guardiano della diga »

Pure i gabbiani!
Ma allora l'ecosistema stà bene. :wink: :lol:

Belle le travi portanti del viadotto in Corten! Aggiungono fascino al paesaggio.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

Il guardiano della diga ha scritto:Pure i gabbiani!...
Guarda, non farmici pensare, sono una vera e propria piaga, a volte ti passano vicinissimi in picchiata e non ti dico quando bombardano... :shock:
Si sono adattati molto bene nonostante l'ecosistema ormai compromesso e poi mangiano di tutto, di fame non muoiono di certo...

Tornando a questo impianto devo subito fare una correzione riguardo ciò che ho scritto su queste foto:
Immagine Immagine
Non si tratta del by-pass della centrale ma di un affluente, ovvero il torrente Cremera. Per questa svista chiedo umilmente scusa :oops:

Forse potrebbero interessare questo articolo e questo interessante documento (pdf)

Continuo con la descrizione...
Una volta perlustrato la zona della sponda sinistra, sono ripartito verso la sponda destra ma questa volta a monte della traversa, così da poter inquadrare meglio tutto l'insieme.
Dopo qualche incrocio, rotonda, svincolo qua e svincolo là (meno male che ho il navigatore!) vedo il cancello dalla centrale (ovviamente chiuso), quindi mi fermo per la tradizionale foto del cartello:

Immagine ...dal quale si scorge anche l'edificio della centrale.

Ripartito cerco di raggiungere un posto favorevole e, dopo altre due rotonde (ancora mi gira la testa) entro dentro un parcheggio, percorro il tratto erboso che mi divide dal fiume e finalmente riesco a vedere l'intero sbarramento, lato monte:

Immagine


Qualche particolare:

Immagine Immagine Immagine

Per il momento ho terminato, stacco anche perché il sito è lentissimo. Ci si ri-aggiorna prossimamente... :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

Bene, oggi va molto più spedito, quindi posso continuare con la descrizione...

Per quanto riguarda la centrale, come immagine, mi affido all'utilissimo street view. Scusatemi ma, come vi ho già accennato, fermarsi lì per scattare delle foto è alquanto rischioso, nonché da pazzi: CLICCA

Per la descrizione della centrale invece mi affido al sito Enel

Come potete vedere la potenza è abbastanza limitata, ma in circa dieci metri di salto è tutto quello che sono riusciti ad ottenere. Non dimentichiamo poi che il compito principale di questa opera è quello di laminare le ondate di piena del Tevere, scongiurando eventuali (e sempre possibili) esondazioni nella città eterna...e credo che il suo compito lo stia svolgendo molto bene e ...comunque... 77 GWh/anno non sono pochi... 8-)

Curiosità:
Immagine

In questa foto è ritratto il vecchio ponte di Castel Giubileo, ormai ridotto ad un misero ammasso di ferraglia arrugginita che si trova poco più a valle della traversa, visibile QUI.

Mi sembra che sia tutto...anzi, no!

Visto che avevo accennato ad un brano di Claudio Baglioni...perché non dedicarvelo?
CLICCATE :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Il guardiano della diga »

Come mai è ridotto così?
Era transitabile?
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

Il guardiano della diga ha scritto:Come mai è ridotto così?
Era transitabile?
Purtroppo di questo ponte non ne so nulla ed anche cercando in rete non si riesce a saperne qualcosa di più.
L'idea che mi son fatto è che questo era il ponte grazie al quale si attraversava il Tevere prima della realizzazione del successivo, ossia quello che poggia sui piloni dello sbarramento realizzato nel "51.
Nelle piantine infatti, la strada che porta su questo antico ponte si chiama proprio "via di Castel Giubileo" quindi credo che in passato fosse il solo ponte di questa zona, perciò transitabile.

In compenso ho trovato altre informazioni sulla sbarramento ed anche molte belle foto:

CLICCA 1

CLICCA 2

CLICCA 3

CLICCA 4

Ovviamente continuerò a cercare materiale a riguardo, che non mancherò di inserire su questo 3D...
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Il guardiano della diga »

Io ieri in una veloce ricerca ho scoperto che era un ponte ferroviario...
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

Il guardiano della diga ha scritto:Io ieri in una veloce ricerca ho scoperto che era un ponte ferroviario...
Ma dai!!! :shock: Si, potrebbe essere, potrebbe far parte di un vecchio percorso che si staccava dalla tratta ferroviaria Roma-Civita Castellana-Viterbo attualmente in servizio... però verso dove?? Sarebbe da approfondire...
Dove l'hai letto che era un ponte ferroviario?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Il guardiano della diga »

Ieri avevo trovato questo:
http://www.flickr.com/photos/enzoazzolini/2458094379/

ed un altra immagine che non riesco a recuperare dove si citava il ponte come ferroviario...
Bhò? :roll:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
ALn668.1207
Muratore
Messaggi: 177
Iscritto il: 30 nov 2012, 14:13
Località: Canale Cellina
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da ALn668.1207 »

Molto interessante!

Quanto al vecchio ponte, la struttura dell'impalcato non mi pare proprio quella di un ponte ferroviario, ma più di questo non saprei dire.
Troppo largo per un semplice binario, forse troppo stretto e troppo leggero per un doppio.
Peraltro poteva essere un raccordo tra due linee, visto che sia a destra sia a sinistra del fiume passano due linee ferroviarie, una è per Viterbo e l'altra mi pare la Roma - Firenze.
Deve essere vecchissimo, avrà almeno cent'anni e da quel che si vede è talmente rugginoso da sembrare alquanto precario.
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Il guardiano della diga »

Io non ne so nulla di ferrovie :oops: , però quando ho visto le foto e le descrizioni non mi è parso strano per niente, perchè la vedo una costruzione "ferroviaria" abbastanza tipica qui da noi e per quel periodo.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
Messaggi: 1741
Iscritto il: 08 mag 2009, 19:55
Località: Maniago (PN)

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da sander »

cestò ha scritto:Immagine

Lo sbarramento si trova alle spalle del viadotto. Nella terza foto si intravede il punto degli scarichi della centrale.
Azz... caro cestò; scusa la mia proverbiale castronaggine: gli scarichi della centrale sono intallati a valle dello sbarramento?
cestò ha scritto:
Curiosità:
Immagine

In questa foto è ritratto il vecchio ponte di Castel Giubileo, ormai ridotto ad un misero ammasso di ferraglia arrugginita che si trova poco più a valle della traversa
Sarà anche: un 'misero ammasso di ferraglia', però a me affascina non poco :wink:
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
Messaggi: 1741
Iscritto il: 08 mag 2009, 19:55
Località: Maniago (PN)

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da sander »

Il guardiano della diga ha scritto:Belle le travi portanti del viadotto in Corten! Aggiungono fascino al paesaggio.
NEGATIVO!
Ho combattuto l'ossido di ferro per tutta la vita e continuo a farlo :cry:
Non sopporto questa pseudo-tecnologia del ca**o
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Il guardiano della diga »

Ma dài che la ruggine è bellissima!!! :lol: :wink:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

ALn668.1207 ha scritto:...poteva essere un raccordo tra due linee, visto che sia a destra sia a sinistra del fiume passano due linee ferroviarie, una è per Viterbo e l'altra mi pare la Roma - Firenze...
Sono proprio queste le linee parallele alla diga, però mi giunge strano il fatto che si sia reso necessario il collegamento tra le due. Non ne vedo il motivo visto che in questa zona tutte e due le linee hanno la stazione a quattro passi... :-?

sander ha scritto:
cestò ha scritto: Lo sbarramento si trova alle spalle del viadotto. Nella terza foto si intravede il punto degli scarichi della centrale.
Azz... caro cestò; scusa la mia proverbiale castronaggine: gli scarichi della centrale sono intallati a valle dello sbarramento?
Esatto Sander, si tratta degli scarichi di tre turbine kaplan .
sander ha scritto:
cestò ha scritto:...In questa foto è ritratto il vecchio ponte di Castel Giubileo, ormai ridotto ad un misero ammasso di ferraglia arrugginita che si trova poco più a valle della traversa
Sarà anche: un 'misero ammasso di ferraglia', però a me affascina non poco :wink:
Non l'ho scritto in senso dispregiativo ci mancherebbe, anche a me quella vecchia struttura affascina parecchio e muoio dalla voglia di scoprire qualcosa in più su di essa... :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Grado
Comunista
Messaggi: 14
Iscritto il: 08 mag 2016, 08:36
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Grado »

Il guardiano della diga ha scritto:Come mai è ridotto così?
Era transitabile?
Fino al 1965 era transitabile, poi quell'anno ci fu l'alluvione ed una parte del ponte crollò, da quel tempo fino ad oggi è rimasto così.
Militare in Congedo delle Trasmissioni dell'Esercito Italiano, Socio Ordinario dell'Associazione Nazionale Genieri e Trasmettitori d'Italia
http://www.angetitalia.it/
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da cestò »

Grado ha scritto:
Il guardiano della diga ha scritto:Come mai è ridotto così?
Era transitabile?
Fino al 1965 era transitabile, poi quell'anno ci fu l'alluvione ed una parte del ponte crollò, da quel tempo fino ad oggi è rimasto così.
:shock: Ma dai...chissà che portata aveva il fiume per arrivare fino al ponte e distruggerlo!!
Grazie per questa informazione, Grado!
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Grado
Comunista
Messaggi: 14
Iscritto il: 08 mag 2016, 08:36
Contatta:

Re: Castel Giubileo, la diga di Roma

Messaggio da Grado »

cestò ha scritto: :shock: Ma dai...chissà che portata aveva il fiume per arrivare fino al ponte e distruggerlo!!
Grazie per questa informazione, Grado!
Di nulla, mio Nonno quel giorno fece appena in tempo a passarlo e dopo pochi minuti crollò giù il ponte.
Militare in Congedo delle Trasmissioni dell'Esercito Italiano, Socio Ordinario dell'Associazione Nazionale Genieri e Trasmettitori d'Italia
http://www.angetitalia.it/
Rispondi