Centrale idroelettrica Acquoria - Tivoli (Rm)

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali della Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Centrale idroelettrica Acquoria - Tivoli (Rm)

Messaggio da cestò »

In questo topic vorrei parlare della mia visita alla centrale Acquoria dello scorso 18 giugno e poi, in un secondo momento, della storia di questa mitica centrale, la prima al mondo a produrre corrente alternata.

La giornata è stata meravigliosa, un sole caldissimo splendeva in un cielo limpido. Il piazzale della centrale era infuocato!
La temperatura...torrida, per tutto il giorno. Forse dipendeva dal fatto che ero molto emozionato in attesa della mia prima visita in una centrale idroelettrica...che inizio ora ad illustrarvi!

Foto di rito:

Immagine


L'edificio:

Immagine Immagine Immagine Immagine


La condotta forzata che scende dal bacino San Giovanni:

Immagine Immagine

...e quella della vasca di carico Vescovali:

Immagine


La nuova centrale attiva dal 1995:

Immagine
Ma come non vedete niente??? C'è c'è, non si vede ma c'è! (sotto quella copertura scorrevole, sopra la quale si muove il carroponte)


L'alta tensione:

Immagine Immagine
I trasformatori sono oltre il muro (prima foto). Il gruppo sezionatori (seconda foto)


Sul piazzale domina questa targa con una frase che mi ha fatto tremare dall'emozione:

Immagine
trattandosi del quarantesimo anniversario, si presume che la targa, rigorosamente in marmo travertino proveniente dalle antiche cave di Tivoli, risalga al 1932.

Volevo illustrarvi l'interno della centrale ma ora non ho tempo, mi dispiace ma devo staccare. Alla prossima! :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
francis
Geometra
Messaggi: 634
Iscritto il: 10 mag 2010, 19:12

Messaggio da francis »

L'estetica della vecchia non è per niente male :wink:
La nuova..................... lasciam perdere!

Sono funzionanti entrambe?
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
Messaggi: 5049
Iscritto il: 30 giu 2005, 22:29
Località: Treviso (TV)
Contatta:

Messaggio da phante »

Bella questa centrale! Non vedo l'ora di conoscerne la storia :-)
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
Messaggi: 1367
Iscritto il: 01 nov 2009, 21:12

Messaggio da pelton1989 »

Io non vedo l'ora di vedere le macchine! ... sono ben 48 MW!! :shock: una centrale di tutto rispetto
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Messaggio da cestò »

Innanzitutto chiedo scusa per l'inizio un po' superficiale. Ho dovuto scrivere di corsa perchè in questo periodo non posso trattenermi più di tanto su PD per mancanza di tempo, infatti ho iniziato questo topic con diversi giorni di ritardo... :oops:
Passo poi a rispondere a questa domanda:
francis ha scritto:L'estetica della vecchia non è per niente male :wink:
La nuova..................... lasciam perdere!

Sono funzionanti entrambe?
No, la nuova centrale ha rimpiazzato quella vecchia, che comunque ha ancora un "gruppetto" in funzione...


Allora, preciso subito che la la vecchia centrale in realtà non è proprio "la vecchia", ossia quella della prima produzione in alternata che descriverò poi. Questa infatti è stata realizzata nel 1927 ed è rimasta operativa fino al 1995, quando è stata "costruita" la nuova Acquoria. In effetti la nuova, trovandosi sotto terra, non ha un edificio, però in questo modo sono stati guadagnati ben 25 metri di dislivello rispetto a quella precedente.

Proviamo a fare un po' d'ordine:
Per convenienza chiameremo le tre "versioni" Acquoria 1 - Acquoria 2 - Acquoria 3

dove...
Acquoria 1 è la prima centrale in assoluto risalente al 1892

Acquoria 2 è la seconda, suddivisa a sua volta in più versioni, alimentata da più derivazioni, ed è l'edificio da me fotografato

Acquoria 3 è la centrale attuale, operativa dal 1995, che sta sotto terra.

Acquoria 2 è questa:

Immagine

L'edificio a sinistra una volta veniva utilizzato come sala dei trasformatori e dove venivano effettuate le varie diramazioni delle linee che fuoriuscivano dalle "finestre" più in alto. Infatti, se fate caso a questa foto:

Immagine...noterete davanti a queste finestre, la presenza dei tiranti dove erano agganciate queste linee.

Questa è la foto storica dove si vede bene:

Immagine

Nell'edificio a destra invece (prima foto), si trovano gli alternatori dei gruppi alimentati dal bacino San Giovanni, che si trova a ridosso della città di Tivoli.

Il suo interno è questo:
Immagine

Particolare di un gruppo:
Immagine

Si tratta di tre gruppi da 14 Mw cadauno che hanno lavorato dal 1927 al 1995. Quella in primo piano è originale, anche se è stato ricostruito utilizzando vari pezzi degli altri due, rimpiazzati da due "nuovi" gruppi perchè distrutti dai bombardamenti del "44.

Scusate ma si è fatto tardi...alla prossima con il resto del giro! :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
vicio74
Direttore di cantiere
Messaggi: 1243
Iscritto il: 24 set 2007, 23:14
Località: Longiano (FC)

Messaggio da vicio74 »

Bellissimo questo reportage Cestò...e devo dire che sono rimasto molto colpito anchio dalla targa commemorativa....,fa pensare tanto....
Su quella parete ancora nascosta,la frana e' ormai una massa inerte in movimento....da ore e' iniziata la fine.
(M. Passi)
Avatar utente
francis
Geometra
Messaggi: 634
Iscritto il: 10 mag 2010, 19:12

Messaggio da francis »

Io ho sempre saputo che la più antica centrale italiana fosse la Bertini di Porto d'Adda, costruita nel 1898.
Invece no!
Allora in giro ci son dei dati sbagliati :-?
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Messaggio da Il guardiano della diga »

Bellissimo questo topic cestò!
Fa una certa emozione anche a me leggere quella targa e soprattutto scoprire officine elettriche che hanno scritto la storia dell'idroelettrico in Italia. Degli anni che furono possiamo vantarci perchè abbiamo avuto da insegnare agli altri!... :roll:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Messaggio da cestò »

Grazie a tutti per i complimenti, comunque aspettate perchè ne vedrete delle belle... :wink:

francis ha scritto:Io ho sempre saputo che la più antica centrale italiana fosse la Bertini di Porto d'Adda, costruita nel 1898.
Invece no!
Allora in giro ci son dei dati sbagliati :-?
Forse la centrale Bertini viene menzionata come una delle prime centrali, e non come la prima in assoluto.

Per una dimenticanza non ho scritto un dettaglio che ci tengo a sottolineare:
l'involucro dell'alternatore originale è completamente in ghisa!

Ed ora...che dite...continuiamo il giro della centrale? Ma si dai... :wink:

Nella sala dei trasformatori, oltre i tre più grandi, ce n'è uno più piccolo da 6 MW che sfruttava il salto Mecenate.
E' questo qui:

Immagine

Immagine Immagine Strumenti vari

Immagine Un macchinario che non ricordo a cosa serva

Immagine Un regolatore di velocità per turbina idraulica risalente al 1927

Immagine Un regolatore TIBB del 1935 (cos'è un regolatore TIBB??? :oops:)

Immagine Una girante Francis del 1932


Con questo è terminato il giro della "vecchia" centrale (Acquoria 2) ed inizia quello della centrale attuale (Acquoria 3).

Immagine La sala di uno dei due gruppi Francis. In primo piano si vede la valvola rotativa, in secondo piano l'asse dell'alternatore. Il secondo gruppo si trova nella sala che sta oltre quella porticina dopo l'asse.

Immagine Oltre la turbina c'è questo..."accessorio" che ho dimenticato di chiedere a cosa servisse perchè troppo preso a scattare foto.

Immagine La valvola rotativa marcata De Pretto-Escher Wyss 8-)

Immagine Particolare della stessa

Immagine La sala alternatori, dove gli stessi sono chiusi dentro due "sarcofagi" che permettono di limitare di molto il rumore assordante.

Immagine Vista superiore di uno di essi

Immagine Particolare delle targhette

Immagine L'interno di un "sarcofago" con un alternatore in funzione. Appena è stata aperta la porta che ha uno spessore incredibile, il rumore è stato a dir poco scioccante! :shock:

Immagine La sala del quadro generale.
La centrale è totalmente automatizzata e pilotata a distanza.
Un tempo, quando tutto era manuale, il personale raggiungeva le 150 unità. Ora, grazie all'automazione, il personale si è ridotto in sole sette unità! ...e che tra l'altro interviene solo in caso di necessità...

Immagine Questo è tutto quello che sono riuscito a fotografare della restituzione in alveo dell'acqua turbinata.
Come potete vedere la vegetazione è molto fitta e non mi ha permesso di raggiungere una postazione più favorevole, e poi avrei incontrato sicuramente qualche bella vipera! :shock:

Se volete vedere dei sezionatori da vicino siete serviti:

Immagine Immagine
(prima le foto non le ho postate perchè non risultavano, eppure le avevo già viste in gallery... :-?)

Ora una chicca, una vecchia valvola a farfalla nel giardino:

Immagine

...e per finire, visto che a me piacciono tanto, la solita panoramica:

Immagine
La collina sopra la quale si trova Tivoli. Alle sue pendici scorre il fiume Aniene tra una rigogliosa vegetazione.
Il monte a destra, sullo sfondo, è la zona vulcanica dei Castelli romani.
L'edificio più in basso, verso destra, quello con sei grandi finestre sulla facciata anteriore tenetelo bene impresso, è lì che è cominciata la storia.

Con la visita ho terminato. Spero abbiate gradito... 8-) :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
Messaggi: 1367
Iscritto il: 01 nov 2009, 21:12

Messaggio da pelton1989 »

Splendido!! tutto molto bello, le turbine nuove fanno la loro figura, peccato per l'edificio ( interrato :roll: )

P.S. TIBB è l'abbereviazione di Tecnomasio Italiano Brown Boveri

Questo

Immagine

credo con tutta probabilità sia il regolatore della francis.

Riguardo a quel coso che definisci accessorio... sai che sembra una pompa centrifuga ad asse orizzontale.. :shock: :roll: che strano

Il gruppetto da 6 MW va ancora?
Avatar utente
francis
Geometra
Messaggi: 634
Iscritto il: 10 mag 2010, 19:12

Messaggio da francis »

Gli alternatori stagni del giorno d'oggi son tutti rumorosi, mi è capitato di trovarne di simili a Pieve Vergonte e a Crevola, e anche lì nel locale macchina ti viene istintivo tapparti le orecchie.
Una causa è sicuramente la velocità maggiore rispetto ai vecchi, una volta le macchine viaggiavano a 300/375 giri/min, oggi 600/750 o addirittura 1000 :shock:

Ma... nella centrale nuova... si usa il carroponte solo col bel tempo? :-D

Curiosità: l'impianto ha qualcosa a che fare con le cascate dell'Aniene a Tivoli?
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
Messaggi: 1367
Iscritto il: 01 nov 2009, 21:12

Messaggio da pelton1989 »

francis ha scritto:Curiosità: l'impianto ha qualcosa a che fare con le cascate dell'Aniene a Tivoli?
Immagine
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Messaggio da Il guardiano della diga »

Lo strano "accessorio" come e dove era posizionato?
Non riesco a spiegarmi cosa sia... :roll:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Darlazz
Geometra
Messaggi: 713
Iscritto il: 11 ago 2009, 21:23
Località: Vicenza - Veneto

Messaggio da Darlazz »

Grandissima l'Acquoria 2, dalle condotte che partono da quella particolarissima galleria alla centrale in sè stessa ... odora di storia, veramente affascinante! 8-)

E questo:
cestò ha scritto:Immagine Oltre la turbina c'è questo..."accessorio" che ho dimenticato di chiedere a cosa servisse perchè troppo preso a scattare foto.
Mi ricorda la pop-off della mia vecchia subby :lol: Visto che la centrale dispone già di una valvola rotativa può essere un bypass che entra in azione quando le turbine subiscono uno stop repentino? Sempre allo scopo di evitare i benedetti colpi di ariete .... che dici guardian?
Avatar utente
Darlazz
Geometra
Messaggi: 713
Iscritto il: 11 ago 2009, 21:23
Località: Vicenza - Veneto

Messaggio da Darlazz »

pelton1989 ha scritto:
francis ha scritto:Curiosità: l'impianto ha qualcosa a che fare con le cascate dell'Aniene a Tivoli?
Immagine
Pazzesco!! Mi era sfuggito quel "PER LA PRIMA VOLTA AL MONDO" :shock: :shock:
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Messaggio da cestò »

francis ha scritto:Ma... nella centrale nuova... si usa il carroponte solo col bel tempo? :-D
Misà proprio di si... :lol:
pelton1989 ha scritto:
francis ha scritto:Curiosità: l'impianto ha qualcosa a che fare con le cascate dell'Aniene a Tivoli?
Immagine
La targa in travertino ricorda la prima centrale in alternata che si trova poco più su di questa che ho visitato.
Quindi non è questo l'impianto che ha captato l'acqua delle cascatelle menzionate nella targa.

Questa centrale (quella che sta sottoterra) sfrutta il salto naturale della grande cascata di Tivoli.
I vari impianti di Tivoli però li spiegherò nel topic dell'asta idroelettrica lungo l'Aniene.

Il guardiano della diga ha scritto:Lo strano "accessorio" come e dove era posizionato?
Non riesco a spiegarmi cosa sia... :roll:
Si trova tra i tre vecchi gruppi:
Immagine


Vedo che l'argomento vi sta appassionando...però dovrei sottolineare una cosa:
colui che mi ha fatto da guida alla visita, che ringrazio tanto, ha letto questo topic e mi ha fatto notare che ci sono alcune imperfezioni.
Beh, a dire il vero questo un po' me l'aspettavo visto che per fare le foto non ho seguito con attenzione ciò che spiegava. Per fortuna non ho scritto molto, altrimenti chissà che avrei combinato!
Purtroppo, anche se ero fermamente convinto che ciò che scrivevo fosse esatto, sono ugualmente incappato in errori.

Quindi, vista la delicatezza dell'argomento, non aggiungerò più nulla che non abbia avuto prima un riscontro da chi questo impianto lo conosce alla perfezione.

A presto... :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Messaggio da cestò »

Si trovano tante info sul web, però non si sa mai a chi dare retta.
Qui ho trovato qualcosa di interessante: http://www.grandipassioni.com/2011/02/n ... alternata/

Nel link viene attribuita a Tesla l'invenzione della corrente alternata, però qui si capisce un'altra cosa:

Immagine Immagine
Sono foto esposte nella centrale di Acquoria.

E' complicata ma su questa storia bisogna far luce... :lol: :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
Messaggi: 1367
Iscritto il: 01 nov 2009, 21:12

Messaggio da pelton1989 »

Intanto che sfatate, posso chiederti che cos'è questo affare?? :shock: :roll:

Immagine

a me sembra una pompa
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Messaggio da cestò »

C'è anche questo:
http://francorino.altervista.org/storiaelettrica1.htm

Però attribuisce alla prima centrale in alternata una data che mi sembra errata: 1886. Dovrebbe essere 1892...

Comunque, la prima centrale di Tivoli, in corrente continua, è quella di Vesta.
In un secondo momento è passata a produrre in alternata fino a poco tempo fa, infatti ora la centrale non è più operativa.

Nel sito dell'Enel viene ancora menzionata, però i dati della centrale non ci sono più:
http://www.enel.it/it-IT/impianti/mappa ... aspx?it=-3

Vedete questo schema:
Immagine

pelton1989 ha scritto:Intanto che sfatate, posso chiederti che cos'è questo affare?? :shock: :roll:
Immagine
a me sembra una pompa
Per il momento resterà un mistero, vedrò di chiederlo ad un responsabile della centrale... :wink: 8-)

Potrebbe essere un collegamento per l'altra turbina? In fondo sembra che prenda quella direzione... :-?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
Darlazz
Geometra
Messaggi: 713
Iscritto il: 11 ago 2009, 21:23
Località: Vicenza - Veneto

Messaggio da Darlazz »

endriu ha scritto:
cestò ha scritto:Si trovano tante info sul web, però non si sa mai a chi dare retta.
Qui ho trovato qualcosa di interessante: http://www.grandipassioni.com/2011/02/n ... alternata/

Nel link viene attribuita a Tesla l'invenzione della corrente alternata, però qui si capisce un'altra cosa:

Immagine Immagine
Sono foto esposte nella centrale di Acquoria.

E' complicata ma su questa storia bisogna far luce... :lol: :wink:
Già vero molta luce, per sfatare ogni dubbio servirebbe una foto originale di una targa macchina.
1 Scusate l'ignoranza e la testa dura ... cosa c'entra la corrente alternata con queste due foto? :roll: :oops:

2 Pelton dici che il misterioso aggeggio é una pompa? A me sembrava più una valvola perché: non vedo l'albero (magari é nascosto dal tubo), poi se noti c'é una regolazione con un'asta sulla testa, sembra che usando acqua in pressione regoli l'apertura di un possibile disco che a sua volta regola il passaggio dell'acqua dalla condotta di sx a quella di dx.
Mi sembra una sorta di servocomando che regola un bypass ... esempio per tenere costante la portata in uscita dalla centrale ... oppure una sicurezza che bypassi l'acqua sullo scarico in caso di fermo repentino della turbina. Le aste mi portano più su un discorso di regolazione.
Dove questo organo cestò? Riesci a spiegarlo?
Rispondi