Canterno

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali della Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise

Messaggioda cestò » mar apr 19, 2011 3:46 pm

Sander, vedo con piacere che ora sei tu che fai il tifo per me...vedrò di non deluderti... :wink:

Sono in trepidante attesa, attendo impazientemente che mi vengano accettate le foto della mia ultima missione in quel di Canterno...anzi...in quel di CONDOTTA di Canterno! :shock: 8-)
Insomma...ne vedrete delle belle! :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda cestò » mar apr 19, 2011 5:13 pm

Era da tempo che volevo provare questa esperienza, ecco perchè tentennavo a parlarvi della centrale senza che vi descrivessi quello che c'è prima.
Per cui, ho il piacere di comunicarvi...
MISSIONE COMPIUTA!!! 8-)

(credo che ora vi stiate chiedendo quale missione...:-?)
...ma quella della scalata lungo la condotta forzata fino a raggiungere la vasca di carico! :shock:
Ossia QUI (subito sopra il puntatore)

Non ci credete? ...guardate che è vero!
Riassumo un po' la giornata:
Dopo il pranzo ho detto a mia moglie che dovevo scendere un momento per comprare le sigarette al bar sotto casa :roll:
Scherzo, la scusa non avrebbe retto, infatti:
1° - Non si sarebbe trattato solo di un momento.
2° - Il bar sotto casa la domenica è chiuso.
3° - Non fumo.
In verità ho detto semplicemente che sarei andato a vedere la condotta di Canterno e che per le 17 al massimo avrei fatto ritorno a casa.
Approfittando del sonnellino pomeridiano delle bimbe in modo da non creare problemi a mia moglie (cos'altro vuole di più...), parto alle 14:30 ed alle 14:55 sono sul posto.
Mi soffermo a guardare la parte di condotta che circa un anno fa era in queste condizioni:
Immagine

Adesso invece è così:
Immagine

Mi sembra strano però che siano intervenuti sulla condotta, non si notano infatti dei particolari interventi su di essa, anche se in effetti la perdita non c'è più...a meno che non vi abbiano messo del turafalle...:roll:
Comunque ci sono ancora delle perdite: SORGENTE?
Qualche attimo per decidere se salire sulla sx o sulla dx. Decido per la sx, il percorso mi sembra più pulito, anche perchè da quella parte c'è una linea elettrica:
Immagine
All'inizio mi sembra facile ma poi, con l'aumentare della pendenza, il cammino si rivela davvero faticoso!

Mi soffermo un po' ad ammirare il paesaggio, infatti è molto bello.
Dei ragazzi sono intenti a scalare una parete:
Immagine

Ci sono molti alberi di ulivo e degli arbusti tra i quali si può incontrare un puledro accanto alla sua mamma:
Immagine

...dei vecchi rimasugli metallici:
Immagine (trattasi di una puleggia guida-cavo)

...dei vecchi isolatori:
Immagine

...ed anche l'immancabile vipera!:
Immagine :shock: e mò??? Si trova proprio lungo il mio cammino!
Visto che ha pensato bene di rifugiarsi nella sua tana, mi faccio coraggio e continuo a salire, passando proprio sopra la sua casetta.
Piccola sosta intermedia per riprendere fiato e per girare questo VIDEO
Come si può vedere c'è più di qualche perdita...a proposito, cos'è quella piccola derivazione che si vede al 15° secondo? :-?
Si vede anche in questa foto:
Immagine

Altra piccola sosta per godere di una bella vista verso valle:
Immagine

Ormai manca poco, ancora un'altro (impressionante) sforzo per poi arrivare nei pressi della sala valvola, anzi, l'attraverso passandoci sopra e mi ritrovo qui:
Immagine

Un carrello di una vecchia funicolare parallela alla condotta, chissà da quanto tempo è fermo lì...
Decido però di scendere a vedere solo dopo aver raggiunto la tanto sospirata vasca. Infatti prendo ancora a salire, questa volta grazie ad una "comoda" scalinata:
Immagine

Ed ora lascio il posto a questo VIDEUCCIO 8-) 8-)

Fare una scalata massacrante verso una vasca di carico per poi scoprire che quest'ultima è in secca, non è che la cosa sia il massimo della soddisfazione... :-x :cry:
Calma e ragioniamo :roll:
Di seguito posto alcune immagini della vasca scusandomi per la qualità, infatti sono state estrapolate dal video di prima (nella concitazione mi sono dimenticato di scattarle... :oops: :oops: :oops:):
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

La galleria che arriva da Canterno è in secca eppure nella condotta forzata c'è acqua e si sente distintamente che nel suo interno vi scorre acqua...
Quando ho parlato col tecnico Enel giù in centrale (giugno 2010), questi mi ha detto che l'acqua di Canterno raggiunge la condotta forzata mediante una galleria a pelo libero, il che però mi sembrava già da allora molto strano visto che l'opera di presa si trova sotto il livello del bacino:
Immagine (Il livello era molto basso in quel periodo)
L'idea che mi son fatto è che la vasca non è di carico ma di espansione, però qual è lo scopo di quella grossa galleria che si vede all'interno della vasca? :-? ...e poi se quella che viene dal bacino è una galleria in pressione, come fa a collegarsi alla condotta forzata?
C'è anche da dire che nel cartellone posto sul recinto della vasca c'è scritto:
"Lavori di: Ripristino riv. galleria di der. in press".

Ho anche uno schemino di questa parte di impianto:
Immagine

Un po' disorientato per il forte dubbio sulla vasca decido di scendere ed andare a vedere il locale della valvola, questo:
Immagine

Alcune foto dell'interno:
Immagine Immagine Immagine Immagine

...ed un VIDEO dell'esterno.

L'ingresso della sala valvola:
Immagine

Linea di trasmissione:
Immagine Immagine

Qui si vede uno di quegli aggeggi per trasmissioni ad onde convogliate:
Immagine

Non c'è che dire, da quassù si gode un bel panorama:
Immagine

Una controllata anche alla macchina:
Immagine


...e poi non poteva mancare la foto di rito con la maglia di Progettodighe:
Immagine 8-) :wink:

Per il momento tutto qua, poi ci ri-aggiorneremo su questo strano e misterioso impianto... :-? :-? :-?
Dimenticavo...sono rientrato a casa alle 17 in punto! :-P

Concludo con questa bella panoramica verso la valle del Sacco:
Immagine
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda Il guardiano della diga » mar apr 19, 2011 5:24 pm

Ho seguito con grande interesse questo splendido reportage!
Davvero coinvolgente. Bravo! :-D

Non sono espertissimo ma dalla livrea quella serpe nella foto si direbbe proprio una Aspis aspis... :roll: Cavoli! Ma ce ne avete anche a Roma?

Bellissime foto di bellissime opere (soprattutto la camera valvole).
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda sander » mar apr 19, 2011 9:14 pm

Gran bel lavoro cestò. Reportage ben fatto e quanto mai interessante.
Me lo sono letto tutto d'un fiato.

Complimenti inoltre per il gesto sportivo, effettuato tra l'altro, in tempi alquanto stretti :wink:
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1704
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Messaggioda pelton1989 » mar apr 19, 2011 9:47 pm

Ben fatto, hai spiegato bene un'impianto complicato e misterioso, lo spirito da dighista non ti manca!! :wink:
Ma se la galleria è in pressione perchè c'è una vasca di carico? secondo me è la parte superiore del piezometrico, meglio conosciuta come "vasca di espansione" ecco spiegata la secca :!:
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1351
Iscritto il: dom nov 01, 2009 10:12 pm

Messaggioda Darlazz » mer apr 20, 2011 1:27 pm

Si ... in effetti mr Cestò l'aveva anche scritto sopra .... mi impressiona la distanza tra il lago e la camera valvole,
secondo te Cestò la camera valvole é a quota più bassa rispetto alla presa del lago? Perché allora avrebbe più senso una condotta in pressione.

1-Impressionante la perdita dalla condotta ... mai visto :shock:
2-Isolatori abbandonati ... vengo a prenderli!!! (sono collezionista :oops: )

Bellissimo questo report, specialmente la valvola con aeroforo, non hai faticato invano! 8-)
Avatar utente
Darlazz
Geometra
 
Messaggi: 713
Iscritto il: mar ago 11, 2009 9:23 pm
Località: Vicenza - Veneto

Messaggioda ad » mer apr 20, 2011 5:03 pm

Molto ben fatto questo report!
3 Domande:
come mai c'era una scatola marchiata F.S. (ferrovie dello stato)?Potrebbe essere un accrocchio aggiunto successivamente recuperando parti dismesse dalle ferrovie?
Hai per caso fatto delle fotografie all'argano di sollevamento del carrello?era accessibile il locale?
Ciao
ad
Muratore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: gio nov 06, 2008 10:00 am
Località: Iseo (Brescia)

Messaggioda cestò » mer apr 20, 2011 11:29 pm

Grazie a tutti per i complimeti, sono davvero contento che vi sia piaciuto (vorrei ben vedere...con tutta la fatica che ho fatto! :shock: :wink:)
Questa esperienza è da raccontare ai nipoti, non la dimenticherò mai!
Quello che più mi è rimasto impresso è naturalmente l'enorme fatica per arrivare in cima ma a volte certe situazioni me le cerco, non so, forse per mettermi alla prova. Infatti, molte volte, in bici arrivavo allo stremo, tanto da non poter più pedalare.
C'è il video dell'arrivo alla vasca che testimonia la mia fatica dal fiatone che non mi fa neanche parlare.

Un'altra cosa che ricordo è la sensazione di abbandono che quel posto mi ha trasmesso. Erba molto folta che praticamente ha invaso tutto, i pezzi della funicolare sparsi un po' ovunque, la condotta che si porta malissimo i suoi anni di servizio, i manufatti in pessime condizioni. Sembra che tutto sia lasciato al suo destino. Come un vecchio che aspetta soltanto di morire.
Insieme all'emozione, alla soddisfazione, all'appagamento per essere riuscito nell'impresa si è aggiunto anche un enorme senso di tristezza.
Spero che un giorno si possano vedere dei seri interventi di recupero di tutto l'impianto. Spero.

Lasciamo perdere i sentimentalismi (scusate) e rispondiamo un po' alle vostre domande...

@Guardiano: lo sapevo che per la vipera ti saresti interessato tu, chissà perchè ti ho pensato quando ce l'avevo davanti...a proposito...quell'esemplare era ancora piccolino ma devo dire che mi ha fatto ugualmente una bella impressione per via di quell'aurea minacciosa che emanava. A dire il vero ero tentato di cercare altre strade ma poi sono partito deciso verso la meta.
Vuoi sapere se anche dalle nostre parti ci sono vipere? ECCOME se ci sono! Infatti ero proprio sicuro di incontrarne qualcuna! E poi sono cresciuto in campagna, quindi non era la prima volta che ne vedevo...

@Darlazz: (grazie per il Mr...) Per le quote non posso rilasciare dati certi, anche se portavo con me l'altimetro lo stesso non era calibrato. Non conosco dalle mie parti un punto preciso dove calibrarlo.
So di certo che l'opera di presa si trova all'incirca a 519m slm, si vede in questa foto:
Immagine
Invece la quota della valvola, con altimetro NON calibrato, è di 478m slm. Anche se la misurazione non è attendibile, credo comunque che la valvola si trovi molto al di sotto del livello del bacino.
La distanza tra la presa e la valvola è +/- di 2023m.

Se per la vipera ho pensato al Guardiano, per gli isolatori ho pensato proprio a te! Infatti è proprio per questo che l'ho fotografato! Mi ricordavo che li collezioni, però chissà quanti ne hai, quindi non credo che questo ti possa andar bene. Ce n'erano pure in abbondanza...

@Ad: Il marchio FS in un impianto idroelettrico anche a me pareva strano, la scatola l'ho fotografata proprio per chiedere spiegazioni a qualcuno del forum. In basso alla scatola si legge SIRTI, ossia una ditta che si occupa, tra le altre cose, anche di linee per la trazione elettrica, quindi ha sicuramente lavorato (e lo fa tuttora) per le linee ferroviare:
http://www.sirti.it/ITA/SERVIZISOLUZION ... trica.aspx
Forse ha usato per quel lavoro del materiale destinato di solito alle ferrovie...:roll:
Le foto all'argano dici? ehmmm...no, non le ho fatte...mi dispiace. Il fatto è che quando giro un video mi dimentico di scattare... :oops:
Comunque il locale dell'argano è accessibilissimo, praticamente è come lo vedi nel video.
Ma se proprio ti interessano le foto posso sempre tornare...no, non scalando di nuovo quella montagna infestata da serpi e isolatori. Se ci torno questa volta passo per la strada sterrata che ci va a "sbattere" proprio davanti!
Giusta giusta per una mountain byke... 8-) :wink:

sander ha scritto:Gran bel lavoro cestò. Reportage ben fatto e quanto mai interessante.
Me lo sono letto tutto d'un fiato.
Complimenti inoltre per il gesto sportivo, effettuato tra l'altro, in tempi alquanto stretti :wink:

Grazie Sander! Beh...devo dire che in una quarantina di minuti mi sono sparato quasi 300 metri di dislivello...anche senza una condizione fisica adeguata! 8-)
In discesa praticamente ho corso, avevo difficoltà a fermarmi talmente era notevole la pendenza, se incrociavo una vipera...di sicuro l'avrei schiacciata!

pelton1989 ha scritto:Ben fatto, hai spiegato bene un'impianto complicato e misterioso, lo spirito da dighista non ti manca!! :wink: ...
Grazie grazie...lo spirito di certo non manca, al contrario del tempo...
Datemi fiducia e vedrete cosa vi combino! :-P :lol: :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda Darlazz » gio apr 21, 2011 9:30 am

cestò ha scritto:Se per la vipera ho pensato al Guardiano, per gli isolatori ho pensato proprio a te! Infatti è proprio per questo che l'ho fotografato!


Graaaazie, che pensiero gentile ... quello lì in vetro scuro é carino, storico,
sembra anche grandicello dalla foto, io ho suo cugino più piccolo risalente a grandi linee a metà del '900.

Solo ora che ho visto i video, interessante la cosidetta vasca di carico ... sembra che sotto a quel grande coperchio per terra davanti alla galleria possa esserci un pozzo che scende, confermi?

PS anche in Veneto Sirti é presente, mi ripara la linea telefonica quando la Telecom non ha possibilità, non so se sia un'omonima.
Avatar utente
Darlazz
Geometra
 
Messaggi: 713
Iscritto il: mar ago 11, 2009 9:23 pm
Località: Vicenza - Veneto

Messaggioda cestò » gio apr 21, 2011 10:06 am

Darlazz ha scritto:...Solo ora che ho visto i video, interessante la cosidetta vasca di carico ... sembra che sotto a quel grande coperchio per terra davanti alla galleria possa esserci un pozzo che scende, confermi?

Quello che si vede in basso non è un coperchio ma una griglia zincata. Di sicuro lì sotto c'è un pozzo che va a collegarsi con la condotta che si dirige verso la valvola. Mi sembra che abbia proprio le sembianze di una vasca di espansione, però ci sarebbe sempre un dubbio: perchè quella galleria che mi sembrava anche essere lunga, infatti si perdeva nell'oscurità e non si vedeva la fine? :-?
E poi, se quella che viene dal lago è una galleria, ci dovrebbe essere una qualche opera che funga da "cucitura" tra i due sistemi di trasporto dell'acqua in pressione. Possibile che ci sia un'altra camera dopo quella della valvola dove la galleria in pressione va a congiungersi con la condotta prima della valvola? :-? :-?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda ad » gio apr 21, 2011 10:45 am

Oppsss....non avevo visto il video....
Molto interessante la visione d'insieme dell'argano.
A prima vista non sembra completo in quanto dal fotogramma non vedo tutto il sistema di demoltiplica.Probabilemente quelle ruote dentate che giacciono a terra facevano parte del sistema dell'argano che è stato messo fuori uso.
Se ci andrai ancora, mi piacerebbe che mi facessi alcune fotografie dettagliate.Soprattutto se riesci a trovare la targa del costruttore.
Grazie e ti rinnovo i miei complimenti per l'impresa.
ad
Muratore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: gio nov 06, 2008 10:00 am
Località: Iseo (Brescia)

Messaggioda cestò » gio apr 21, 2011 12:22 pm

ad ha scritto:Oppsss....non avevo visto il video....
Molto interessante la visione d'insieme dell'argano......
Gli ingranaggi per la demoltiplica mi sembravano che fossero proprio quelle ruote dentate sparse lì per terra. Questo strano oggetto poi:
Immagine ...mi sembra che sia servito proprio come "telaio" per gli ingranaggi.
Quando torno vedrò di fotografare più attentamente quella parte :wink:


Darlazz ha scritto:...1-Impressionante la perdita dalla condotta ... mai visto :shock: ...
Non so se ti riferisci a questa:
Immagine
Se è questa sappi che c'è anche un VIDEO :wink:
Anche se ora, come ho già accennato prima, si trova in tutt'altra condizione:

Immagine
L'acqua che si vede in basso a destra percola da qualche altra parte... :roll:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda ad » gio apr 21, 2011 1:54 pm

Decisamente si tratta della cassa del riduttore dell'argano.
Riguardando il filmato si vede che manca proprio sia la cassa che il motore elettrico.Vedendo il diametro del tamburo mi domando quanti Kw servivano per muovere l'argano.

Come mi piacerebbe fare il piccolo meccanico a riassemblare quel giocatollino!
ad
Muratore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: gio nov 06, 2008 10:00 am
Località: Iseo (Brescia)

Messaggioda sander » gio apr 21, 2011 1:59 pm

In riferimento a questa immagine:

cestò ha scritto:Immagine

notevole il contrappeso che si vede in alto a dx. Dovrebbe servire per la chiusura di emergenza della valvola a farfalla in caso di avaria della manovra oleodinamica.
Sarebbe interessante scoprire su cosa va a lavorare lo spezzone di cavo che scende dalla puleggia di rinvio :roll:
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1704
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Messaggioda cestò » gio apr 21, 2011 3:00 pm

ad ha scritto:Come mi piacerebbe fare il piccolo meccanico a riassemblare quel giocatollino!
Diciamo che un pensierino ce l'ho fatto anch'io :wink:...però sarebbe stato prima opportuno dare prima una bella ripulita dappertutto. Non so se è stato per l'incontro con la vipera ma...sinceramente quel luogo mi da come l'impressione che sia infestato da questi...non molto simpatici animaletti... :roll:

sander ha scritto:In riferimento a questa immagine:
cestò ha scritto:Immagine

notevole il contrappeso che si vede in alto a dx. Dovrebbe servire per la chiusura di emergenza della valvola a farfalla in caso di avaria della manovra oleodinamica.
Sarebbe interessante scoprire su cosa va a lavorare lo spezzone di cavo che scende dalla puleggia di rinvio :roll:
Qui si dovrebbe vedere meglio:

Immagine Immagine
(Le foto le ho scattate infilando il braccio attraverso il cancelletto, chiuso. Più di così non potevo fare...)

Mi sembra che sia proprio come dici tu Sander, una seconda farfalla. Tra l'altro con la possibilità di by-passarla, mediante quel tubo di sezione minore che si trova sulla sinistra, col pistoncino che va ad agire su di una valvola credo a ghigliottina.
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda vicio74 » gio apr 21, 2011 9:47 pm

Davvero bravo Cestò....davvero bravo!! Ho ripreso stasera a leggere questo tuo interessante Report,e devo dire che è davvero coinvolgente, e ben fatto...con ottime spiegazioni foto, e video.

Per la vipera che dire.....mi viene da pensare che ormai ci hai fatto l'abbonamento...non riesci proprio a farne a meno...vero? :-D :-D

Non mi dire che hai fatto l'escursione con le scarpette da ginnastica....se non ho visto male....un professionista come te, oramai, deve assolutamente tutelarsi, e usare quelle da trekking....guarda che se ti fai male poi, e non mi vieni ai percorsi, ti vengo a prendere con la forza a Colleferro!! :-D :-D

Scherzi a parte.....ottimo servizio, e belle foto...specialmente l'ultima panoramica. :wink:
Su quella parete ancora nascosta,la frana e' ormai una massa inerte in movimento....da ore e' iniziata la fine.
(M. Passi)
Avatar utente
vicio74
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1244
Iscritto il: lun set 24, 2007 11:14 pm
Località: Longiano (FC)

Messaggioda cestò » lun mag 16, 2011 10:06 am

Grazie tante caro Vicio! Fa' un certo effetto andare da solo dopo tante escursioni piacevolmente vissute con te! :wink:
Per la vipera...hai ragione...mi capita abbastanza spesso di vederne. Meno male che questa era piccolina...
vicio74 ha scritto:Non mi dire che hai fatto l'escursione con le scarpette da ginnastica....

Proprio così, ho fatto quell'escursione con le scarpe da ginnastica, però sono già collaudate visto che si sono comportate egregiamente nell'edizione dei PDM del 2009. I miei scarponi da trekking, per il momento, possono vantarsi di aver calpestato solo la terra del Vajont... :!: :wink:


Dopo avervi parlato della condotta forzata, continuo facendo un piccolo passo indietro...fino al canale di adduzione artificiale del lago.

Poco tempo fa avevo scritto questo:
cestò ha scritto:Il canale artificiale di adduzione in sponda sx, ossia questo:
Immagine (Foto della scorsa estate)
...intercetta le acque provenienti dalla centrale elettrica di Guarcino, che sta poco distante...

...ed infatti è proprio così!
Allora però ancora non conoscevo il punto esatto dove viene captata l'acqua che adduce a Canterno ma, grazie ad un sopralluogo fulmineo (dopo aver visto l'arrivo del Giro a Fiuggi, poco distante), posso dire finalmente...L'HO BECCATO!!! 8-)

Proprio dove ho messo il puntatore, ossia QUI c'è una presa, questa:
Immagine

...che intercetta le acque, fresche e limpide tanto da essere utilizzate anche per scopi potabili, del torrente Cosa e, grazie ad un piccolo sbarramento, questo:
Immagine

...dopo un percorso di 6.818 m (centimetro più, centimetro meno), il canale in galleria, ovviamente a pelo libero, raggiunge il lago di Canterno, come si vede da questa immagine:
Immagine

Questa è la presa vista posteriormente:
Immagine Quella che si vede sullo sfondo è la centrale di Guarcino.

Altra immagine più allargata del piccolo bacino:
Immagine Notare la fitta vegetazione a valle dello sbarramento.

Per chiudere aggiungo una bella immagine aerea prelevata da Panoramio
Immagine
Da questa foto si nota che il lago è originato da una depressione carsica.
Il suo affluente naturale si trova alla sua destra. Quello artificiale, ossia la parte terminale del canale che vi ho descritto pocanzi si immette lungo la sponda inferiore, sulla destra di quell'isolotto in basso. Infatti si nota una struttura rettilinea che in prossimità del lago fuoriesce dal terreno.

E con questo, un altro tassello è stato aggiunto 8-) :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Messaggioda Il guardiano della diga » lun mag 16, 2011 11:28 am

Interessante. Bravo!
Sai che c'è anche qui in Friuli un torrente Cosa utilizzato per scopi idroelettrici? Infatti esso è stato sbarrato con la diga del Tul:

Guarda
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Messaggioda pelton1989 » lun mag 16, 2011 9:37 pm

cestò ha scritto:E con questo, un altro tassello è stato aggiunto 8-) :wink:


ben detto! aggiungo anche i miei complimenti al tuo reportage! :wink:
Avatar utente
pelton1989
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1351
Iscritto il: dom nov 01, 2009 10:12 pm

Messaggioda sander » mar mag 17, 2011 9:21 pm

Bel lavoro cestò. Noto con piacere che questo impianto ti sta appassionando non poco.
Non conoscendo assolutamente i posti di cui racconti, mi serve un po' di di tempo per orientarmi un minimo.
Belle ed interessanti le opere. Ancora complimenti
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1704
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

PrecedenteProssimo

Torna a Centro: Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron