Canterno

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali della Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise

Re: Canterno

Messaggioda cestò » mer dic 07, 2011 11:18 pm

Vi ringrazio davvero tanto. I vostri apprezzamenti non fanno che accendermi ancora di più questa passione! :wink:
Non potete immaginare quanto mi faccia felice il solo fatto che abbiate letto il mio primo articolo!

Articolo che...purtroppo...forse...ha già bisogno di qualche errata corrige! :shock:
Già, proprio così. Diciamo che non mi sono fermato dopo il mio ultimo sopralluogo nel lago, infatti ci sono tornato proprio il primo giorno di dicembre dopo aver visto un'immagine postata nell'altrettanto mitico forum dei Monti Ernici e che mi ha fatto venire un forte dubbio (diciamo una certezza) su ciò che avevo saputo in merito alla torretta e a quell'opera in cls davanti ad essa.
Siccome che in questo periodo il lago si trova ad attraversare quella che sembra essere la peggior carenza d'acqua di sempre, dovuta alle scarse precipitazioni che hanno causato prima la chiusura della derivazione da Guarcino e poi il fuori servizio della centrale di Ferentino addirittura da maggio scorso, l'allarmante diminuzione di livello ha portato alla luce quasi l'intera opera di cui sopra.

Tempo fa quest'opera potevo vederla così:
Immagine

Quella che, semi-sommersa, all'inizio di questo topic avevo ipoteticamente definita "opera di presa", alla fine si è rivelata quasi per intero al mio occhio dighico.
Vi allego le foto:

Immagine Immagine

Allora? E' o non è una presa??? :-o
Io direi proprio di si!

Questo quindi mi fa pensare ad un più logico funzionamento dell'impianto: attorno all'inghiottito c'è la torretta che funge da regolatore del bacino tramite, forse, delle paratoie poste alla sua base e permette lo sfioro in caso di piena, sfioro che può essere drenato tramite l'inghiottitoio stesso. Davanti la torretta c'è l'opera di presa, caratterizzata dalla classica griglia inclinata, che preleva l'acqua dal bacino e la convoglia verso la condotta forzata.
Così mi sembra più logico.

Vi ricordate la discussione in merito a questo grosso tubo che scende dalla torretta?:
Immagine
Il guardiano della diga ha scritto:
Darlazz ha scritto:Che posto strano cestò, veramente interessante come anche la sua storia!! :-D :-D

Quindi quella torre é l'organo di manovra dello scarico naturale ... incredibile! :shock:
Se notate é presente un aeroforo, parlo di quel tubo che risale la torre.
Potrebbe avere anche la funzione di sfioratore ma dovrebbe avere sulla sommità il classico calice ... :roll:


Giusta osservazione Darlazz, se non vi sono ingressi d'aria da altre parti quello potrebbe essere un aeroforo. Bisognerebbe però capire cosa c'è sotto la saracinesca o la paratoia, se è presente una vera e propria condotta, se un pozzo, ecc. Sarebbe interessante capire cosa ha fatto l'ENEL per trasformare un inghiottitoio naturale nello scarico di 'esaurimento' del bacino.


Questa triste situazione del lago ha permesso di cogliere dei particolari che sicuramente hanno contribuito a comprendere meglio il funzionamento dell'impianto. Particolari impossibili da individuare con il livello ad una certa quota.

Tipo questo:
Immagine :shock:
Mmmh...un galleggiante... :wink:
Sulla sommità di quel tubo ricordo che c'è questo bel cassettone zincato:

Immagine

A presto con nuove foto su Canterno...
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Canterno

Messaggioda Macchia » ven dic 09, 2011 3:05 am

Questo impianto si dimostra sempre più singolare, continua ad aggiornarci.
Avatar utente
Macchia
Contadino
 
Messaggi: 84
Iscritto il: lun ago 22, 2011 10:51 am
Località: Parma

Re: Canterno

Messaggioda Darlazz » ven dic 09, 2011 11:43 am

cestò ha scritto:Questo quindi mi fa pensare ad un più logico funzionamento dell'impianto: attorno all'inghiottito c'è la torretta che funge da regolatore del bacino tramite, forse, delle paratoie poste alla sua base e permette lo sfioro in caso di piena, sfioro che può essere drenato tramite l'inghiottitoio stesso. Davanti la torretta c'è l'opera di presa, caratterizzata dalla classica griglia inclinata, che preleva l'acqua dal bacino e la convoglia verso la condotta forzata.
Così mi sembra più logico.


Ragionamento legittimo ... ho pensato anch'io alla stessa cosa.
Il fatto é che riempire un lago solo per arrivare alla quota della presa mi sembra un po' poco conveniente. :roll:

A questo punto dovresri tenere d'occhio i livelli e vedere se quando la presa é all'asciutto
la centrale é sempre ferma ... non molto semplice! :lol:
Avatar utente
Darlazz
Geometra
 
Messaggi: 713
Iscritto il: mar ago 11, 2009 9:23 pm
Località: Vicenza - Veneto

Re: Canterno

Messaggioda Il guardiano della diga » mar dic 13, 2011 12:57 pm

A vederlo così, in tutta la sua bellezza, si può affermare che il tubone con galleggiante altro non è che un idrometro. :wink:
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: Canterno

Messaggioda cestò » sab feb 04, 2012 5:30 pm

Sono stato autorizzato a pubblicare alcune foto presenti sul forum di www.montiernici.it riguardanti il lago di Canterno in un periodo in cui il suo livello era quasi al massimo.

Immagine

Immagine

Nella foto qui sopra si può vedere, nell'angolo in basso a destra, la torretta di sfioro che resta fuori dall'acqua soltanto nel suo tratto terminale.


Immagine

In quest'altra foto invece si può vedere la zona completamente allagata della stazione di pompaggio, normalmente è all'asciutto eccetto all'interno dei canali di scolo. La stazione si intravede dietro il ramo che sta a centro foto, poco più sopra il laghetto.

L'anno era il 2009 e come potete vedere dalle bellissime foto scattate dall'alto di un monte, il lago raggiunge una grandezza ragguardevole. Speriamo un giorno di rivederlo in queste belle condizioni!

Ringrazio Enrico per questa gentile e graditissima concessione ed ovviamente Armando che è l'autore delle splendide foto! :-D
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Canterno

Messaggioda Il guardiano della diga » sab feb 04, 2012 6:18 pm

Belle foto! Ringrazio anche gli autori per la concessione.
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: Canterno

Messaggioda maxxx » sab feb 04, 2012 8:14 pm

... bello!
Particolare il lago e tutte le opere idrauliche a esso annesse!

Bravo, cestò!

Vorrei vedere questi posti dal vivo!
Magari mi organizzo per un giro in vespa, una delle prossime estati... ;-)
Avatar utente
maxxx
Montanaro
 
Messaggi: 215
Iscritto il: dom ago 08, 2010 1:41 pm
Località: Marostica (VI)

Re: Canterno

Messaggioda cestò » ven feb 10, 2012 6:09 pm

maxxx ha scritto:... bello!
Particolare il lago e tutte le opere idrauliche a esso annesse!
Bravo, cestò!
Vorrei vedere questi posti dal vivo!
Magari mi organizzo per un giro in vespa, una delle prossime estati... ;-)

Grazie Maxxx...troppo gentile davvero! :-o
Devo dire che il posto è molto particolare, spero però che, qualora venissi da queste parti, tu non rimanga deluso, visto che nelle tue zone i posti splendidi non mancano di certo. Comunque... se proprio dovessi perderti e per sbaglio dovessi raggiungere questa modesta oasi....la cosa non potrebbe che farmi piacere!
Ovviamente pranzetto in riva al lago a base di cucina tipica ciociara e vinello cesanese... :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Canterno

Messaggioda Cisky79 » ven feb 10, 2012 7:41 pm

Sorry per l'ignoranza, Cestò.. mi spieghi il collegamento tra la stazione di pompaggio allagata e il lago a massima altezza??
Quindi... la centrale non riusciva + a pompare acqua nel lago?? O altro?
ciò che è bene è bene, ciò che è male.........a volte è bene!!
Avatar utente
Cisky79
Rabdomante delle dighe
 
Messaggi: 2336
Iscritto il: ven gen 27, 2006 8:14 pm
Località: Brianza

Re: Canterno

Messaggioda cestò » lun feb 13, 2012 2:58 pm

Cisky79 ha scritto:Sorry per l'ignoranza, Cestò.. mi spieghi il collegamento tra la stazione di pompaggio allagata e il lago a massima altezza??
Quindi... la centrale non riusciva + a pompare acqua nel lago?? O altro?

Nessun problema Cisky, ora cerco di spiegare meglio questa parte...

Allora, la zona allagata con vicino la stazione di pompaggio si trova ad una quota inferiore rispetto il lago, infatti si trova approssimativamente a Q 535, mentre il lago alla sua massima quota dovrebbe attestarsi intorno ai 548m slm. Per far sì che l'acqua piovana accumulatasi in questa depressione raggiunga il lago, la stazione di pompaggio spinge quest'acqua direttamente nel canale artificiale di Guarcino (questa però è una mia ipotesi non avendo trovato nessun dato ufficiale che me lo confermasse) e quindi giungerebbe nel lago attraverso lo sbocco con scivolo.

Ora però non saprei dire il motivo per il quale in quella zona si sia accumulata tutta quell'acqua. Forse perché le pompe le mettono in funzione solo di notte per ovvi motivi economici e tecnici o...forse per tenere il livello del lago sotto controllo onde evitare una possibile esondazione visto che il bacino non possiede un vero e proprio scarico di superficie ma solo il vecchio inghiottitoio.
Per l'occasione ho realizzato un nuovo schema sulla base di una immagine satellitare, questa mi sembra molto più chiara rispetto alla prima:

Immagine

In marrone ho evidenziato le varie canalizzazioni costituite da semplici grossi solchi nel terreno privi di opere murarie, tranne che nell'ultimo tratto, quello a ridosso della stazione di pompaggio, realizzato in muratura.
In arancione ho indicato tutte le direzioni dei vari corsi d'acqua. In grigio è il canale Guarcino-Canterno. Dalla stazione di pompaggio (indicata in rosso) partono uno o due tubi, credo da 20 cm di diametro, che raggiungono il canale di Guarcino in un punto a me sconosciuto.
La parte allagata che si vede nella precedente fotografia, nello schema corrisponde alla zona di raccolta che sta più a destra nello schema, ossia subito sotto la stazione di pompaggio.
Scusate per la scarsa chiarezza delle frecce arancioni, in fase di sviluppo si vedevano molto meglio :-(

Spero di aver illustrato in modo efficace questa parte dell'impianto...
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Canterno

Messaggioda cestò » mer feb 22, 2012 6:58 pm

Non so se vi interessa...proprio ieri mi sono recato a Canterno per poter vedere questo luogo in una veste inconsueta:

Immagine Immagine Immagine


Poi, ovviamente, ho pensato di aggiornarmi sul livello che, a fatica, sta aumentando un poco per volta:

Immagine

...anche perché da Guarcino finalmente affluisce acqua:

Immagine

Tornando alla macchina mi sono soffermato a fotografare un lato della torretta che non avevo mai visto, ossia quello del lato est:

Immagine Da questa foto si evince che la struttura versa in pessimo stato ed è in evidente stato di abbandono. Lasciata in balìa del continuo dilavamento delle acque e dei vari fenomeni atmosferici senza le dovute cure, porta tutti i segni della sua lunga ed onorata carriera. Si nota poi la presenza, anche su questo lato, della scala metrica utile a misurare il livello del lago rispetto il livello del mare. Da sottolineare il fatto che questa scala graduata, realizzata con della semplice vernice, sia consumata soprattutto nella parte centrale, mentre nella parte superiore è ancora integra. Questo lascia intendere che il livello del lago si sia come stabilizzato intorno a metà torretta (+/- 543m slm) e che, tranne per alcune eccezioni, non abbia quasi mai raggiunto i livelli più elevati.
Quest'ultima foto evidenzia il particolare della quota 543:

Immagine


Per raggiungere il punto adiacente la torretta ho dovuto lasciare la macchina e proseguire a piedi nella neve per alcune centinaia di metri, è stata una faticaccia ma ne è valsa la pena, non vi pare?? :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Canterno

Messaggioda Il guardiano della diga » mer feb 22, 2012 10:31 pm

Direi di si :wink: .
Questo scenario innevato è inconsueto e veramente molto bello!
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
 
Messaggi: 10228
Iscritto il: mar gen 10, 2006 6:44 pm
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)

Re: Canterno

Messaggioda sander » gio feb 23, 2012 8:29 pm

cestò ha scritto:Non so se vi interessa...proprio ieri mi sono recato a Canterno per poter vedere questo luogo in una veste inconsueta:
Immagine

Veramente bella questa immagine dai notevoli contrasti. Neve al suolo e nuvole temporalesche in cielo.
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1706
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Re: Canterno

Messaggioda phante » mar mar 13, 2012 10:32 am

Bella questa versione invernale!
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5039
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Re: Canterno

Messaggioda cestò » mer mar 14, 2012 12:16 pm

Grazie ragazzi! Condivido, questo scenario era particolarmente bello, mi dispiace solo non esserci andato qualche giorno prima e vedere il lago completamente bianco... :-(
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Canterno

Messaggioda cestò » dom apr 15, 2012 10:39 pm

Leggere un libro sui luoghi misteriosi del Lazio e notare che vi è un articolo anche su Canterno...
Viene chiamato addirittura "lago fantasma", ma pensa te! :shock:
Ormai, dopo averlo studiato ben bene, non ha più niente da nascondere, almeno per me. Però, a quanto pare, per i più è circondato sempre da quell'alone che lo rende particolare e misterioso...

Ecco di seguito l'articolo:

"A pochi chilometri da Fiuggi, e dal suo turismo rumoroso ed invadente, sorge un luogo appartato e silenzioso, dal fascino straordinario, nonostante la vicinanza a trafficate strade provinciali. Compreso tra i territori comunali di Fiuggi, Fumone, Ferentino ed Alatri, il lago di Canterno è un bacino carsico di discrete dimensioni con una profondità compresa tra i 13 e i 25 metri. Ha una forma allungata, mossa da promontori ed isolette.
L'epoca della formazione di questo lago, dall'atmosfera struggente e malinconica, è tuttora poco chiara. Infatti, malgrado se ne faccia menzione in documenti risalenti addirittura al XVIII secolo, la sua formazione è fatta comunemente risalire ai primi decenni dell'Ottocento, quando le acque inondarono l'ampia conca si cui esso oggi giace, prima occupata da campi coltivati interrotti soltanto da stagni periodici e da un profondo fosso sfociante in un inghiottitoio (il "Pertuso"). Nel 1821 l'abisso d'un tratto si ostruì completamente, dando così inizio al veloce processo di riempimento della valletta, che si compì nell'arco di pochi giorni con grande pena di molti coltivatori e con soddisfazione di altri, a cui non spiacque trasformarsi repentinamente in pescatori.

Il meccanismo che aveva portato all'origine del lago, tuttavia, si rivelò presto come la causa diretta di una caratteristica davvero insolita del bacino, che gli fece meritare l'appellativo di "lago fantasma". Il lago divenne infatti protagonista di un singolare fenomeno di "instabilità", legato al periodico svuotamento e riempimento del "Pertuso", causati rispettivamente dalla disgregazione o dall'accumulo di materiale ligneo e detritico al suo imbocco. A intervalli irregolari, il lago si seccava parzialmente o per intero, per poi riapparire, spesso improvvisamente, nella sua primitiva ampiezza, e la fase di prosciugamento non si presentava sempre con lo stesso effetto: essa poteva durare vari mesi (1913 e 1914), qualche giorno (1882 e 1894) o addirittura molti anni (dal 1894 al 1943). Un fenomeno, quello della periodicità del lago, che si protrasse in maniera eloquente e spettacolare per 12 volte fino al 1923, ma che fu definitivamente ridimensionato nel 1945, dopo circa 20 anni di secca, con l'ostruzione artificiale dell'inghiottitoio e con la realizzazione di una piccola centrale idroelettrica. Nel 1943, intanto, era stato possibile effettuare la prima esplorazione del "Pertuso", e si era scoperto che esso comunicava con una grotta sotterranea, una delle tante cavità carsiche della zona (come quelle, ad esempio, di Cornianano, Colle Barazzo, Bocca di Muro, Fracidale ecc...). Si comprese solo allora, peraltro, ove si rifugiassero i pesci durante i periodi d'abbandono delle acque, fatto che fino a quel momento era rimasto inspiegabile.

Sebbene si cerchi di regolare il volume del bacino, la sua naturale peculiarità di essere instabile non è scomparsa del tutto. Si manifesta anzi anche più costantemente, benché in maniera senza dubbio meno rispetto al passato. Il lago, infatti, è ancor oggi oggetto di repentini mutamenti del livello delle acque, osservabili anche nel giro di pochi anni. Testimone assai suggestivo di questi cambiamenti è un alberello solitario che si erge delle acque ad una quarantina di metri dalla costa rivolta a Fiuggi, presso l'imbocco del Fosso del Diluvio: nei periodi di piena, come l'attuale, esso appare quasi sommerso dalle acque e viceversa in quelle di secca ne fuoriesce interamente, situazione osservabile fino a nemmeno un anno fa.

Ma a ben vedere, l'attrazione esercitata dal lago sul viaggiatore dai gusti romantici non si esaurisce in questa sua curiosa prerogativa. Pochi luoghi come Canterno sanno regalare pure sensazioni d'incanto. Meraviglioso ed indimenticabile è in particolare l'affaccio ad Est verso i Monti Ernici, con in primo piano le due nobili vette rocciose della Monna e della Rotonaria, che in inverno si specchiano innevate sulle acque azzurre del lago, mostrandosi al tramonto tinte di rosso, porpora o viola. Anche l'ambiente circostante, contraddistinto da prati verdissimi e colline ora brulle ora boscose, fa di questo "lago fantasma" uno scorcio magico di Ciociaria, che, per l'effetto coreografico complessivo, è stato paragonato ai ben più celebri laghi scozzesi, come quello di Lochness. E, dall'alto di un colle, dominano poi questo paesaggio d'epica bellezza le tetre rovine medievali di Porciano Vecchio, testimonianza del glorioso passato di queste lande."


Tratto da libro "Lazio - I luoghi del mistero e dell'insolito" di Daniela Coriglia e Luca Bellincioni. Edito da Eremon Edizioni.
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Canterno

Messaggioda Darlazz » lun apr 16, 2012 5:45 pm

cestò ha scritto:Nel 1943, intanto, era stato possibile effettuare la prima esplorazione del "Pertuso", e si era scoperto che esso comunicava con una grotta sotterranea, una delle tante cavità carsiche della zona (come quelle, ad esempio, di Cornianano, Colle Barazzo, Bocca di Muro, Fracidale ecc...). Si comprese solo allora, peraltro, ove si rifugiassero i pesci durante i periodi d'abbandono delle acque, fatto che fino a quel momento era rimasto inspiegabile.


Pazzesco, che bella storia! :-D

Comunque la centrale di Canterno io non la definirei "piccola" come é scritto nel libro.
Avatar utente
Darlazz
Geometra
 
Messaggi: 713
Iscritto il: mar ago 11, 2009 9:23 pm
Località: Vicenza - Veneto

Re: Canterno

Messaggioda cestò » lun apr 16, 2012 6:18 pm

Altre preziose informazioni che ho voluto aggiungere su questa mia ricerca. Alcune cose non le sapevo, come ad esempio la sequenza con tanto di date dei vari invasi e svasi naturali. Si è rivelato davvero molto utile leggere questo libro...acquisto più che azzeccato!

Darlazz ha scritto:Comunque la centrale di Canterno io non la definirei "piccola" come é scritto nel libro.

Anch'io, comunque è solo un dettaglio trascurabile...e perdonabile.
Anche se la producibilità non sia elevata per via della carenza d'acqua, tira fuori pur sempre i suoi 12 MW nei momenti di maggior bisogno.

A proposito di carenza d'acqua...ormai è da maggio della scorso anno che la centrale è ferma. A dire il vero è un po' che non vado a controllare di persona, però non credo che sia stata rimessa in funzione. La crisi idrica sì è fatta sentire parecchio e le cose non sono migliorate ultimamente, nonostante le copiose nevicate dello scorso febbraio e le timide piogge di questi giorni.
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re:

Messaggioda Rettosa » mar lug 31, 2012 2:18 pm

[quote="Rettosa"]si effettivamente le dimensioni sono molto piccole...comunquer bellissime le foto "turistiche" che hai fatto!!!Io ne avevo fatte alcune andando in vacanza e pubblicate su peró non sono cosí bravo come te!!! :-D complimeti davvero
Avatar utente
Rettosa
Comunista
 
Messaggi: 15
Iscritto il: mer lug 06, 2011 11:09 am

Re: Re:

Messaggioda cestò » mar lug 31, 2012 4:26 pm

Rettosa ha scritto:
Rettosa ha scritto:si effettivamente le dimensioni sono molto piccole...comunquer bellissime le foto "turistiche" che hai fatto!!!Io ne avevo fatte alcune andando in vacanza e pubblicate su peró non sono cosí bravo come te!!! :-D complimeti davvero

Grazie Rettosa per i graditi complimenti, anche se poi, a dire il vero, non è che sia proprio così bravo... :roll:
Quali sono le foto che hai fatto tu?
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6263
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

PrecedenteProssimo

Torna a Centro: Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite