Diga di Vinchiana, di Turrite Cava & Trombacco

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali della Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise
Avatar utente
Il guardiano della diga
Colui che è andato oltre all'immaginabile dello scibile dighico
Messaggi: 10220
Iscritto il: 10 gen 2006, 17:44
Località: Adegliacco-UD (Casas in Adelliaco, 762 d.C.)
Contatta:

Messaggio da Il guardiano della diga »

Bella vecchiotta il Trombacco, ma se li porta davvero bene i suoi anni!
Vivo la mia vita un quarto di diga alla volta,
e in mezzo a quei conci...mi sento libero!

LEDRARULE

Cence memorie nol è futûr...

LA FORZA DELL'ACQUA,
GOVERNATA DALL'UOMO
CREA LUCE E VITA
Avatar utente
matteo51
Contadino
Messaggi: 65
Iscritto il: 25 feb 2010, 18:55
Località: Pistoia
Contatta:

Messaggio da matteo51 »

ma la diga di Trombacco, è quella che crea il lago di Isola Santa ??
"Il più grande alpinista al mondo è colui che si diverte di più." (A. Lowe)
Avatar utente
Joey
Geometra
Messaggi: 893
Iscritto il: 02 ott 2009, 09:11
Località: Carrara
Contatta:

Messaggio da Joey »

matteo51 ha scritto:ma la diga di Trombacco, è quella che crea il lago di Isola Santa ??
No....quella di Isola Santa è questa:
Immagine
:wink:
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
matteo51
Contadino
Messaggi: 65
Iscritto il: 25 feb 2010, 18:55
Località: Pistoia
Contatta:

Messaggio da matteo51 »

si, la riconosco, è vero, sopra lo sbarramento mi ricordo che ci passa il sentiero cha sale al Rifugio del Freo....ma allora quella di Trombacco qual'è??????
"Il più grande alpinista al mondo è colui che si diverte di più." (A. Lowe)
Avatar utente
Joey
Geometra
Messaggi: 893
Iscritto il: 02 ott 2009, 09:11
Località: Carrara
Contatta:

Messaggio da Joey »

La diga di Trombacco, si trova più a Sud-Est di Isola Santa, vicino a Vergemoli. :wink:
A monte di Gallicano, insomma.... :roll: :wink:
Se non hai capito, consulta la mappa dello Sky:
http://www.progettodighe.it/skydam/inde ... eritoscana
"Dopo tanti lavori fortunati e tante costruzioni, anche imponenti, mi trovo veramente di fronte ad una cosa che per le sue dimensioni mi sembra sfuggire dalle nostre mani..."

Carlo Semenza, lettera all'Ing. Vincenzo Ferniani
Avatar utente
Darlazz
Geometra
Messaggi: 713
Iscritto il: 11 ago 2009, 21:23
Località: Vicenza - Veneto

Messaggio da Darlazz »

cestò ha scritto:
phante ha scritto:...La mia idea quindi è che la forma a chiocciola serva soprattutto a dissipare l'impatto frontale dell'acqua che esce dallo scarico con la parete in fondo. Poi la parte finale della "chiocciola" invita amche il flusso a "cadere" dentro la condotta ma questo è un'effetto secondario...
Potrebbe anche essere...
Infatti, se ci si fa caso, lo scivolo che convoglia l'acqua nello scarico è molto corto. Questo era una caratteristica che avevo notato appena ho visto la foto ma allora non riuscivo ancora a dare una spiegazione plausibile come invece ha fatto Phante
(beh...la classe non è...acqua... :wink:).
Forse non si poteva realizzare uno scivolo più lungo, quindi con un grado di inclinazione minore, per motivi di spazio e l'unico modo era realizzarlo più corto ma con una adeguata conformazione che rallentasse il flusso in uscita dalla paratia nel modo più efficace possibile...ossia con una chiocciola. Poi era inevitabile posizionare l'imbocco del pozzo in modo che l'acqua vi venisse "invitata".
Il fatto che questo sistema blocchi dei tronchi d'albero non è da mettere in dubbio, anche se lo vedo come una conseguenza...
Mi devo arrendere all'evidenza :cry: il vortice non é l'obiettivo principale ma é una conseguenza come dite voi ... probabilmente uno scarico tradizionale avrebbe dei problemi con la pendenza e il poco spazio. Metto via le mie idee, grazie per le risposte! :-)

Resta il fatto che quando potrò voglio realizzare due modellini per vedere la differenza tra la chiocciola e uno scarico convenzionale, ovviamente nella sezione tecnica, intanto ringrazio il preparatissimo e brillante Joey per lo spunto di discussione, leggo sempre con entusiasmo i tuoi documentari dighici! :wink:
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
Messaggi: 6251
Iscritto il: 29 set 2009, 09:23
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...
Contatta:

Messaggio da cestò »

Darlazz ha scritto:...voglio realizzare due modellini per vedere la differenza tra la chiocciola e uno scarico convenzionale...
Wow...un altro modellino!!! :shock: la cosa sta diventando sempre più interessante!!!
Aspetto con impazienza il tuo modellino Darlazz!!! :wink:
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Suomi

Messaggio da Suomi »

Mi piace quella costruzione a forma di chiocciola..Sono curiosa di vedere cosa riesci a fare Darlazz :-D :wink:
Avatar utente
Darlazz
Geometra
Messaggi: 713
Iscritto il: 11 ago 2009, 21:23
Località: Vicenza - Veneto

Messaggio da Darlazz »

.... sono curioso anche io!! :lol: :lol:
basta che se ne vadano i muratori e torni in auge il mio fidato banchetto di lavoro. Il modello sarà beninteso in legno senza troppe pretese con qualche perdita o giù di lì. Presto o tardi arrivo, promesso :wink:
Avatar utente
Darlazz
Geometra
Messaggi: 713
Iscritto il: 11 ago 2009, 21:23
Località: Vicenza - Veneto

Re:

Messaggio da Darlazz »

Darlazz ha scritto:
cestò ha scritto:
phante ha scritto:...La mia idea quindi è che la forma a chiocciola serva soprattutto a dissipare l'impatto frontale dell'acqua che esce dallo scarico con la parete in fondo. Poi la parte finale della "chiocciola" invita amche il flusso a "cadere" dentro la condotta ma questo è un'effetto secondario...
Potrebbe anche essere...
Infatti, se ci si fa caso, lo scivolo che convoglia l'acqua nello scarico è molto corto. Questo era una caratteristica che avevo notato appena ho visto la foto ma allora non riuscivo ancora a dare una spiegazione plausibile come invece ha fatto Phante
(beh...la classe non è...acqua... :wink:).
Forse non si poteva realizzare uno scivolo più lungo, quindi con un grado di inclinazione minore, per motivi di spazio e l'unico modo era realizzarlo più corto ma con una adeguata conformazione che rallentasse il flusso in uscita dalla paratia nel modo più efficace possibile...ossia con una chiocciola. Poi era inevitabile posizionare l'imbocco del pozzo in modo che l'acqua vi venisse "invitata".
Il fatto che questo sistema blocchi dei tronchi d'albero non è da mettere in dubbio, anche se lo vedo come una conseguenza...
Mi devo arrendere all'evidenza :cry: il vortice non é l'obiettivo principale ma é una conseguenza come dite voi ... probabilmente uno scarico tradizionale avrebbe dei problemi con la pendenza e il poco spazio. Metto via le mie idee, grazie per le risposte! :-)

Resta il fatto che quando potrò voglio realizzare due modellini per vedere la differenza tra la chiocciola e uno scarico convenzionale, ovviamente nella sezione tecnica, intanto ringrazio il preparatissimo e brillante Joey per lo spunto di discussione, leggo sempre con entusiasmo i tuoi documentari dighici! :wink:
Rieccomi qui dopo anni! :oops: :oops:
e solamente per merito di Cisky che QUI ... http://www.progettodighe.it/forum/viewt ... 722#p50722 ha postato un documento risolutore e che ringrazio! :wink:

Cito:
"2.2.2.2 Scaricatori a pozzo.
In alcuni casi il condotto di scarico è un pozzo ad asse verticale e le opere di imbocco
assumono conformazioni particolari, a seconda che siano ricavate sulla sponda del lago o
interamente circondate dalle acque. Fra i manufatti d’imbocco situati sulle sponde,
notevole è quello a vortice: grazie al movimento vorticale impresso dalla forma a spirale
dell’imbocco si realizza una corrente d’acqua aderente alle pareti del pozzo, cosicché
rimane libero uno spazio centrale imbutiforme, che consente l’aerazione della corrente ed
evita irregolarità.
"

Nel frattempo ho fatto qualche esperimento ma nessuno mi ha dato soddisfazione, é molto difficile riprodurre un modellino di questo scarico perché le altezze e le dimensioni influenzano pesantemente il moto del vortice, ho costruito la chiocciola seguendo la spirale aurea :-) ma é in grado di scaricare una portata molto limitata con l'altezza del pozzo di 50cm. Comunque a distanza di ormai 2 anni ci sto lavorando, se riuscirò ad avere qualche dato certo lo riporterò. :-D
Rispondi