Ravedis: inizi invasi per collaudi

Dedicato alle discussioni e reportage delle dighe e centrali del Triveneto. Le discussioni sul Vajont vanno invece sulla sezione dedicata a quest'impianto.

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda Andr3A » lun ott 29, 2018 9:01 pm

visto il maltempo di questi giorni qualcuno ha notizie dalla diga ? secondo voi si arriverà a sfiorare ? ieri mi sembra sul tgr di aver visto lo scarico di fondo sinistro aperto...
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 443
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda paolog » mar ott 30, 2018 10:12 am

Secondo me no.... Se possono, fanno defluire dal fondo..... Credo che il collaudo con lo sfioro del maggio 2014 sarà un evento raro da rivedere...
Avatar utente
paolog
Dott. Ing.
 
Messaggi: 2810
Iscritto il: dom mag 13, 2007 8:50 am
Località: udine

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda Andr3A » mar ott 30, 2018 10:13 pm

dal comunicato stampa della protezione civile del 30/10/18 ore 19

Codice: Seleziona tutto
Gli scarichi delle dighe di Ponte Racli e Ravedis sono in diminuzione, alle ore 18:00 l’invaso di Ravedis sta continuando la laminazione della piena del fiume Cellina
e scarica 230.,5 mc/s mentre Ponte Racli scarica 89,7 mc/s. La portata complessiva scaricata dalle dighe di Ravedis e Ponte Racli è di 320,20mc/sin diminuzione.
La portata massima scaricata è stata di 1338,7 mc/s alle ore 23:00 di lunedì 29 Ottobre
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 443
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda Orazio » gio nov 01, 2018 11:15 am

Scusate se mi intrometto con qualche osservazione.
Con lo scarico di superficie della diga di Ravedis, non si possono laminare le piene; alla quota di massimo invaso (341,00 m s.l.m.), sono disponibili solo 2,6 milioni di mc utili, insufficienti per qualunque piena - anche ordinaria -del Cellina. Lo sfioro può funzionare solo come troppo pieno (è un organo di sicurezza per la diga); infatti è stato dimensionato per una portata massima equivalente alla piena del novembre 1966 (1950 mc/s)
La laminazione delle piene può avvenire solo utilizzando i due scarichi di fondo, la cui officiosità è affatto eccezionale per una diga: 1400 mc/s. Tra le quote di massimo invaso e degli scarichi di fondo, la diga di Ravedis dispone infatti di circa 23 milioni di mc; che tuttavia, sono appena sufficienti per laminare una piena bicentenaria.
Orazio
Comunista
 
Messaggi: 17
Iscritto il: ven giu 01, 2018 12:06 am

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda Orazio » gio nov 01, 2018 12:05 pm

Voglio essere ancora più chiaro: se durante un evento di piena si arriva a sfiorare, vuol dire che tutto il volume che era disponibile nel serbatoio è stato impegnato dalla piena affluente; da questo momento in avanti, sostanzialmente, non è più possibile moderare la piena: tutto quello che arriva viene scaricato a valle attraverso gli sfioratori che - a fronte di incrementi di quota di invaso modesti - tra le quote di sfioro 338,50 e di massimo invaso 341,00 ci sono solo 2,5 m - possono scaricare una portata massima molto grande, uguale a quella della piena del 1966. Speriamo invece di non vederla sfiorare in caso di piena.
Orazio
Comunista
 
Messaggi: 17
Iscritto il: ven giu 01, 2018 12:06 am

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda cestò » ven nov 02, 2018 10:24 am

Grazie Orazio, con queste tue utili integrazioni si riesce a comprendere meglio non solo la funzione della laminazione in generale ma anche quella della diga in questione.
GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DEL VAJONT
Saluti da Marco
Avatar utente
cestò
Il grande Vajont
 
Messaggi: 6254
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:23 am
Località: Colleferro (Rm) ...ma con l'intenzione di trasferirmi prima o poi nel Vajont...

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda Andr3A » sab gen 26, 2019 3:09 pm

immagino che il livello del lago sia al minimo in questo momento.. qualcuna ha notizie ?

Immagine
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 443
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda phante » lun feb 04, 2019 3:23 pm

In questa stagione è comunque tipicamente basso, ma devo ammettere che è un pezzo che non passo di la, soprattutto visto che adesso partendo da Treviso anche per andare su al Vajont la strada più comoda è via fadalto.
Siamo macchie d'olio pensante,
trasportate lungo corridoi d'ombra.
Da qualche parte abbiamo i corpi,
molto lontano, in una mansarda stipata
con il soffitto d'acciaio e vetro.

W.Gibson, La notte che bruciammo Chrome
Avatar utente
phante
Camminatore dei cunicoli
 
Messaggi: 5035
Iscritto il: gio giu 30, 2005 10:29 pm
Località: Treviso (TV)

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda Andr3A » ven nov 15, 2019 9:25 pm

Qualcuno sa com’è la situazione a ravedis questi giorni ? Scarichi aperti a palla ?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
progettodighe.it :)
Avatar utente
Andr3A
Perito
 
Messaggi: 443
Iscritto il: gio feb 09, 2006 10:30 pm
Località: Udine

Re: Ravedis: inizi invasi per collaudi

Messaggioda sander » dom nov 17, 2019 11:38 am

Venerdì scorso salito fino a ponte Varma. Ero lì poco prima che la strada si allagasse
Q.ta Ravedis bassa. Scarico di fondo in dx, aperto. Portata scaricata potente!
Troppa pioggia x fermarsi a fotografare
«O xein', angéllein Lakedaimonìois hoti tede
kéimetha, tois kéinon hremasi peithòmenoi»
Avatar utente
sander
Direttore di cantiere
 
Messaggi: 1716
Iscritto il: ven mag 08, 2009 7:55 pm
Località: Maniago (PN)

Precedente

Torna a Nord-est: Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite