ProgettoDighe Logo
ProgettoDighe Il punto di riferimento per gli appassionati di dighe, centrali idroelettriche e opere idrauliche.

Le centrali - Isola Serafini, Monticelli D'ongina (PC)

Logo.Jpg
Tempo di lettura 2 minuti

pubblicato in — modificato nel

La centrale di Isola Serafini al confine tra le provincie di Piacenza e Cremona è la maggiore centrale idroelettrica italiana ad acqua fluente, ed utilizza le acque del fiume Po.

  • Stato: Italia
  • Regione: Emilia Romagna
  • Provincia: Piacenza
  • Località: Monticelli D'ongina
  • Propietario: Enel Green Power
  • Condizione: In Esercizio
  • Anno di entrata in servizio: 1962
  • Potenza: 82 MW
  • Numero Turbine: 4
  • Salto Max. 11 m; Min 3,5 m.
  • Portata: 1000 m3/s
  • Tipologia macchinario: Kaplan verticale

La centrale di Isola Serafini, intitolata a Carlo Bobbio ( Architetto ) è stata costruita nel 1960 dalla Società Idroelettrica Medio Adige (SIMA) rettificando un’ansa lunga 12 km a monte della confluenza con il fiume Adda. L’impianto venne poi assorbito da ENEL nel 1962, con la nazionalizzazione del settore elettrico. La creazione del canale di scarico della centrale ha formato un'isola, Isola serafini appunto, tra l'ansa del po a valle della diga e grosso canale artificiale. Utilizza un bacino imbrifero di circa 43000 Kmq.

L'altezza del salto è creata dallo sbarramento, lungo 370 m e alto 26 che dispone di 11 paratoie piane per la regolazione del salto e della portata. La ritenuta massima dell'invaso è i 41,5 m s.l.m. Il salto può variare da 11 a 3,5 m e varia in base alla portata del fiume Po, all'aumentare della portata diminuisce il salto e viceversa. ( originariamente il salto era più basso ma è andato aumentando negli anni a causa dell'abbassamento dell'alveo del Po ).

La portata massima assorbita dalla centrale è di 1000 m3/s divisa su 4 gruppi Kaplan ad asse verticale, che rappresentano le più grandi turbine di questo tipo installate in Italia. I gruppi 1 e 2 sono originali del 1960 di costruzione Tosi a 4 pale con potenza di 18,5 MW circa, mentre i gruppi 3 e 4 di costruzione Riva Hydroart sono stati installati a fine anni 80 e hanno 5 pale e una potenza di 22,5 MW circa. In futuro anche le giranti dei gruppi 1 e 2 verranno sostituite con altre a 5 pale di nuova concezione per incrementare rendimento e potenza.
La velocità di rotazione dei gruppi è molto bassa, 53,57 rpm, gli alternatori a "ombrello" di costruzione Ansaldo hanno un diametro di 6 m e 112 poli. La tensione in uscita dai generatori è 10 kV e viene elevata a 132 kV dai trasformatori posti all'esterno della centrale sopra lo scarico delle acque.

Ringraziamenti:

Si ringrazia L'utente del forum "Francis" per aver fornito informazioni utili e foto per la stesura dell'articolo.

pelton1989

Uno dei giovani redattori di ProgettoDighe.