Ravedis

di



Vedi on line: Foto gallery


  • Stato: Italia
  • Regione: Friuli-Venezia Giulia
  • Provincia: Pordenone
  • Corso d'acqua: Cellina
  • Condizione: Costruzione
  • Uso: Irriguo
  • Concessionario: Con. Bon. Cellina - Meduna
  • Ufficio periferico RID: Venezia
  • Tipologia dello sbarramento: Gravità ordinaria in calcestruzzo
  • Anno Fine Costruzione:
  • Quota di massima regolazione[m s.l.m.]: 338.500
  • Altezza dello sbarramento[m]: 95.000
  • Lunghezza del coronamento[m]: 169.000
  • Volume della diga[103 x m3 ]:
  • Capacità  invaso[Mm3]: 26.000
  • Quota autorizzata[m s.l.m.]:
  • Volume autorizzato[Mm3]:
  • Capacità  nominale dell'impianto idroelettrico[MWh]:
  • Coordinate: 46.1726351932914 N 12.655700620272 E

Vedi sullo SKYdam: Ravedis


La funzione dello sbarramento è principalmente quello di regolare il deflusso del torrente Cellina e quindi, diversamente dalle altre dighe essa è dotata da 2 enormi scarichi di fondo dal diametro di 8 metri. Come termine di paragone possiamo prendere le dighe di Cà Selva e di Barcis che hanno uno scarico di fondo di circa 4 metri di diametro.
Si ha anche la presenza di una presa per la derivazione elettro-irrugua della centrale elettrica di Ponte Giulio.

La storia della diga di Ravedis è molto travagliata in quanto i primi progetti di costruire uno sbarramento nei pressi la stretta di Ravedis risalgono agli anni 50. Il bacino imbrifero del Cellina e del Meduna fanno parte di una zone delle più piovose d’italia, se non la più piovosa. Questo causa, specialmente nel periodo autunnale, frequenti piene del fiume Cellina che si traducono in tracimazioni nella zona di Pordenone. Questo problema aveva raggiunto l’apice con la piena del ’66. Oggi come oggi il problema è ancora d’attualità in quanto oltre alla patologica piovosità si è unita anche una scarsa pulizia degli alvei dei fiumi (causata sia da incuria che da motivi ambientali) che portano il fiume Cellina a tracimare praticamente ogni autunno, causando innumerevoli danni. Negli anni 50 era stata costituita una commissione per lo studio e la prevenzione di questo fenomeno. La soluzione propugnata dalla commissione era quella della costruzione di uno sbarramento che fungesse da regolatore per le piene del Cellina. Questo sbarramento è quello di Ravedis. Purtroppo nell’ottobre del 1963 franò il monte Toc nel bacino del Vajont. Questo fatto fermo completamente la costruzione di qualsiasi sbarramento nella zone e di conseguenza quella della diga di Ravedis. Negli anni ’90 visto che il problema delle piene del Cellina non era stato risolto venne ripresa la costruzione della diga da parte del Consorzio di Bonifica del Cellina-Meduna. I lavori procedettero per alcuni anni fino alla fine dei stanziamenti. Recuperati i fondi per completare la costruzione, al momento di riprendere i lavori, sull’impresa costruttrice della diga si abbattè il ciclone tangentopoli bloccando nuovamente i lavori. Solo alla fine degli anni 90, inizio del 2000 i lavori hanno ripreso il loro corso e con il 2010-2011 si dovrebbero completare i collaudi e le opere accessorie quali anche i lavori di ripristino della vecchia strada della Valcellina.


Come raggiungere la diga

Da Montereale (PN) imboccare la SS521 Val di Zoldo-Valcellina, proseguire in direzione Barcis. Appena sopra l’abitato di Montereale si entra nella galleria Magredo. Poco dopo la galleria sulla destra, in fondo alla vallata si può vedere la diga.
I punti per parcheggiare sono in prossimità della diga sono due, un piccolo spiazzo all’inizio di una strada sterrata immediatamente fuori della galleria oppure sulla strada principale appena un centinaio di metri più avanti, un grande spiazzo che è l’ingresso per i mezzi pesanti per i lavori della diga.
Dal ponte che collega Montereale a Maniago, sempre sulla SS521, si riescono a vedere gli sbocchi degli scarichi di fondo.

La diga attualmente è ancora un cantiere aperto ma comunque è possibile organizzare delle visite per piccole comitive contattando il Consorzio di Bonifica Cellina-Meduna.


info portfolio

Ravedis - 2005 Blondins e corpo diga Ravedis - 2005 vista a monte Ravedis - 2005 Motori del blondin Ravedis - 2005 Pulegge del blondin Ravedis - 2005 Corpo diga Ravedis - Presa Ravedis - Corpo diga Ravedis - Scarichi di superficie Ravedis - Scarichi di superficie Ravedis - 1996 lavori di consolidamento sponde Ravedis - 2004 cabina motori paratoie Ravedis - 2004 bacino visto dal coronamento Ravedis - 2004 Lavori a valle visti dal coronamento Ravedis - 2004 Corpo diga Ravedis - 2004 Coronamento Ravedis - 2004 Lavori sullo scarico di superficie Ravedis - 2004 Avandiga e scarico di superficie Ravedis - 2005 torre del blondins Ravedis - Schema Ravedis - panorama

(pubblicato il Giugno 2010)